Home Pets & Kids Animali carnivori: classificazione, elenco e ruolo nell’ecosistema

Animali carnivori: classificazione, elenco e ruolo nell’ecosistema

Animali carnivori, esemplari di mammiferi affascinanti dalle diverse caratteristiche. Vediamo come vengono classificati nel pianeta.

leoni
(Foto Pixabay)

Molto spesso si tratta di animali che frequentemente si possono vedere, perché vivono in foreste e boschi, nella fauna ma anche in montagne e colline molto vicine all’uomo.

Gli animali carnivori sono diffusi in quasi tutto il mondo. Si dividono in due tipologie, in base al modo in cui riescono ad ottenere la propria alimentazione: i predatori e i necrofagi.

I carnivori predatori si alimentano di carne viva mentre i necrofagi di carne morta.

La parola “carnivoro” proviene dal latino carnivorus, che letteralmente significa “divoratore di carne”, che poi in termini ecologici è propriamente detto zoofago.

Scopriamo quali i meravigliosi e caratteristici animali carnivori che potresti incontrare da un momento all’altro.

Animali carnivori

Gli animali carnivori colpiscono per il loro fascino e alcuni per la loro tenerezza. Scopriamo quali sono queste specie.

tigre
(Foto Pixabay)

La caratteristica principale degli animali carnivori è che possiedono organi e arti specifici per cacciare, afferrare e sbranare le loro prede, oltre a possedere un apparato digerente più corto del resto delle specie.

Alcuni di questi sono dotati di artigli, le zanne, potenti mandibole, ottimo olfatto, corporatura muscolosa e atletica (tipo i felini). Altri, come arma posseggono fatali veleni per immobilizzare o uccidere le prede (tipo i serpenti e i colubridi).

Altri, invece, nel caso degli uccelli, specializzati in una dieta carnivora sono senza dubbio i rapaci, sia diurni che notturni.

Sono mammiferi dotati di occhi frontali, artigli affilati e soprattutto un becco ricurvo e tagliente, perfetto per squarciare le prede e strappare pezzi di carne.

Classificazione degli animali carnivori

squalo toro animali cannibali
(Foto AdobeStock)

I carnivori possono essere classificati anche in base alla quantità di carne presente nella loro alimentazione, ovvero:

  • ipercarnivori: hanno una dieta composta per almeno il 70% di carne (grandi felidi, rapaci, l’orso polare, delfini, squali, serpenti, ragni e tantissimi altri predatori “carnivori obbligati”);
  • mesocarnivori: hanno una dieta composta di carne che oscilla tra il 50 e il 70% (tipo coyote, la volpe rossa o animali come puzzole, manguste e moffette);
  • ipocarnivori: hanno una dieta composta da meno del 30% di carne. Come diverse specie di orsi.

Potrebbe interessarti anche: Animali artiodattili: curiosità e caratteristiche sui 5 erbivori più famosi

Elenco animali carnivori

Ecco l’elenco degli animali carnivori che possiamo osservare in tutto il pianeta:

  • mammiferi carnivori: i principali carnivori sono tutti i felini, come la tigre, il leone, il puma, o il gatto domestico. Ci sono anche le iene (carnivori necrofagi), alcuni mustelidi come i furetti, alcuni pipistrelli e tutti i cetacei (balene e delfini).Inoltre possono considerarsi mammiferi carnivori anche alcuni canidi come i lupi, i coyote e i cani domestici (anche se non tutti gli studiosi sono d’accordo e sul tema c’è tutt’ora un acceso dibattito).
  • rettili carnivori: tutti i serpenti e alcune tartarughe come quelle marine, ovvero gli animali vertebrati provvisti di squame epidermiche di cheratina o che appartengono alla famiglia Crocodylidae, nella quale sono presenti i caimani e i coccodrilli;
  • pesci e anfibi carnivori: tra i pesci carnivori di certo non possono mancare gli squali e i pesci ossei come il pesce ragno o l’anguilla. Tra gli anfibi invece ci sono le rane, i rospi e le salamandre in età adulta.
  • volatili carnivori: i volatili si distinguono in diurni e notturno, i diurni sono l’aquila e i falchi e quelli notturni i gufi. Fanno parte degli animali carnivori nella fattispecie dei volatili, i pellicani, i pinguini e senza dubbio gli avvoltoi (grandi necrofagi).
  • invertebrati carnivori: gli animali che non possiedono scheletro osseo, ovvero tutti i molluschi come i polpi, alcuni gasteropodi, alcuni crostacei e anche i ragni, gli scorpioni, alcuni insetti come le vespe e le mantidi religiose.

Potrebbe interessarti anche: Animali perissodattili: curiosità e caratteristiche sui 4 erbivori più famosi

Il loro ruolo nell’ecosistema

Per quanto ritenuti pericolosi, gli animali carnivori, detti anche consumatori secondari e terziari, nutrendosi di erbivori e altri animali, tengono sotto controllo il loro numero mantenendo sano e funzionale l’ecosistema.

L’ambiente o meglio il suo equilibrio dipende dalla presenza dei carnivori al vertice della catena alimentare.

Anche i carnivori necrofagi (come le iene) svolgono un ruolo fondamentale, rimuovendo rapidamente le carcasse, divorando con estrema facilità le ossa e sanificando, in questo modo, l’ambiente dalla presumibile diffusione di patogeni e malattie.

Insomma gli animali carnivori svolgono il ruolo di regolatori degli ecosistemi per un ambiente sano ed equilibrato, di cui tutti noi necessitiamo.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea