Home Non solo Cani e Gatti Drago barbuto come animale domestico: alimentazione, habitat e cura

Drago barbuto come animale domestico: alimentazione, habitat e cura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00
CONDIVIDI

Il drago barbuto non è difficile da tenere, ma è necessaria un po’ di conoscenza. Informazioni e suggerimenti sul drago barbuto come animale domestico.

drago barbuto come animale domestico
Drago barbuto caratteristiche: una lucertola sempre più popolare (Foto Pixabay)

Il drago barbuto è una lucertola sempre più popolare tra gli amanti dei rettili, e per una buona ragione. Uno dei motivi principali è che è relativamente robusto e facile da tenere in cattività. Inoltre, è abbastanza calmo e raramente ha la tendenza a mordere o gratificare.

Il drago barbuto, questo rettile è originario del continente australiano e ha un’esistenza semi-arborea. Vive in una varietà di habitat, dai deserti alle foreste, alle terre aride (savane). Trascorre la maggior parte della mattina e del tardo pomeriggio in cerca di cibo, mentre è per lo più nascosto durante la parte più calda della giornata.

La sua aspettativa di vita varia in base al suo stato di salute e alle sue condizioni di prigionia, ma in generale ha tra gli 8 e i 12 anni. Un altro elemento interessante è che il drago barbuto non diventerà mai troppo grande. Inoltre, il suo temperamento sociale lo rende un buon animale domestico, un rettile che sta bene in casa.

Cosa mangia il drago barbuto come animale domestico

drago barbuto mangia
Drago barbuto un  rettile dalla dieta molto varia. (Foto Pixabay)

Il drago barbuto ha una dieta varia, se parliamo del rettile ancora giovane è onnivoro e puoi dargli diversi alimenti che siano di buona qualità, quindi essere alimentato con insetti quotidiani adattati alle sue dimensioni (un buon indicatore è che la lunghezza dell’insetto non supera la larghezza della testa del drago). dargli delle verdure scure.

Per rendere gli insetti più nutrienti, associali ad alimenti ricchi di calcio (ad esempio verdure scure), cibo per gatti / alimenti per cani di alta qualità, frutta e acqua (in gelatina o in spugna), senza dimenticare che prima di somministrarli è sempre meglio cospargerli di integratori. Il drago barbuto adulto invece  è principalmente erbivoro con l’aggiunta di alcuni insetti nella dieta.

Ciò significa che man mano che cresce, la proporzione di ortaggi aumenta così come aumenta la dimensione degli insetti somministrati. L’adulto dovrebbe essere nutrito ogni 24-48 ore. la proporzione di la materia vegetale, deve superare quella degli insetti, gli esperti consigliano di dare quotidianamente molte verdure come insalata verde, insalata di cavolo, spinaci, carote, coriandolo, erba medica, granuli per iguana / drago barbuto.

Mentre la frutta fa parte degli alimenti da tenere come prelibatezze. Il discorso degli integratori vale per giovani e adulti di drago barbuto, i quali devo assumere integratori di vitamina e calcio da 1 a 2 volte a settimana per gli adulti e 2-3 volte a settimana per i giovani. Per quanto riguarda l’acqua non è un gran bevitore, basta aver l’attenzione di dargli una piccola ciotola d’acqua 2-3 volte a settimana.

Il drago barbuto come animale domestico e il suo terrario

drago barbuto
Drago barbuto nel suo terrario fornito di calore e rocce (Foto iStock)

Avere un drago barbuto come animale domestico, comporta avere anche un terrario organizzato in questo modo: un tappeto di erba o feltro o asciugamani di carta possono essere posizionati sul fondo del terrario. Tieni presente che sabbia, lettiere per conigli, mais spezzato (pannocchia di mais) e alcuni trucioli di legno possono essere ingeriti e creare un problema di blocco intestinale.

L’esposizione tra i 10-12 ore al giorno ai neon UVA-UVB è essenziale per la sopravvivenza di questa specie perché questa lucertola è diurna. Ricorda che le luci al neon UV ha una durata di soli 6-8 mesi. Anche se emettono ancora luce, spesso vi è ancora una quantità minima di radiazione UV che viene ancora prodotta. Sarà necessario cambiarlo senza aspettare troppo.

Nessun vetro o plastica deve essere posizionato tra il neon e la lucertola in quanto ciò riduce notevolmente la quantità di raggi UV che la lucertola assorbirà. È utile posizionare molti grandi rami o rocce per consentire al drago barbuto di arrampicarsi e avvicinarsi alle fonti di calore e al neon UV, ma comunque deve tenere una distanza di 30cm per evitare che possa arrivare troppo vicino e scottarsi.

È importante monitorare la temperatura e anche l’umidità giornaliera con l’aiuto di un termometro digitale e un igrometro. Sarà necessario installare un nascondiglio, su ciascun lato del terrario del terrario per consentirgli di rifugiarsi se ne sente il bisogno. Inoltre sarebbe bene tenere solo un maschio per terrario onde evitare problemi di conflitti territoriali.

Per un drago barbuto giovane, un terrario di 60 x 40 x 30 (larghezza x profondità x altezza) sarà la dimensione minima raccomandata. Nel caso in cui la lucertola sia già adulta, il terrario deve essere molto più grande, con un minimo di 90 x 30 x 30 . Per quanto riguarda la sua igiene, il drago barbuto ha bisogno di lavarsi, almeno quattro volte al mese.

Salute del drago barbuto

drago barbuto malato
Non è immune alle malattie, tra cui parassiti e salmonellosi (Foto Pixabay)

Le rocce riscaldanti nel terrario o le lampade di calore accessibili per l’animale, di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente, sono proprio fonte di incidenti per il drago barbuto, come ad esempio:  ustioni causate da elementi riscaldanti a diretto contatto. Inoltre questo rettile ha la tendenza anche verso queste malattie:

  • Carenza di vitamina e calcio e mancanza di esposizione al neon UVA-UVB.
  • Problema riproduttivo.
  • Sabbia ingerita.
  • Parassiti intestinali.
  • Salmonellosi.

Per la salmonellosi vanno aggiunte informazioni, in quanto è una malattia detta zoonosi , che vuol dire che è  trasmissibile dall’animale all’uomo. Il batterio della salmonella può essere catturato in diversi modi ossia attraverso:  carne di pollo, pesci d’acquario, tartarughe e infine altri rettili in generale.  I bambini, gli anziani o i malati sono i soggetti più a rischio.

I possibili sintomi nell’uomo sono diarrea, febbre, nausea, ecc. Per evitare il contagio di questo batterio, si consiglia di seguire le norme igieniche di base: prestare attenzione alla manipolazione della carne cruda, al lavaggio di acquari o terrari (non farlo mai in bagno o in cucina) e altro, ai tuoi contatti con animali come i rettili ovviamente, ma anche con i mammiferi e gli uccelli possono essere portatori di questi batteri.

La prevenzione sussiste nel lavaggio delle mani (prima e dopo ogni manipolazione), pulendo e disinfettando regolarmente, ridurrete notevolmente i rischi associati a questi batteri.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI