Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili L’anatra come animale domestico: caratteristiche, alimentazione e salute

L’anatra come animale domestico: caratteristiche, alimentazione e salute

CONDIVIDI

L’anatra come animale domestico può essere molto affettuosa, soprattutto quando riceve l’attenzione necessaria. Impariamo a prenderci cura, le caratteristiche, l’alimentazione e dove vive.

anatra domestica
Anatra domestica (Foto da Pixabay)

Ti piacerebbe avere un animale domestico diverso dagli altri? Bene, devi tenere a mente che ogni animale è un essere vivente con un’intelligenza e una sensibilità propria. Qualsiasi esso sia l’animale domestico, indipendentemente dall’età o dalla specie, necessita e merita di essere trattato con tanta cura e rispetto.

Quando un animale viene adottato, diventa responsabilità del suo proprietario garantire condizioni ottimali per la sua crescita e il suo benesserePer fare questo, è essenziale conoscere l’alimentazione , la medicina preventiva , l’igiene e il condizionamento del territorio che la circonda.

Oggi parleremo dell’anatra. Il termine “anatra” è usato per indicare genericamente più di 150 specie appartenenti alla famiglia degli Anatidi. Tra i più noti ci sono anatre, cigni, oche e tacchini. In questo articolo vi proporremo, alcuni consigli pratici per un allevamento sano e responsabile di anatre.

Caratteristiche dell’anatra domestica

La caratteristica fisica dell’anatra è un corpo arrotondato , con un becco piatto e ampio, gambe corte e palmate. La sua aspettativa di vita varia tra 10 e 15 anni, a seconda della specie, delle cure ricevute e delle condizioni del loro ambiente.

La prestazione è molto notevole nell’acqua, come dei buoni nuotatori, e dove acquisisce una postura elegante e serena. Una volta a terra, tende ad apparire goffa a causa della andatura “storta” e irregolare.

Comportamento e socievolezza dell’anatra come animale domestico

In quanto animale molto socievole, l’anatra preferisce vivere in gruppo o in coppia. Infatti, i gruppi di anatre sono tristi quando perdono uno dei loro membri, proprio a causa del suo senso di comunità. Questo animale spesso trascorre gran parte della giornata alla ricerca e alla conservazione del cibo.

Quando si adotta un’anatra come animale domestico, è essenziale offrire momenti di convivenza e socializzazione con i suoi simili. Questo animale come hai potuto capire ha bisogno di compagnia per vivere e crescere sano. Proprio per questo, quando scende la notte, si riunisce alle altre anatre per dormire in armonia in compagnia dell’intero gruppo.

La salute dell’anatra

Anatra
Anatra controllo della salute (Foto da Pixabay)

L’anatra tra gli animali da cortile è quello più robusto, abbastanza resistente alle malattie e ai parassiti a differenza di altri animali. Ciò nonostante, potresti comunque vedere eventuali sintomi di cattiva salute come piume arruffate, cambiamenti nell’ingestione di cibo e acqua, affaticamento o diarrea sanguinolenta. Eventualmente un’anatra malata deve essere messa in quarantena e trattata rapidamente.

Igiene adeguata

È molto comune vedere un’anatra prendersi cura del proprio corpo e del proprio nido, da sola. Tende a battere le piume per ripulirsi o ripulisce col becco, il suo nido da impurità e sporco.

Per quanta riguarda le nostre attenzione per l’anatra, è essenziale garantire l’igiene della ciotola, dell’abbeveratoio e della sua casetta. Essendo di natura molto pulita, in ambienti poco igienici può facilmente ammalarsi. Ci sono comunque prodotti venduti in appositi negozi di animali, che impediscono all’animale di urinare e defecare in tutta la casa.

Alimentazione dell’anatra come animale domestico

In natura, l’anatra ha una  dieta simile al cane,variata e onnivora . Circa l’80% della sua dieta quotidiana è composta da verdure: frutta, verdura, semi, legumi e cereali vari oltre a proteine ​​animali che si procura mangiando piccoli insetti e pesci.

Un’anatra adulta consuma tra 150 e 200 grammi di cibo al giorno, a seconda della specie, del sesso, dell’età e dell’habitat. Ci sono mangimi commerciali per l’allevamento delle anatre, ma la maggior parte promuove il rapido ingrasso dell’animale. Pertanto, evita di darlo alla tua anatra. Ti consigliamo di offrirgli una dieta fresca e naturale.

È importante lasciare cibo disponibile e di libero accesso per l’animale, durante tutto il giorno, nonché l’acqua sempre fresca e potabile. Non dimenticare quello che abbiamo detto precedentemente sull’igiene dei contenitori e dei suoi habitat (come abbiamo già visto per l’igiene del coniglio) e il cambio del cibo che devono essere curati quotidianamente.

L’anatra come animale domestico: ma dove la ospitiamo?

Anatra in cortile (Foto da Pixabay)

Vi è una crescente tendenza a scegliere l’anatra come animale domestico negli appartamenti e in altre abitazioni. Essendo un animale che nasce nei campi delle fattorie, gli appartamenti non sono il luogo ottimale per il suo sviluppo.

Va notato, tuttavia, che la sua adattabilità e la dedizione del suo proprietario possono darle comunque una vita felice. L’ideale è avere uno spazio aperto, con una fonte d’acqua (un lago, una piscina).

All’anatra piace nuotare, lavarsi ogni giorno e camminare liberamente. Per il suo riparo e per protezione, si può utilizzare un pollaio. La dimensione dipenderà dal numero di anatre e dalle possibilità di spazio disponibili nella tua casa.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI