Home Non solo Cani e Gatti Ipotermia nei rettili: i sintomi, la diagnosi, il trattamento e la prevenzione

Ipotermia nei rettili: i sintomi, la diagnosi, il trattamento e la prevenzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:14
CONDIVIDI

L’ipotermia nei rettili è un problema molto serio, ma che può essere risolto facilmente. Vediamo come intervenire per aiutare il nostro animale domestico.

terrario
La maggior parte dei rettili sono “elio-thermos” perché prendono il loro calore direttamente dal sole, (Foto iStock)

Certamente i rettili sono uno degli animali più affascinanti da avere come animali domestici. Essendo indipendenti e abbastanza intelligenti, non hanno nulla da invidiare a un altro animale domestico. Ma c’è una caratteristica peculiare che dobbiamo monitorare quando ne abbiamo una a casa, ed è la temperatura.

I rettili sono poichilotermici, cioè incapaci di regolazione termica da meccanismi interni o ciò che comunemente chiamiamo “sangue caldo”. La maggior parte dei rettili sono “elio-thermos” perché prendono il loro calore direttamente dal sole, che ha prodotto in loro vari adattamenti morfologici e comportamentali.

È un’emergenza medica che si sviluppa quando il corpo perde calore più velocemente di quanto ci vuole per produrlo. Ciò provoca una diminuzione della temperatura corporea pericolosa, poiché è normale essere intorno a 37 ° C. Tuttavia, in caso di ipotermia, la temperatura corporea scende al di sotto di 35 ° C.

Come risultato di questa diminuzione della temperatura corporea, il sistema nervoso, il cuore e altri organi non sono in grado di funzionare normalmente. E, se questa complicazione nella salute non viene trattata, può portare al cuore e al sistema respiratorio.

Causa dell’ipotermia dei rettili

tartaruga
Una delle possibili cause di sofferenza di questa urgenza medica è l’immersione in acqua fredda o l’esposizione a basse temperature. .(Foto Pixabay)

Una delle possibili cause di sofferenza di questa urgenza medica è l’immersione in acqua fredda o l’esposizione a basse temperature. Tuttavia, ci sono trattamenti speciali per questo come metodi per riscaldare il corpo in modo da poter ripristinare la temperatura normale.

Questi animali sono ectotermici, cioè non sono in grado di generare, attraverso vari processi metabolici o fisiologici, il loro calore interno, che si tratti di una tartaruga o di una grande iguana.

Sintomi

curiosita sui rettili
Se la temperatura del terrario è troppo bassa, l’animale inizia a mostrare sintomi (foto Pixabay)

Se la temperatura del terrario è troppo bassa, l’animale inizia a mostrare sintomi come l’oscuramento del suo tono, vede che si muove a malapena, reagisce debolmente quando viene toccato o sollevato e perde sensibilità nell’ipotermia.

I primi segni di ipotermia nei rettili sono:

  • mancanza di appetito;
  • costipazione;
  • letargia;
  • scarsa capacità di reazione;
  • scarso movimento;
  • perdita di sensibilità.

Inoltre, il corpo è freddo al tatto. In queste condizioni, le funzioni vitali dell’animale iniziano a entrare rapidamente in uno stato di letargia che può portare alla morte.

Trattamento  dell’ipotermia nei rettili

 

rettili
Ciò che gli esperti consigliano è di aumentare gradualmente la temperatura dell’animale.(Foto Pixabay)

La prima cosa da fare è chiamare un veterinario o uno specialista e chiedere come intervenire e quali misure adottare. Ciò che gli esperti consigliano è di aumentare gradualmente la temperatura dell’animale. In quanto non è conveniente metterlo direttamente alla massima temperatura, poiché i tessuti possono essere danneggiati dall’improvviso cambiamento.

È meglio metterlo in acqua a circa 21 ° C circa, cioè sempre un po’più caldo del tuo corpo. È importante non mettere la testa dell’animale in acqua perché non sarà in grado di muoversi normalmente e probabilmente potrebbe annegare.  Dopo aver fatto il bagno per circa mezz’ora, puoi toglierlo dall’acqua e asciugarlo, con molta cura e attenzione.

Il prossimo passo sarà coprirlo con un asciugamano caldo e asciutto e lasciarlo all’interno del terrario con una temperatura inferiore all’intervallo appropriato. Gradualmente, ogni ora, bisognerà aumentare la temperatura dell’ambiente. Non aver paura se all’inizio non reagisce o resta debole, l’importante è che inizi a idratarlo magari dandogli dell’acqua con una siringa.

Effettuato questo trattamento i rettili tendono nel giro di 24 ore a riprendersi e iniziano anche a nutrirsi. L’ipotermia nei rettili è un problema molto serio ma può essere facilmente prevenuto. Gli esperti consigliano vivamente di dotare il terrario delle fonti di calore necessarie e di uno o due termometri per conoscere sempre la temperatura.

Un termostato può essere utilizzato per creare un sistema di temperatura automatico e regolare. Se le interruzioni di corrente sono frequenti nel luogo in cui vivi, cerca una fonte di calore con una batteria e continua a funzionare per alcune ore fino a quando non viene ripristinata l’alimentazione.

Altrimenti, puoi usare una borsa di acqua calda o una bottiglia di plastica piena di acqua calda, ma nascondila sotto un asciugamano in modo che l’animale non lo rompa con denti o unghie.

Ricorda che l’installazione delle apparecchiature di controllo della temperatura sono essenziali per tenere costantemente sotto controllo la temperatura del terrario e del nostro animale domestico in modo da evitare e prevenire l’ipotermia nei rettili.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI