Home Gatti Salute dei Gatti #IoRestoaCasa in quarantena con il gatto: cosa dice il comportamentalista

#IoRestoaCasa in quarantena con il gatto: cosa dice il comportamentalista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:24
CONDIVIDI

Come vivere questi giorni di quarantena con il gatto? Scopriamo i suggerimenti del veterinario esperto in comportamento animale.

quarantena con gatto
Come comportarsi con il gatto in quarantena senza stressarlo (Foto Pexels)

La dottoressa Sabina Giussani, esperta di comportamenti animali, ha deciso di dare qualche consiglio a noi padroni di animali domestici, per gestire al meglio la convivenza con i nostri pelosetti in questi particolari giorni di emergenza Coronavirus. Come sappiamo, lo stress per i nostri gatti quando modifichiamo le loro abitudini può influire molto su di loro, soprattutto come adesso quando non capiscono cosa succede in un momento straordinario. Vediamo come far vivere al meglio questo periodo ai nostri pelosetti, per dare loro tutto l’affetto e il sostegno di cui hanno bisogno.

Nei giorni di permanenza forzata a casa, di sicuro saremo tutti un po’ straniti, e i nostri amici a quattro zampe sicuramente non sono da meno. Il nostro rapporto con i gatti è sicuramente influenzato da questa situazione. Solitamente, la maggior parte di noi è fuori casa durante la giornata e non ha tutto il giorno per stare con il proprio micio, che sia per lavoro o altro. D’altro canto, nemmeno il nostro gatto è abituato a vederci stare a casa con lui per tutto questo tempo, il che potrebbe renderlo nervoso.

La parola all’esperto

Gatto maschio o femmina
Il gatto a casa e abituato al silenzio? In questi giorni sarà a disagio. (Foto Unsplash)

La dottoressa Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale, nonché Senior President di SISCA (Società Italiana Scienze del Comportamento Animale), sottolinea che i nostri cani e gatti si rendono conto che questa insolita vicinanza con gli umani è straordinaria, riescono infatti a distinguerla della quotidianità o di una vacanza estiva.

Sicuramente la vicinanza di un micio può essere per noi un’ottima fonte di amore, che è fondamentale nella nostra vita. Proprio in questo periodo poi, un po’ di affetto in più da parte del nostro micio può servirci. Ma non dobbiamo comunque fare troppa pressione sul nostro amico a quattro zampe, perché i nostri comportamenti potrebbero essere per lui un motivo di stress.

Come comportarsi

zampe micio pulire
Come comportarsi in quarantena con il gatto. (Foto Pexels)

I nostri animali riescono tranquillamente a capire il nostro comportamento, dice la dottoressa Giussani, ma anche le emozioni e il nostro linguaggio possono trasmettere qualcosa ai gatti. Quindi, evitiamo il panico il più possibile, evitando di mostrarci agitati o stressati, per evitare di trasferire in loro l’ansia.

Per quel che riguarda il fare le coccole invece, possiamo farlo con moderazione. Coccolare il nostro gatto di sicuro può servire a noi come fonte di relax e distrazione, ma dobbiamo assicurarci di non esagerare nella ricerca di attenzione, gioco o coccole. Questa nostra eccessiva presenza potrebbe infatti risultare per il gatto fastidiosa, perché ha anche bisogno di  riposare in tranquillità o restare da solo quando vuole. 

I gatti infatti hanno bisogno di momenti di tranquillità e di non essere sottoposti a continui stimoli, magari in un ambiente sempre attivo e con continuo rumore. Questo potrebbe dar loro una sensazione di disagio, specie quando di solito hanno a disposizione la casa in tranquillità e silenzio mentre noi siamo fuori per lavoro. E non dimentichiamo che quando torneremo alla normalità, un altro passaggio alla vita regolare sarà causa di un altro stress per il nostro micio.

micio zampe lavare
Anche il gatto lava spesso le mani (Foto iStock)

Sfruttiamo quindi questo tempo per rafforzare il nostro legame con il gatto, dice la dottoressa Giussani, ma solo quando vediamo che lui è effettivamente disponibile a giocare o essere coccolato. Cerchiamo anche di proporre qualche nuovo gioco, come ad esempio:

  • Nascondino: nascondiamo qualche croccantino dalla sua razione quotidiana, magari sotto un angolo del tappeto o sotto un asciugamano steso sul pavimento. Giocheremo così insieme a ritrovarli.
  • Giochi d’acqua: in un catino mettiamo due dita di acqua e immergiamo una pallina di plastica o una barchetta di carta. Il gatto giocherà a spingere questo galleggiante sulla superficie.
  • Caccia al tesoro: in una scatola di cartone, mettiamo un paio di strati (almeno) di palline fatte di carta, e lanciamo dentro un topolino giocattolo, così che il gatto possa giocare a rincorrerlo come se fosse a caccia.
  • Aerei di carta: costruiamo un aeroplanino di carta da lanciare e sfidare il gatto a acchiapparlo in volo.

Potrebbe interessarti anche >>>

Fabrizio Burriello