Home Non solo Cani e Gatti Coronavirus, grave rischio per animali e umani: come si è diffuso così...

Coronavirus, grave rischio per animali e umani: come si è diffuso così tanto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:38
CONDIVIDI

Il contagio da coronavirus è un rischio per umani e animali: ecco come ha avuto origine, perché si è diffuso così tanto e come viene trasmesso.

coronavirus animali rischio
Per colpa di cosa i nostri animali sono a rischio di contrarre il coronavirus (Foto dal Web)

Il mondo è alle prese con il nuovo coronavirus, che ha i suoi primi due casi accertati in Italia. 

Il nuovo virus – che si pensa provenga dagli animali selvatici – evidenzia il nostro rischio di malattie trasmesse da animali. Questo probabilmente sarà un problema importante in futuro poiché i cambiamenti climatici e la globalizzazione alterano il modo in cui animali e umani interagiscono. L’aumento della vita in città e dei viaggi internazionali significano che quando queste malattie trasmesse da animali emergono, possono diffondersi più rapidamente. Le città più grandi offrono nuove case alla fauna selvatica – ratti, topi, procioni, scoiattoli, volpi, uccelli, sciacalli, scimmie – che può vivere negli spazi verdi come parchi e giardini.

Come possono gli animali far ammalare le persone e come possono le malattie saltare le specie

coronavirus cane
Come il coronavirus può saltare di specie e far ammalare il cane

Negli ultimi 50 anni, una serie di malattie infettive si è diffusa rapidamente dopo aver fatto il salto evolutivo dagli animali all’uomo.

La crisi dell‘HIV / AIDS degli anni ’80 ebbe origine da grandi scimmie, la pandemia di influenza aviaria del 2004-07 venne dagli uccelli e i maiali ci diedero la pandemia di influenza suina nel 2009. Più di recente, è stato scoperto che la sindrome respiratoria acuta grave (Sars) proveniva da pipistrelli, tramite zibetti, mentre i pipistrelli ci hanno dato anche l’Ebola .

Circa il 10% delle persone infette è morto durante l’epidemia di Sars del 2003, rispetto a meno dello 0,1% per un’epidemia di influenza “tipica” .

La maggior parte degli animali trasporta una gamma di agenti patogeni: batteri e virus che possono causare malattie.

La sopravvivenza evolutiva dell’agente patogeno dipende dall’infezione di nuovi ospiti – e saltare ad altre specie è un modo per farlo.

Il sistema immunitario del nuovo ospite cerca di uccidere i patogeni e ospite e patogeno sono bloccati in un eterno gioco evolutivo di cercare di trovare nuovi modi per sconfiggersi a vicenda.

Quali umani e animali sono più a rischio di contrarre il coronavirus?

coronavirus rischio
Chi è più a rischio di venire a contatto con il coronavirus (Foto dal Web)

Nuove malattie, in un nuovo ospite, sono spesso più pericolose, motivo per cui qualsiasi malattia emergente è un rischio. Chi lavora nel settore delle pulizie o in ospedali o a contatto con malati ha una possibilità maggiore di incontrare fonti e portatori di malattie e di trasmetterle ai propri animali. Chi ha un sistema immunitario più debole ha un rischio maggiore di non riuscire a contrastare il virus e di incorrere nel decesso.

Le nuove infezioni possono diffondersi rapidamente nelle grandi città in quanto le persone stanno a stretto contatto – respirando la stessa aria e toccando le stesse superfici.

In alcune culture, le persone si nutrono della fauna selvatica – mangiando animali catturati all’interno della città o nell’area circostante: questo rischio lo corrono anche i nostri gatti, e alcuni dei nostri cani, che catturano prede.

Potrebbero interessarti anche i seguenti argomenti:

Teresa F.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI