Home News L’applauso delle foche grigie sott’acqua per attirare un compagno

L’applauso delle foche grigie sott’acqua per attirare un compagno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:21
CONDIVIDI

Un video ha rivelato una vera e propria particolarità che fino ad oggi  era passata inosservata, le foche quando sono in amore producono con le pinne un vero e proprio “applauso” sott’acqua per attirare delle potenziali compagne per l’accoppiamento e per allontanare i rivali.

Foche prima degli applausi ( Fonte foto Screen Video )

Lo studio e i filmati che sono stati pubblicati dalla rivista Marine Mammal Science, e fanno notare  come tramite questo “applauso” ovvero lo sbattere le pinne l’una contro l’altra , le foche grigie mettano in guardia i concorrenti e attraggono potenziali compagni.

Solitamente i mammiferi , emettono dei suoni per richiamare l’attenzione del partner, basta pensare alla famosa canzone delle megattere o ai “fischi ” dei delfini, proprio come queste specie anche la foca può emettere dei suoni, anche mentre si trova sulla terra ferma.

Le foche infatti riescono a emettere dei suoni talmente nitidi che alcuni animali in cattività sono stati persino addestrati per eseguire alcune  melodie .

L’applauso delle foche

foca
La foca grigia mentre attira l’attenzione tramite l’applauso ( Fonte foto Screen video )

Ma la voce è  non è l’unica qualità di questi esemplari, e anche se non sono proprio gli unici ad emettere dei suoni a  percussione, schiaffeggiando l’acqua con le pinne o la coda.
Normalmente questo accade in superficie e coinvolge solo una pinna alla volta, nel caso delle foche grigie invece, ciò che le differenzia è che battono letteralmente insieme gli arti anteriori, come fanno gli esseri umani, con l’aggiunta di riuscire ad emettere lo stesso suono anche mentre sono interamente sott’acqua.

Riprendere questo comportamento non è stata assolutamente un’impresa facile, sembra infatti che ci siano voluti circa 17 anni di immersioni durante la stagione riproduttiva, lo studio è stato effettuato da un team di ricercatori composto anche da David Hocking, coordinatore dello studio presso la Monash University che inizialmente, utilizzando solo l’uso dei microfoni, avevano scambiato questi suoni per segnali emessi vocalmente.

A svelare la verità fu però uno degli studiosi che immergendosi notò un grosso maschio adulto sbattere le pinne, identificando precisamente che il suono proveniva dalle pinne e non dalla voce del mammifero.

Gli “applausi” vengono effettuati in maniera velocissima ed è stato quindi molto difficoltoso riuscire a riprendere la scena. Dopo anni precisamente a ottobre del 2017 un grosso maschio di foca grigia applaudì nel momento preciso in cui il sub stava registrando la sua immersione  vicino alle Isole Farne, nel Regno Unito.

Seppur il comportamento di questi esemplare può sembrare una cosa normale, visto che molti di questi animali vengono addestrati negli zoo e nei circhi per applaudire con le loro grosse pinne, la differenza tra il battere le pinne fuori dall’acqua e batterle sott’acqua ha differenza cruciale e non solo, infatti in natura nessuno addestra gli animali a farlo ed è quindi un comportamento naturale.

L’applauso viene fatto appositamente per richiamare l’attenzione su di se, questi esemplari si trovano infatti sott’acqua dove ci sono altri esemplari che emettono suoni , il battito di pinne è un rumore forte che sale sopra  i rumori di sottofondo, in modo che tutta l’attenzione venga concentrata su di chi sbatte le pinne. Una dichiarazione di forza.

Solitamente infatti ad avere questo particolare comportamento sono i maschi che tal volta si battono anche il “cinque” tra di loro, i battiti di pinne  possono aiutare a scoraggiare i concorrenti e attrarre potenziali compagne.

Il comportamento a percussioni non è insolito nel regno animale basta infatti pensare al gorilla che batte i propri pugni sul suo petto per lo stesso motivo della foca grigia .

L.L.

potrebbe interessarti anche—>

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI