Home News Otter e Bunny, due gatti speciali: la loro storia è commovente –...

Otter e Bunny, due gatti speciali: la loro storia è commovente – VIDEO

Otter e Bunny sono due gatti speciali che hanno fatto dei loro problemi un punto di forza: cosa hanno di diverso.

micini otter bunny diversi
Gatti Otter e Bunny (Instagram – Caroline Grazia)

 

Otter e Bunny sono due gattini, fratello e sorella, un po’ speciali. Sono stati trovati orfani nel Nord della California da un signore che si accorse subito che la coppia aveva qualcosa di diverso. Così li ha trasferiti immediatamente a Baby Kitten Rescue dove hanno ricevute le cure specializzate di cui avevano bisogno. La loro storia è stata raccontata da Caroline Grace, la direttrice della clinica, che ha rivelato tutti i dettagli in un’intervista a The Dodo. Scopriamo alcuni retroscena del passato dei due micini.

Otter e Bunny due gattini speciali ma con tanto amore da donare

gattini otter bunny speciali
Gatto (Instagram – Caroline Grazia)

Otter e Bunny sono due gattini speciali, al maschio mancano alcune dita dei piedi sulle zampe anteriori e a Bunny mancano entrambe le zampe anteriori. Nonostante questo, però, sono entrambi molto determinati e sicuri delle loro capacità. Lo ha rivelato Caroline che lo ha notato non appena la coppia è arrivata in clinica.

Ti potrebbe interessare anche>>>Gatto rinchiuso dentro una valigia a Diano Marina: Aidaa denuncia

Inoltre, quando i micini sono stati trasferiti avevano anche altre difficoltà di salute. Erano in condizioni orribili: malattie delle vie respiratorie superiori, pulci, sporcizia e avevano una grave diarrea – ha spiegato la direttrice a The Dodo – Mentre mi concentravo sul farli stare bene (sotto la direzione del nostro veterinario), ho notato che la testa e il viso di Otter sembravano diversi da un tipico gattino della sua età. Aveva una fronte molto grande e grandi occhi sporgenti. Otter aveva anche quello che sembrava un ascesso nella parte superiore della testa. È stato sottoposto a antibiotici per l’ascesso, ma non è andato via.

Ti potrebbe interessare anche>>>Il gatto Bandit fa da guardia: avvisa il suo umano del pericolo

Così Caroline senza esitare ha portato Otter da un neurologo, che gli ha diagnosticato l’idrocefalo e meningocele. Solo quando compirà sei mesi, potrà proseguire con una risonanza magnetica per capire l’entità della sua condizione e delle sue esigenze. Infine, quando avrà un anno, potrà sottoporsi ad un intervento chirurgico per impiantare una piastra sopra l’apertura nel cranio.

Ti potrebbe interessare anche>>>Un gattino cade in un canale di scolo, ma poi accade qualcosa

 Nonostante siano due gatti speciali, Otter e Bunny amano la vita come due animali normali e non sembrano avere nessuna difficoltà nell’interagire con il mondo esterno. Anzi, donano amore e non vedono l’ora di legarsi ad una famiglia che li possa adottare e prendersi cura di loro.