Home News Timmy, il cane che porta ancora quei brutti segni intorno al collo

Timmy, il cane che porta ancora quei brutti segni intorno al collo

La storia del cane Timmy, oltre che a lasciargli dei brutti segni intorno al collo, ci permettere di riflettere ancora una volta. Il nostro amico, piano piano, punta a riprendersi.

Cane Timmy
Il cane Timmy di profilo nelle braccia di una volontaria (Facebook – Associazione La Voce del Cane)

Il maltrattamento o la violenza sono entrambi aspetti da continuare a combattere anche nelle società che si dicono emancipate. Perché di emancipazione si parla, ma se poi i risultati sono diversi bisogna continuare a combattere. Anche per i nostri amici a quattro zampe, com’è successo nel caso del cane Timmy.

Un povero cucciolo che è riuscito a scappare da colui o colei che gli stava rendendo la vita un vero e proprio inferno. Un inferno, appunto, che questi cani non scelgono affatto, ma che sono costretti a subire, a volte anche fin dalla nascita. Ora Timmy non aspetta altro che iniziare una nuova vita, lontano dalle intemperie e dai brutti ricordi del passato.

Il cane Timmy si riesce a liberare dai vigliacchi che lo tenevano legato a una corda tutto il giorno

Cane Timmy
Il muso del cane Timmy (Facebook – Associazione La Voce del Cane)

A volte, quello che ci viene da pensare è da far passare a coloro che commettono degli atti vergognosi lo stesso dolore, anche per pochi istanti, che hanno loro stesso praticato su altri esseri viventi. Così da rendersi conto che nefandezze hanno messo in atto. Le stesse che hanno ridotto quasi in fin di vita il cane Timmy.

LEGGI ANCHE >>> Legano una roccia al collo del cane e lo gettano nel fiume (VIDEO)

Una storia che ci arriva direttamente da Viterbo. Timmy è riuscito a scappare da coloro che lo tenevano legato con una corda, stretta al collo, sia il giorno che la notte. Un atto davvero ignobile, al quanto lo stesso cucciolo è riuscito a mettere la parola fine, scappando per sempre da quel posto.

Non si sa come sia riuscito a evadere dalla sua “prigione”, ma è stato trovato a vagabondare da una volontaria di nome Lidia dell’associazione La Voce del Cane. Timmy era in condizione pietose e a stento si reggeva in piedi. Gli sono state date subito le cure antibiotiche di cui aveva bisogno e piano piano si è riuscito a riprendere.

LEGGI ANCHE >>> Donna inorridisce quando vede il suo gatto con il ferro spinato al collo

La stessa Lidia ha dichiarato: “Posso solo immaginare, in parte, quanto abbia sofferto. Quelle cicatrici, ormai, le porterà a vita. Ma ha solo un anno di vita e ne ha un’altra, da passare, in serenità e pace. Speriamo che per lui si possa trovare presto una famiglia”. Per ogni tipo di informazione riguardante l’adozione si può contattare il seguente numero: 346.2163757, al quale risponderà la stessa Lidia.