Home News La Vervoort sceglie l’eutanasia a soli 40 anni, lascia il cane Zen

La Vervoort sceglie l’eutanasia a soli 40 anni, lascia il cane Zen

L’atleta paralimpica belga Marieke Vervoort si è arresa: eutanasia a soli 40 anni, ecco di cosa soffriva e come il suo cane Zen l’ha aiutata in ogni momento.

Vervoort Eutanasia Cane
La Vervoort in gara (Foto Getty Images)

Una grave malattia muscolare degenerativa della colonna muscolare, diagnosticata quando aveva soli 14 anni, ha minato pesantemente il suo fisico nonostante l’abitudine allo sport e all’allenamento costante: non ce l’ha fatta più a reggere Marieke Vervoort, atleta paralimpica belga che a soli 40 anni ha scelto di mettere fine alla sua vita praticando l’eutanasia.

La sua ultima gara paralimpica, alle Paralimpiadi di Rio nel 2016, si è conclusa con una medaglia di bronzo nei 100 metri: al termine, durante una commovente conferenza stampa, la Vervoort aveva parlato per la prima volta della sua scelta di ricorrere all’eutanasia quando il suo fisico non avrebbe più risposto: “Nessuno deve sentirsi obbligato a vivere se il suo corpo si ribella”, aveva dichiarato.

Anche nel momento estremo della fine, accanto alla Vervoort c’è stato il suo amatissimo cane Zen: un labrador che l’ha accompagnata in tutte le fasi della malattia, aiutandola come soltanto un amico a quattro zampe può fare.

Vervoort, ecco come il cane Zen l’ha aiutata nella malattia

Vervoort Cane
La Vervoort con uno dei suoi cani (Foto Instagram)

Oltre alla famiglia, la campionessa Vervoort ha potuto contare sempre sull’affetto incondizionato e l’aiuto prezioso del suo cane Zen: un meraviglioso labrador da terapia in grado di individuare una crisi epilettica in arrivo con circa un’ora di anticipo.

Esattamente come fanno tanti altri cani addestrati appositamente come cani guida per epilettici, anche Zen riusciva a individuare in netto anticipo i segnali di una crisi imminente: questo grazie al suo proverbiale fiuto, in grado di riconoscere l’impercettibile cambiamento dell’odore umano in caso di crisi epilettica in arrivo.

Il cane addestrato a riconoscere la crisi epilettica imminente riesce quindi a fornire un’impareggiabile assistenza a chi come la Vervoort soffre di malattie gravi che annoverano anche l’epilessia tra i sintomi: possono avvertire il paziente in anticipo, riducendo le situazioni potenzialmente a rischio o addirittura aiutando ad evitare del tutto la crisi. Senza dimenticare che un cane come Zen può chiedere aiuto e proteggere il paziente fino all’arrivo dei soccorsi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#BELGICA MEDALLISTA MARIEKE VERVOORT PUSO FIN A DU VIDA A TRAVÉS DE LA EUTANASIA Marieke Vervoort de 40 años tenía una enfermedad muscular degenerativa e incurable. Y por ello la atleta paralímpica belga había autorizado, desde 2008, que médicos la sometieran a la eutanasia cuando ella lo decidiera. La decisión para poner fin a su vida la tomó este martes, anunciaron las autoridades de su ciudad natal de Diest. Según la declaración Vervoort “respondió a esa opción el martes en la noche” y murió a los 40 año s tras abandonar el tratamiento que recibía en un hospital y someterse a una eutanasia. Vervoort, que ganó medallas de oro y plata en los Juegos Paralímpicos de Londres 2012 y otras dos medallas en Río 2016, padeció la enfermedad durante más de dos décadas, desde que la diagnosticaron cuando tenía 14 años. #vervoort #marieke #madallistaparaolimpica #paraolimpica #sport

Un post condiviso da Hoy News (@hoynewscom) in data:

Potrebbe interessarti anche:

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI