Home Gatti Salute dei Gatti Come comunicare con un gatto ansioso e come alleviare il suo stress

Come comunicare con un gatto ansioso e come alleviare il suo stress

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:01
CONDIVIDI

Cosa succede quando un micio soffre di ansia al suo rapporto con il padrone? Come possiamo comunicare con un gatto ansioso e risolvere il suo problema?

Come comunicare con un gatto ansioso e come alleviare il suo stress
Comunicare con un gatto ansioso e alleviare il suo stress (Foto Unsplash)

A volte ci chiediamo: cosa succede nella testa del nostro gatto? Magari abbiamo notato alcuni cambiamenti insoliti nel suo comportamento, e siamo preoccupati che potrebbe non essere così felice come vorremmo che sia. Come possiamo allora comunicare con un gatto ansioso e cercare di capire cosa sta realmente succedendo nel nostro animaletto domestico? Ecco qualche consiglio utile per capire innanzitutto come sta il nostro micio, e poi per comunicare e risolvere questo problema.

Il gatto ha l’ansia? Riconoscere i segni

Giochi da fare con il gatto
Un gatto aggressivo può essere ansioso. (Foto Unsplash)

I gatti mostrano ansia in diversi modi. Alcuni sono abbastanza ovvi, mentre altri sono molto più sottili e potrebbero passare inosservati se non sappiamo a cosa fare caso. I sintomi includono aggressività, aumento della vocalizzazione, incidenti con i bisognini, graffi eccessivi e perdita di peso.

Ripetuti attacchi di malattia o ricorrenti infezioni del tratto urinario sono un altro segno di ansia del gatto. Questo avviene perché lo stress colpisce il sistema immunitario, aumentando le possibilità di malattie o altri problemi di salute.

Cerchiamo innanzitutto di identificare la causa principale dell’ansia. Ad esempio, abbiamo appena cambiato casa? Sono state apportate modifiche recenti al loro ambiente, come un nuovo arrivo o un altro animale domestico? In tal caso, il gatto potrebbe mostrare alcuni segni di ansia fino a quando non verrà a patti con la nuova situazione. 

La maggior parte dei gatti cuccioli starà bene dopo circa una settimana, mentre i gatti adulti e quelli anziani potrebbero impiegare un po’ più tempo per adattarsi alle novità. Lo stesso vale per i gatti selvatici che si stanno adattando alla loro nuova vita quotidiana da gatto domestico. Questi gatti possono conservare alcuni dei loro comportamenti selvaggi per alcuni mesi, tra cui la marcatura del loro territorio ed il rifiuto di usare una lettiera.

Come comunicare con un gatto ansioso

micio bicolore tuxedo Come comunicare con un gatto ansioso
Come comunicare con un gatto ansioso? I movimenti parlano. (Foto Unsplash)

Se vogliamo sapere come si sente il nostro gatto, dobbiamo osservare il loro linguaggio del corpo. Quando un gatto è felice, tende a camminare con un senso di fiducia. In altre parole, si pavoneggia con la testa alta e le spalle in fuori. Un vero spavaldo!

Quando i gatti si sentono ansiosi, invece, possiamo notare un grande cambiamento nel loro linguaggio del corpo. Tendono a sembrare molto più piccoli, tenendo le orecchie piatte sulla testa, i baffi tirati indietro, e la loro coda può sembrare rigida o rigida. Uno sguardo attento al modo di muoversi del nostro micio ci fa capire tanto di come stia.

Come aiutare un gatto ansioso

Problemi urinari del gatto
Ansia e stress del gatto: è importante saper riconoscere i segnali (Foto Unsplash)

Se la situazione non migliora dopo alcune settimane o se non riusciamo a identificare la fonte dell’ansia, è tempo di agire. Parlare con un veterinario o uno specialista del comportamento animale è un buon punto di partenza.

Gli esperti possono aiutare a identificare la natura del problema, consigliare noi padroni su cosa fare dopo, anche apportando eventuali modifiche alla nostra casa o routine. E se l’ansia è grave, allora possono prescrivere farmaci per l’ansia, per un aiuto immediato e a breve termine.

E per quel che riguarda l’ansia da separazione?

Il gatto che guarda attraverso la finestra Facebook
Ansia da separazione nel gatto. (Foto Facebook)

Essere padroni di animali domestici può essere un duro lavoro. E come padroni di gatti, vogliamo che i nostri animaletti sappiano quanto li amiamo, ma sappiamo anche che hanno bisogno della loro indipendenza per essere veramente felici.

I gatti senza una buona dose di indipendenza sviluppano presto ansia da separazione. Questo avviene quando non riescono a far fronte al dover stare lontani dai loro umani preferiti per un periodo prolungato. I gatti con ansia da separazione seguono i loro proprietari ovunque, piangono ogni volta che vengono lasciati soli e iniziano a fare i capricci o diventare aggressivi quando stiamo per uscire.

Un’altra cosa importante è capire le cause dell’ansia da separazione. L’ansia da separazione è causata da una mancanza di socializzazione, traumi precoci o abusi, ed è particolarmente comune nei gatti che sono hanno cambiato padroni più volte.

Cosa possiamo fare per alleviare lo stress del gatto

Portare il gatto dal veterinario
Portare il gatto dal veterinario può risolvere il problema. (Foto Adobe Stock)

Alcuni giocattoli extra, un tiragraffi, una stazione per arrampicate e dei rompicapi con premi in cibo, sono tutti ottimi modi per mantenere il nostro gattino stimolato fisicamente e mentalmente. E più sarà impegnato con l’ambiente esterno, meno tempo avrà per sentirsi ansioso o solo.

Possiamo anche provare alcuni specifici prodotti adatti a calmare i gatti. Rilasciano profumi che imitano dei feromoni naturali, che hanno un effetto calmante sui gatti. Sono disponibili in spray o diffusori. I prodotti calmanti per gatti possono funzionare bene, ma sono sicuramente una soluzione più a breve termine che di lunga durata. Quindi, anche se notiamo un effetto positivo, dovremmo comunque affrontare la causa principale dell’ansia del nostro gatto.

E abbiamo mai pensato all’aromaterapia felina? Lavanda, camomilla e valeriana possono tutte avere un effetto positivo sul benessere di un gatto. Lasciamo una ciotola di fiori secchi nella stanza preferita del nostro gatto. Potrebbe aiutarlo con il profumo di queste piante.

La salute mentale felina è qualcosa che ogni padrone deve prendere sul serio. E poiché i nostri gatti non possono dirci come si sentono con le parole, sta a noi tenerli d’occhio e cercare eventuali cambiamenti nel loro comportamento che possano indicare ansia. Come possiamo vedere, c’è molto che possiamo fare per migliorare il benessere del nostro animale domestico. Ma se ci sono ancora dei dubbi o se le condizioni del nostro gatto non mostrano segni di miglioramento, non dobbiamo esitare a parlare con uno specialista.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello