Home Non solo Cani e Gatti Obesità nel coniglio: cause, sintomi, conseguenze e cura

Obesità nel coniglio: cause, sintomi, conseguenze e cura

CONDIVIDI

Anche il coniglio può avere problemi di obesità: ecco come riconoscere e aiutare un coniglio obeso con dieta ed esercizi e come prevenire il sovrappeso.

obesità coniglio
I problemi di obesità nel coniglio (Pixabay)

Il mantenimento del peso forma è un problema che riguarda allo stesso modo esseri umani e animali: un’alimentazione scorretta e poco bilanciata, abbinata a una scarsa o inesistente attività fisica, portano inevitabilmente al sovrappeso che, se non trattato in tempo utile, si accumula fino a superare la soglia dell’obesità.

Tutti gli animali domestici sono a rischio di diventare obesi, e anche i roditori non fanno eccezione: ad esempio, c’è un problema piuttosto comune di obesità nel coniglio.
Questi piccoli e simpatici roditori sono sempre più presenti nelle nostre case e, purtroppo, a volte si fanno degli errori nella quantità di cibo che sono la causa principale del problema.

In questo articolo, approfondiamo il tema dell’obesità del coniglio analizzandone cause, sintomi, possibili conseguenze e cura.

Rischio obesità nel coniglio: tutto quello che c’è da sapere

coniglio nano
Coniglio nano a rischio obesità (Pixabay)

Come già fatto in passato per l’obesità nel cane o per i problemi del gatto obeso, analizziamo adesso gli aspetti relativi l’aumento di peso del coniglio per capire quando siamo di fronte a un problema di obesità.
Conoscere cause e sintomi dell’obesità nel coniglio è indispensabile, perché questa condizione può portare a problemi di salute molto grave nel roditore.

Abbiamo già accennato che anche per i conigli le cause dell’obesità sono essenzialmente due: alimentazione squilibrata e troppo abbondante abbinata a una mancanza di esercizio fisico.
In particolare, un coniglio che mangia troppo ma riesce a compensare con tanta attività quotidiana può riuscire a non accumulare peso corporeo. Viceversa, la sedentarietà abbinata all’alimentazione abbondante non può che portare al sovrappeso e all’obesità.

Non dimentichiamo, infine, che la prevenzione dell’obesità è fondamentale nel caso dei conigli: si può infatti agire solo sulla qualità del cibo, mentre ridurre le quantità è praticamente impossibile per questi roditori che hanno bisogno di mangiare continuamente per tenere sotto controllo la crescita dei denti.

Come faccio a capire se il coniglio è obeso?

L’obesità si verifica quando il peso corporeo del coniglio è troppo elevato rispetto alle dimensioni del suo corpo: essere obesi è una patologia vera e propria, che mette il coniglio a rischio di sviluppare malattie e problemi di salute, accorciando la sua aspettativa di vita.

Anche se sono animali prevalentemente vegetariani, questi piccoli roditori domestici possono abituarsi a un’alimentazione troppo ricca di grassi e iniziare a mettere su peso, senza che il padrone riesca nemmeno a rendersene conto finché il problema non è ormai a un livello già avanzato.

Per capire se il coniglio è obeso bisogna quindi controllare il suo peso rispetto a quelli che sono gli standard di razza: sarà il veterinario ad aiutarvi a capire se il vostro coniglio è normopeso o se ha già superato la soglia del sovrappeso. In questo secondo caso, non bisogna perdere tempo: ogni ulteriore ingrassamento porterebbe l’animale un passo più vicino all’obesità.

coniglio
Coniglio sull’erba (Pixabay)

Principali cause di obesità nel coniglio

Come dicevamo, il coniglio è un animale che si ciba quasi esclusivamente di frutta e verdura: come fa, allora, ad assumere troppi grassi? In realtà, il cibo specifico per conigli che si trova in commercio può nascondere alcune insidie che è bene imparare a riconoscere.

Spesso le miscele di cereali, semi e frutta secca che si trovano nei negozi per animali sono troppo caloriche per il fabbisogno del coniglio. Inoltre, sono sbilanciate dal punto di vista nutrizionale e necessitano dell’integrazione di altri alimenti come frutta e verdura adatte al coniglio.

Come se non bastasse, sempre più di frequente i coniglietti domestici vengono abituati a mangiare dei piccoli snack come dolcetti, popcorn e barrette ai cereali che seppur molto appetitosi contengono una quantità di zuccheri e grassi troppo elevata per il nostro roditore.

La cosa migliore sarebbe nutrire il coniglio con un’alimentazione sana e bilanciata a base di fieno o pellet (prodotti ad elevato contenuto di fibre), offrendogli le giuste quantità a seconda delle dimensioni. La cosa migliore è farsi consigliare dal veterinario, tuttavia abbiamo qui una tabella generale utile per farsi un’idea:

– Coniglio che mesa meno di 500 gr > 30 gr di cibo al giorno,
– Coniglio che pesa tra 500 gr e 1 kg > 60 gr di cibo al giorno,
– Coniglio che pesa tra 1 e 1,5 kg > 100 gr di cibo al giorno,
– Coniglio che pesa tra 1,5 e 2 kg > 120 gr di cibo al giorno,
– Coniglio che pesa oltre 2 kg > 150 gr di cibo al giorno.

Conseguenze e problemi di salute del coniglio obeso

coniglio obeso
Il coniglio obeso (Pixabay)

Come accade anche per le persone e per gli altri animali, l’obesità nel coniglio rende l’animale più predisposto a determinate malattie e problemi di salute che possono essere anche piuttosto gravi. Ecco le più frequenti conseguenze dell’obesità nei conigli e delle malattie e problematiche che possono generare.

Il coniglio obeso non riesce a pulirsi come dovrebbe perché il grasso accumulato rende difficoltosi i movimenti necessari allo svolgimento delle attività di auto-pulizia. Inoltre, non riuscirà a raggiungere agevolmente l’ano per mangiare i ciecotrofi: questo è un problema grave, perché come abbiamo già visto il coniglio ha bisogno di mangiare le proprie feci per restare in salute.

Mangiare i ciecotrofi, infatti, aiuta il coniglio ad assumere la quantità di fibre di cui necessita per tenere pulito il transito intestinale: diversamente, l’animale rischia danni gravi come un blocco intestinale che è potenzialmente mortale per il roditore.

Se il coniglio non riesce a pulirsi soprattutto nella zona dell’ano può verificarsi un grave problema di salute: stiamo parlando della miasi, un’infestazione di larve e vermi di mosche che genera gravi lesioni e infezioni della pelle. Se non curata, può addirittura causare danni interni al coniglietto.

La scarsa igiene personale del coniglio obeso lo predispone a svariati problemi della pelle, tra cui la pododermatite che è un’infezione molto dolorosa che si sviluppa sotto la pianta del piede nelle zampe del coniglio. Come altre infezioni delle zampe, è difficile da curare: puoi capire se il tuo coniglietto è stato colpito da questa patologia se lo vedi zoppicare o camminare male.

coniglio pelo
Coniglio (Foto fonte Pixabay)

Come far dimagrire un coniglio obeso

I conigli devono mangiare in continuazione per poter tenere sotto controllo la crescita dei denti: questa caratteristica rende molto difficile il controllo della quantità di cibo, infatti mettere a dieta il coniglio obeso è piuttosto complicato.

Si può però agire sulla qualità dei nutrienti, eliminando del tutto gli alimenti non adatti alla sua alimentazione: preferite tutto ciò che è naturale, come il fieno fresco, magari procedendo a una sostituzione graduale per far abituare pian piano il coniglio.

Eliminate, seppur in maniera temporanea, la frutta che andrà poi introdotta nuovamente quando il coniglio avrà raggiunto il suo peso ideale: in ogni caso, non bisogna esagerare con le quantità perché la frutta è un alimento zuccherino. Con le verdure, invece, si può essere più generosi nelle quantità.

Ovviamente, l’attività fisica è fondamentale per curare i problemi di obesità del coniglio: stimolate il piccoletto a muoversi e a giocare più spesso, ritagliandovi del tempo da trascorrere assieme a lui per lasciarlo libero di correre e saltare in uno spazio sicuro. Create un piccolo circuito per il coniglio e inventatevi dei giochi come il nascondino, che lo aiuteranno a muoversi mentre si diverte.

Potrebbe interessarti anche:

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI