Home News Sergente si riunisce con il cucciolo di cane salvato durante una missione...

Sergente si riunisce con il cucciolo di cane salvato durante una missione – VIDEO

Un sergente dell’esercito in missione ha salvato un cagnolino randagio. Terminato l’incarico, la donna ha fatto di tutto per poterlo riabbracciare

sergente esercito riunisce cucciolo cane
Il sergente dell’esercito in missione che ha salvato un cucciolo di cane (Foto Facebook)

L’amore può sbocciare ovunque, anche nelle situazione più in attese. Webb, un sergente dell’esercito, era in servizio in un paese straniero quando ha incontrato un piccolo cagnolino randagio.

Il cane, un tenero cucciolo nero e marrone, era magro e indifeso. Il Fido era palesemente l’anello debole di un branco di randagi, e alla donna è subito stato chiaro che da solo difficilmente ce l’avrebbe fatta.

Sergente si prende cura di un cucciolo di cane: si rifiuta di abbandonarlo

cucciolo cane salvato sergente esercito
PupPup, il cucciolo di cane randagio salvato da un sergente dell’esercito (Foto Facebook)

Volendo a tutti i costi aiutare il povero quattro zampe, il sergente lo ha preso sotto la sua ala e ha iniziato a prendersi cura di lui.
Al cagnolino randagio è stato dato il nome di PupPup.

Da allora, il cucciolo ha vissuto sotto la costante protezione e le premure del sergente fino a quando è arrivata una notizia inattesa. La missione del sergente Webb si era conclusa prima del previsto.

Il sergente sarebbe dovuto partire a breve senza poter portare il tenero e indifeso cagnolino con sé. La donna era seriamente preoccupata di come il piccolo se la sarebbe  cavato da solo, in quel luogo ostile.

Charlie temeva per la sua vita e non accettava l’idea di abbandonarlo al proprio destino. Determinata a non arrendersi, la donna ha deciso di fare tutto ciò che era in suo potere per non lasciare il cucciolo indietro.

Potrebbe interessarti anche: Soldato americano salva un cucciolo in Siria: gara di solidarietà per la sua adozione

Webb si è rivolta alla Paws of War, un’organizzazione no profit, per chiedere il loro aiuto. Il sergente aveva bisogno dell’intervento dell’associazione per portare il cagnolino negli Stati Uniti.

“Ho chiesto disperatamente a Paws of War di aiutarmi a portare in America il mio bellissimo PupPup con me perché non sopporto il pensiero di lasciarlo solo.”

“Questo luogo può essere molto difficile per i cani e temo che morirà se verrà lasciata sola. Inoltre, abbiamo creato un legame così forte che significa tutto per me. Non posso voltare le spalle a lei e sarei grata per sempre per l’aiuto ricevuto per portarla a casa con me.”

Potrebbe interessarti anche: Soldato chiede aiuto per poter portare i gatti adottati in missione a casa

Il cofondatore di Paws of War si è immediatamente attivato per consentire a Charlie e PupPup di stare insieme. Mancava circa una settimana alla partenza del sergente Webb, e il tempo a disposizione per fare tutto ciò che era necessario per consentire al cane di lasciare il paese era poco.

In primis, l’organizzazione ha provveduto a portare il cucciolo da un veterinario e farlo vaccinare. Dopo di che lo ha portato in una casa adottiva fino al giorno della sua partenza.
Dopo quattro voli cancellati, il cagnolino è finalmente riuscito a salire a bordo dell’aereo e a volare verso la donna che lo attendeva con ansia.

Il sergente dell’esercito e il cucciolo di cane sono così riusciti a riunirsi e il loro incontro è stato a dir poco emozionante:

Charlie ancora non riusciva a credere che PupPup era lì tra le sue braccia, al sicuro. La donna ha espresso tutta la sua riconoscenza verso la Paws of War per aver portato il Fido da lei, sano e salvo, e averle permesso di poter stare con lei per sempre.

M. L.