Home Foto Animali nell’arte: cani protagonisti della “Notte stellata” di Van Gogh

Animali nell’arte: cani protagonisti della “Notte stellata” di Van Gogh

CONDIVIDI

L’artista americana Aja Trier ha fatto innamorare tutti  con i suoi dipinti post-impressionisti, che hanno conquistato molti cuori con la sua interpretazione della famosa “Notte stellata” di Van Gogh.

Foto Instagram

Aja Trier si è fatta strada con le sue interpretazioni quasi identiche nello stile vorticoso di Van Gogh. Il suo stile rimane fedele a quella del grande pittore, ma ovviamente, Aja ha il suo modo di affrontare i dipinti e l’arte.

Il vigore delle pennellate, i colori accesi e un’intensità di movimento che evoca l’essenza della natura, soprattutto per i soggetti ritratti nelle tele.

L’artista ha studiato al Montserrat College of Art di Beverly ed è stata un’artista a tempo pieno dal 2003. E’ sempre stata influenzata dal fascino delle opere dei post-impressionisti.

potrebbe interessarti anche—>Sembra un dipinto ma la verità è un;altra; guardate!

Foto Instagram

La Trier ha dichiarato durante un’intervista a Bored Panda: “Avevamo molti libri d’arte in casa quando ero giovane. Quindi sono sicura che la prima volta che ho visto un Van Gogh è stato attraverso di loro. La prima volta che ne ho visto uno di persona è stato durante un viaggio universitario a New York nel 2001. ”

“L’energia e il flusso delle sue opere è ciò che risuona con me I colpi spessi…mi piace essere in grado di vedere le impronte digitali dell’artista nell’arte attraverso il loro marchio. Puoi quasi seguire con gli occhi i movimenti fatti a mano “.

potrebbe interessarti anche—>Museo Guggenheim nel mirino degli animalisti per opera con combattimento di cani

Foto Instagram

Vincent Van Gogh, è stato un grandissimo pittore olandese che nacque 1853, creò diversi dipinti incredibilmente famosi, si stima che abbia dipinto più di 900 tele nonostante abbia iniziato a dipingere solo all’età di 27 anni.

Si stima infatti che abbia dipinto i suoi quadri più belli e famosi durante gli ultimi 2 anni della sua vita, dopo aver sofferto per molto tempo di svariati disturbi mentali.

I suoi soggetti erano spesso paesaggi, ritratti e autoritratti. Si dice che il suo lavoro espressivo con il pennello abbia definito il movimento post-impressionista degli artisti.

Un genio disprezzato durante la sua breve vita (morì a 37 anni) riuscì a vendere un solo quadro, “La Vigna Rossa” che ora è esposto nel museo di Mosca.

L.L.

potrebbe interessarti anche—>A febbraio riapre i battenti il Museo del cane a New York

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.