Home News Cuccioli regalati a Natale: dalla vita in famiglia alla strada come randagio

Cuccioli regalati a Natale: dalla vita in famiglia alla strada come randagio

CONDIVIDI
cuccioli a natale
Cuccioli regalati a Natale

Quello che porta il Natale nell’animo della famiglie non la porta nessun’altra festività. Il senso dell’amore, della nascita come dono più bello della vita.

Cucciolo regalato a Natale

La gioia di un cucciolo a Natale è forse una delle emozioni più belle che si possono provare. Trovare una creatura dolce con un bel fiocco rosso, un po’ maldestra che infonde solo tenerezza è un’esperienza piena di magia.

Tuttavia quello che bisogna ricordare è che un cucciolo di cane, di gatto o un qualsiasi altro animale è un essere vivente che necessita attenzioni e si rivela un impegno.

Regalare un cucciolo a Natale: si o no? Ecco come cambia la vita

Inoltre, dietro a questi battufoli trovati nelle vetrine nei negozi, tra gli annunci in rete, esiste un vero e proprio commercio e traffico internazionale di cuccioli, molte volte illegale, con esemplari allevati nella maggior parte dei casi nell’Est Europa, in allevamenti o strutture lager.

Cuccioli tolti alla madre troppo presto, sottoposto ad un viaggio stressante, per poi essere rivenduti in occasioni delle festività. Nella maggior parte dei casi, i cuccioli sono malati, hanno patologie che derivano dalle condizioni di allevamento, ma anche problemi comportamentali, legati all’ambiente in cui sono cresciuti e al fatto che sono stati separati troppo presto dalla madre, prima della fase di socializzazione.

Cucciolo a Natale a randagio per la strada

cuccioli natale
Cucciolo sotto l’albero

Ogni anno, migliaia di cuccioli sono regalati a Natale. Ogni volta, i dati parlono chiaro. Fin dai primi giorni di gennaio, iniziano i numeri funesti degli abbandoni di questi esemplari.

Cucciolo regalato a Natale: abbandonato i primi giorni del 2018 in canile

Un numero che a ridosso dell’estate arriva ad una quota allarmante e tragica toccando anche i 50mila esemplari abbandonati. Cuccioli felici e allegri che dal giorno all’indomani si trovano randagi, condannati e destinati a sopravvivere in un luogo ostile, senza protezioni e che spesso finiscono inviestiti dalle automobili o nelle reti dei canili, dove molti, finiranno i loro giorni.

Le scuse dei proprietari sono le più svariate.
l’impegno è troppo
– il cane sporca dapertutto
-il cane fa la pipì per terra
-il cane lascia i peli
– mi sono reso conto che non ho tempo
– il cucciolo morde
– mio figlio è allergico
ecc..

Una lista infinita di scuse per giustificare le proprie irresponsabilità.

Come aiutare un animale a Natale

animali a natale
Cuccioli in canile

Ci sono molte persone che amano gli animali e che rinunciano ad accogliere un esemplare perché consapevoli di non poter far fronte all’impegno in base allo stile di vita, agli orari di lavoro o perché la casa non è adatta.

Amare un animale non significa per forza averne uno a casa.
Si può amare gli animali e aiutarli in diversi modi.

  • adottare un esemplare a distanza (di diverse specie e in tutto il mondo). Ci sono numerose associazioni che proprongono adozioni a distanza;
  • facendo il volontario in un canile, un rifugio o in un’associazione. C’è sempre bisogno di un mano per mantenere pulite le struttute, portare a spasso i cani, dare loro da mangiare, portarli dal veterinario o semplicemente per dare loro un po’ d’affetto, anche il giorno di Natale. Per loro la festa è stare vicino alle persone;
  • contribuendo a fare raccolte di farmaci, coperte o cibo per gli animali ospitati nei rifugi;
  • donando un contributo ai rifugi e associazioni che si occupano degli animali;
  • stallando un animale, ovvero nel gergo animalista, accogliere per un breve periodo un animale in cerca di adozione o nel periodo di degenza da un’intervento per cui non può restare da solo in un box del canile;
  • rendersi disponibile per delle staffette, ovvero collaborare a portare un animale, magari adottato, o per uno spostamento, da una tratta ad un’altra tratta;
  • non restare indifferenti ad un animale ferito lungo la strada, ad un animale abbandonato e in cerca di aiuto;
  • adottare un cane/gatto anziano o malato in canile;
  • adottare un cane/gatto.

C.D.