Home News Il cane labrador con la vitiligine fa il suo ingresso sui social...

Il cane labrador con la vitiligine fa il suo ingresso sui social e conquista tutti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:05
CONDIVIDI

Il labrador affetto da vitiligine, con macchie bianche e nere spopola sui social

cane vitiligine
@Instagram

Recentemente, Santieri, proprietario di un bellissimo e particolare labrador di nome Blaze, ha condiviso una fotografia del suo amato cane in un gruppo Facebook della Dogspotting Society che conta quasi un milione di membri.

“La cosa preferita di Blaze è stare in casa. È seduto accanto al tavolo da pranzo (labrador nero con vitiligine)“. Commentò Santieri, senza poter immaginare che quello sarebbe stato l’inizio di un successo virale in rete. Il post è stato infatti condiviso più di 1.200 volte e ha ottenuto oltre 2.800 commenti. Migliaia di utenti sono stati colpiti dal manto di Blaze che in realtà deriva dalla vitiligine, una patologia molto rara nei cani.

Blaze è un cane di razza labrador, ormai non più giovane. Ha dieci anni ed è entrato nella sua famiglia che vive in Finlandia quanto era un cucciolo. Il suo manto è stato di colore nero per gran parte della sua vita fino a quando, a circa 8-9 anni, ha iniziato a sviluppare delle macchie bianche che hanno finito per prevalere su tutto il corpo.

Per il resto è sempre stato un cane sanissimo che ama vivere all’aria aperta, passeggiare nei boschi e correre libero e giocare nella neve.

Il padrone ha spiegato che la patologia non ha conseguenze sulla salute del cane.

“Il colore bianco ha iniziato a diffondersi da una piccola macchia sull’orecchio. La cosa strana è che nessuno dei suoi fratelli ha questa malattia”, ha raccontato Santieri. Nonostante l’età e la vitiligine, Blaze non ha perso la sua energia. Al contrario, continua a fare la vita di sempre, a viaggiare in auto ed è sempre pronto a partire per una nuova avventura.

Cani star della rete

Considerando l’età e il colore bianco, Blaze si è anche conquistato dei simpatici soprannomi che gli sono stati dati dagli utenti quali “The old man” (il vecchio uomo).  Molte persone sono rimaste sorprese, alcune hanno anche sottolineato che “non avevo idea che i cani potessero avere la vitiligine! Lo rende ancora più bello!”.

Visto il successo, il proprietario ha deciso di aprire una pagina instagram intitolata “blazethedog” dove pubblica bellissime immagini del cane in ottima forma. La caratteristica del suo manto lo ha reso una piccola star.

Così come una gatta nera di nome Ellie, affetta anche lei di vitiligine, tanto da sembrare un “gufo delle nevi”. Anche la sua padrone ha creato una pagina Instagram elli.vitiligo 

che, per raccontare a tutti la sua storia, Nicole ha creato una pagina instagram aggiornata con le fotografie di Ellie che documentano la sua evoluzione da quando è stata trovata “tutta nera” e le sue trasformazioni nel tempo.

Vitiligine nei cani

La vitiligine è una patologia che ha un decorso asintomatico nei cani. Consiste nella totale assenza di melanociti. Ci sono diverse cause che possono provocare la vitiligine che può derivare da fattori autoimmuni, tossico o nervosi, oppure può essere provocata da un virus. Al di là dei fattori ereditari o patologici che l’hanno causata, la vitiligine non crea problemi o dolori al cane; è innocua e non reca fastidio. E’ un fattore solo estetico che non comporta conseguenze sulla salute dell’animale. Per cui non esiste una cura specifica se non collegata alle patologie che l’hanno provocata.

Tra i primi sintomi, le prime macchie appaiono sul muso, intorno al naso, agli occhi o dietro le orecchie. Il pigmento nero o marrone tende a sbiadirsi e a trasformarsi in bianco. e può trasformarsi in bianco. Può restare circoscritta in un’area oppure estendersi su tutti il corpo.

Alcune razze sono più inclini a contrarla come Rottweiler, Golden Retriever, Labrador e Husky siberiani.

Guarda i post su Instagram

Blaze

Ti potrebbe interessare–>
Gatto nero affetto dalla vitiligine diventa bianco
Croste sulla pelle del cane: cosa può essere e come rimediare? Le cause più comuni

C.D.