Home News Cupido il gatto sopravvissuto a una freccia in testa

Cupido il gatto sopravvissuto a una freccia in testa

E’ stato soprannominato Cupido il gatto che ha vissuto una bruttissima esperienza che fortunatamente è finita bene. Il piccolo infatti il giorno di S.valentino è stato ritrovato con una freccia conficcata vicino all’occhio. Sembra un miracolo ma il gatto è sopravvissuto.

Cupido il gatto con la freccia
Cupido il gatto trovato il giorno di San Valentino con una freccia nella testa

Non sono chiari motivi che hanno portato il piccolo gatto arancione ad essere ritrovato con una freccia conficcata vicino all’occhio, non è stato possibile infatti  stabilire , se il gatto si sia trafitto accidentalmente da solo, o se qualche persona senza cuore abbia ferito il povero micio.

Cupido il gatto con la freccia in testa

Cupido il gatto con la freccia
Cupido il gatto trovato il giorno di San Valentino con una freccia

Il giorno di San Valentino è stato ritrovato con una freccia nella testa il piccolo gatto che secondo i primi accertamenti sembrava spacciato, la freccia  gli si sia conficcata nella testa e a detta dei veterinari il triste epilogo era avvenuto circa una settimana  prima del ritrovamento.

Per una settimana quindi il gatto ha patito una sofferenza indicibile, finché alcuni soccorritori della Virginia dell’Ovest hanno chiamato la Animal Welfare League di Arlington nella vicina Virginia per  ricevere assistenza medica.

Su un post Facebook sono anche state pubblicate alcune immagini strazianti del piccolo ferito inserendo la didascalia “Come potremmo dire di no?”

Non appena abbiamo visto le sue foto, sapevamo che dovevamo intensificare e vedere se potevamo salvargli la vita.”

Il gatto è stato trasportato all’AWLA durante il fine settimana, dove un veterinario è immediatamente accorso per l’emergenza somministrando al felino antidolorifici, e sottoponendolo a radiografie e cure notturne specifiche per potergli salvare la vita.

Nonostante il disagio e il dolore che il gatto aveva provato e continuava a provare, capendo che quelle persone volevano solo aiutarlo, iniziò a fare le fusa ogni volta che un volontario gli si avvicinava, mostrando quindi il suo lato tenero e immensamente grato per l’aiuto che stava ricevendo.

Il gatto fu operato d’urgenza e i medici poterono constatare ciò che era emerso dalle radiografie, fortunatamente  infatti la freccia non aveva danneggiato gli organi e nessuna delle arterie principali, nonostante fosse passata attraverso il lato destro della testa alla spalla del felino .

Le maggiori preoccupazioni però rimanevano quelle della possibile infezione, infatti il corpo estraneo era rimasto senza medicazione all’interno del corpo per almeno una settimana ed era impossibile prevedere se la ferita una volta rimossa la freccia si sarebbe infettata ulteriormente.

Fortunatamente grazie alle cure dei veterinari e a gli antibiotici somministrati sembra che ora cupido stia molto meglio e anche se la ripresa sarà lenta la sua salute è salva, e appena si riprenderà, sarà pronto per essere dato in adozione e per trovare finalmente una casa in cui sia amato .

Per lui è stato aperto anche un profilo Instagram dove ogni giorno vengono condivisi i traguardi e i miglioramenti del piccolo, attualmente è seguito da circa 1200 follower ma il numero è in continuo aumento vista la sua miracolosa guarigione.

La sua storia ha infatti toccato il cuore di moltissime persone che per le sue cure hanno deciso di donare moltissimo. In uno dei post pubblicati su Instagram alcuni volontari hanno ringraziato tutti coloro che venuti a conoscenza della toccante storia di Cupido hanno donato il possibile per salvarlo.

“Siamo così, grati a tutti quelli che hanno supportato e / o donato alla causa di Cupido … siamo completamente sopraffatti dalla vostra generosità e non potremmo essere più felici di far parte di questa comunità. GRAZIE!”

L.L.

potrebbe interessarti anche—>

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI