Home News Come combattere l’ansia nei gatti e nei cani: cause, sintomi e rimedi

Come combattere l’ansia nei gatti e nei cani: cause, sintomi e rimedi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:47
CONDIVIDI

Vediamo come combattere l’ansia nei gatti e nei cani: cause, sintomi e rimedi per alleviare l’afflizione dovuta ad ansia nei nostri animali domestici.

combattere ansia gatti cani
Come combattere l’ansia nei gatti e nei cani: cause, sintomi e rimedi (Foto Pxhere)

Molte persone soffrono di ansia ad un certo punto della loro vita. Fortunatamente per noi, ci sono risorse e strumenti prontamente disponibili per aiutarci a ridurre le nostre ansie. E le nostre controparti a quattro zampe? Provano anche ansia? E se è così, come possiamo aiutarli al meglio quando non sono in grado di esprimere ciò che li affligge?

Come noi, gli animali possono sviluppare ansia. Le vittime di crudeltà, abusi o abbandono possono essere particolarmente inclini all’ansia. Ma l’ansia può verificarsi negli animali da qualsiasi sfondo.

Potrebbe interessarti anche: Come comunicare con un gatto ansioso e come alleviare il suo stress

Come combattere l’ansia nei gatti e nei cani: cause, sintomi e rimedi

combattere ansia nei gatti
Come combattere l’ansia nei gatti (Foto Unsplash)

L’ansia da separazione è più frequente negli animali domestici. L’ansia da separazione si innesca quando cani o gatti si arrabbiano a causa della separazione dai loro tutori o dalle persone a cui sono legati.

In questo periodo si è discusso molto su come prevenire l’ansia da separazione del cane post emergenza sanitaria. Non ci sono prove conclusive che dimostrino esattamente perché gli animali domestici sviluppino ansia. Molti animali adottati ne soffrono quindi sembra sia legato alla perdita della figura umana di riferimento, ma anche cambiare casa o cambiare abitudini può, come per gli umani, innescare ansia.

Potrebbe interessarti anche: Cane ansioso, suggerimenti e rimedi contro l’ansia nei cani

Nei gatti, segni come nascondersi, non mangiare, astinenza sociale, ansimare, ipervigilanza, pupille dilatate, aggressività e code o orecchie contratte possono indicare stress e ansia. Nei cani i sintomi possono essere confusi con una cattiva educazione come abbaiare insistentemente, trattenere il proprietario, distruggere gli oggetti e tentare di fuggire.

Una volta chiarito che anche anche gli animali domestici possono provare ansia e quali sono i sintomi, cosa bisogna fare per aiutarli? L’ansia è un disturbo patologico quindi è il caso di rivolgersi a un veterinario che verifichi che i sintomi non siano riconducibili ad altri disturbi di salute e poi a un terapista per animali.

Le strategie disponibili sono diverse e variano a seconda della causa dell’ansia e della risposta dell’animale. Il terapista potrebbe suggerire di far abituare per gradi il gatto o il cane alla causa della sua ansia (l’assenza del proprietario, un nuovo umano/animale in casa, ecc) o di trovare per lui un luogo dove possa sentirsi al sicuro o ancora di procurargli dei giochi idonei, come questo fa questo gatto che gioca a sudoku per alleviare la sua ansia.

T. F.