Home Non solo Cani e Gatti Geco leopardo: caratteristiche, habitat domestico e alimentazione

Geco leopardo: caratteristiche, habitat domestico e alimentazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:12
CONDIVIDI

È uno dei rettili preferiti da tenere in casa, una lucertola piccola e amichevole. Il geco leopardo come animale domestico, vediamo le caratteristiche e la cura.

Geco leopardo (Foto Pixabay)

Il geco leopardo noto anche con il nome di Eublepharis macularius entra nelle specie del geco e in particolare all’interno della famiglia Eublepharidae. Esistono 5 sottospecie di gechi che sono: afghanicus, fasciolatus, macularius, montanus e smithi.

Il geco leopardo è diventato una delle lucertole di piccole dimensioni, preferite dagli amanti dei rettili. Il suo carattere socievole, affabile e attivo, così come la facilità delle sue cure in cattività lo rendono la scelta ideale come animale domestico.

Nonostante la nostra descrizione come animale tranquillo e socievole adatto anche ai bambini, questi rettili devono comunque essere trattati con delicatezza, quando li maneggiano per non danneggiarli fisicamente, oltre alla raccomandazione di non prenderli troppo tra le mani e stressarli.

A differenza di altri gechi e lucertole in generale, essendo il geco leopardo molto amichevole e gestibile: è molto raro che mordano e, se lo fanno, non è pericoloso. Inoltre, tendono ad abituarsi al loro proprietario e sono piuttosto vivaci, quindi è fantastico osservare il loro comportamento nel terrario.

Caratteristiche del geco leopardo

geco leopardo
Un terzo della sua lunghezza è la coda(Foto Pixabay)

Il geco leopardo può misurare da 18 a 24 cm a seconda della sottospecie a cui appartiene. Naturalmente, un terzo della lunghezza è la coda del geco, il che significa che il suo corpo non è di solito molto più grande a 10 cm. Se ci concentriamo sul corpo, possiamo renderci conto che è allungato, robusto e ha arti molto ben sviluppati per muoversi nell’ambiente, cioè ha arti molto forti che terminano con 5 dita per ottenere una presa migliore quando ci si sposta attraverso la sabbia.

Questo animale ha le palpebre mobili e complete, quindi si chiama Eublepharis. Un’altra cosa che ci consente di differenziare questa lucertola da un’altra è il suo colore giallo o arancione accompagnato da macchie nere. Questo colore fa sì che l’animale riceva l’appellativo di leopardo, perché ricorda molto il leopardo a prima vista.

Al tatto possiamo renderci conto che la sua pelle non è liscia, ma ha le squame tubolari, cosa che non si verifica se tocchiamo un giovane esemplare, in quel caso la sua pelle è molto più sottile. In libertà vivono in colonie tra 50 e 100 esemplari e i colori del geco possono variare notevolmente, soprattutto perché ha subito molti incroci e variazioni genetiche.

I maschi di questa specie sono molto territoriali, quindi si raccomanda che, quando li abbiamo in cattività, bisogna sapere che i gruppi riproduttivi siano formati da un solo maschio e da diverse femmine per evitare conflitti.

Alimentazione del geco leopardo domestico

geco
Il suo cibo principale sono gli insetti come: ragni,grilli e cavallette(Foto Pixabay)

Devi anche tenere presente che si tratta di un animale del deserto, il che significa che non dovresti fornire molta acqua. Gran parte dell’umidità di cui ha bisogno viene acquisita attraverso la sua preda.

Il suo cibo principale sono gli insetti e tra i suoi insetti preferiti dobbiamo evidenziare ragni, vermi, grilli e cavallette, anche se può mangiare molte altre diverse specie di insetti.

Sappi che il geco non gradirà affatto se gli darai insetti già morti, lui mangerà solo se le sue prede saranno ancora vive. Se gli offri un insetto morto, lo rifiuterà. Qualcuno gli offre anche frutti molto maturi, ma loro natura li porta a preferire insetti vivi.

Habitat per il geco domestico

terrario geco
Un terrario di 40×80 centimetri, che deve avere una luce bianca(Foto Pixabay)

Avere un animale in casa, qualunque sia il tipo, è sempre una responsabilità che non dovremmo mai trascurare. Ecco perché come per tutti gli animali domestici, si raccomanda che prima di acquistarlo gli si procuri una cuccia, nel caso di un cane e di un terrario nel caso di un geco e quindi preparare tutto ciò di cui questo animale ha bisogno.

Vale a dire: un terrario di almeno 40×80 centimetri, che deve avere una luce bianca (non è necessario essere UV) se la stanza in cui lo posizioniamo non riceve luce solare perché, sebbene sia un animale notturno, deve seguire un ciclo di vita la cosa più vicina al suo habitat naturale.

Ambiente desertico: piante che resistono a bassa umidità, rocce, tronchi. Substrato adatto a questa specie, poiché la sabbia o il giornale non sono raccomandati per possibili avvelenamenti. È meglio avere ghiaia di dimensioni sufficienti in modo da non essere ingerita, torba, erba sintetica o corteccia tagliata spessa.

Riscaldamento di lampade in pietra o ceramica per raggiungere la temperatura di cui il geco leopardo ha bisogno per vivere bene: tra 25º e 30º C durante il giorno e fino a 22º C durante la notte, proprio come per il drago barbuto. Fondamentalmente, cerca un posto più nascosto per assicurare il riposo del geco.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

 

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI