Home News Una punizione che lo stava portando alla morte: viene trovato pelle e...

Una punizione che lo stava portando alla morte: viene trovato pelle e ossa

Un cane è stato costretto dal suo proprietario a indossare costantemente la museruola: il Fido è stato trovato pelle e ossa

cane costretto indossare costantemente museruola
Cane costretto ad indossare costantemente la museruola viene trovato pelle e ossa (Foto Facebook)

Ha solo un anno e già ha vissuto l’inferno. Un povero cagnolino di nome Rico è stato trovato dai volontari del rifugio Saint-Dié-des-Vosges gravemente denutrito.

Il pelosetto era ridotto a pelle e ossa, il suo corpo esile ha scioccato i volontari.
La ragione che aveva condotto il Fido in quelle condizioni era davanti ai loro occhi: il cane indossava una museruola.

Una museruola che non aveva messo solo in quell’occasione, per precauzione, ma un oggetto di cui l’animaletto non si liberava mai.
Per evitare che Rico abbaiasse, il proprietario aveva costretto il cane ad indossare sempre e costantemente la museruola.

Così il cucciolo era stato obbligato a convivere con quell’arnese. Una morsa che gli stringeva il muso, che gli procurava un dolore incredibile. Una gabbia che gli impediva di comunicare a modo suo, di sbadigliare e di mangiare.
Una punizione al suo essere “rumoroso” che lo stava portando alla morte.

Trovato gravemente denutrito: cane viene costretto ad indossare costantemente la museruola

cagnolino Rico trovato magro denutrito
Cane costretto ad indossare costantemente la museruola viene trovato pelle e ossa (Foto Facebook)

I volontari del rifugio Saint-Dié-des-Vosges, insieme agli agenti della polizia municipale, si sono recati presso l’abitazione del padrone di Rico.
Alla richiesta dello staff dell’associazione di vedere l’animaletto, il proprietario è andato in un’altra stanza ed è tornato con quello che era lo scheletro di un cane.

Il cucciolo, un incrocio tra un Beagle e un Malinois, era tenuto al guinzaglio e indossava la museruola. Il suo corpo gracile, le sue ossa evidenti hanno sconvolto i presenti. L’uomo ha dichiarato di far indossare costantemente la museruola al cane per evitare che abbai.

I volontari hanno subito fatto notare al proprietario il grave stato di denutrizione dell’animaletto. Il padrone dapprima ha cercato di negare il problema (esibendo anche in maniera sfrontata un pacchetto di crocchette ancora chiuso), poi ha ammesso che il Fido era palesemente emaciato e ha promesso di portarlo dal veterinario.

Considerando che il veterinario di fiducia del proprietario di Rico dista solo 200 metri da casa sua e la presenza di un tappeto pregno di urina, che suggeriva che il cane non veniva portato regolarmente a fare le sue dovute passeggiate per espletare i suoi bisogni fisiologici, lo staff dell’associazione non si è fidato della parola dell’uomo e gli ha sottratto il quattro zampe.

In merito alla vicenda, il vicepresidente del rifugio, Nicolas Cuny, ha dichiarato: “Se lo avessimo lasciato, sarebbe morto“.

Potrebbe interessarti anche: Coperto da 7 chili di pelo, cane riemerge dalla sporcizia

cane costretto indossare costantemente museruola
Cane costretto ad indossare costantemente la museruola viene trovato pelle e ossa (Foto Facebook)

Il proprietario ha accettato di cedere il cagnolino senza opposizioni. Così Rico è stato immediatamente condotto in una clinica veterinaria e fatto visitare. Secondo quanto riportato dal veterinario, la magrezza del cane era in uno stato così avanzato che avrebbe potuto costargli la vita.
Fortunatamente, il quattro zampe è stato portato in salvo giusto in tempo.

Potrebbe interessarti anche: Mette il cane malato in un secchio arrugginito e lo lascia al rifugio

Lo staff dell’associazione ha denunciato il proprietario del cagnolino per maltrattamento di animali.
Per quanto riguarda Rico, i volontari hanno comunicato che il pelosetto sta già recuperando peso. Il Fido resterà ospite della Saint-Dié-des-Vosges il tempo necessario per guarire completamente, dopo di che potrà essere dato in adozione.
Una nuova possibilità per questo cucciolo di essere finalmente felice.