Home Cani Adottare un Basset Artésien Normand: buoni motivi (e non) e com’è il...

Adottare un Basset Artésien Normand: buoni motivi (e non) e com’è il suo padrone ideale

Vuoi conoscere tutti i pro e contro prima di adottare un Basset Artésien Normand? Scoprili tutti e anche come essere il padrone perfetto per questo cane.

Adottare un Basset Artésien Normand
(Foto Pinterest)

La scelta di un cane da adottare non è mai semplice, non solo per la vasta varietà di scelta di razze ma anche perché bisogna capire quale di essa si potrebbe adattare meglio alle nostre esigenze e al nostro stile di vita. Una volta compresi i pro e contro di adottare un Basset Artésien Normand, tocca a noi capire come possiamo essere il suo umano perfetto: basterà seguire una serie di piccoli consigli.

Il Basset Artésien Normand: dicono di lui

Chi è il Basset Artésien Normand? Un cane di piccola taglia che, a dispetto delle dimensioni ha un carattere coraggioso e un temperamento molto vivace. Non a caso è uno dei cani più scelti per la caccia alla selvaggina: riesce a stanare anche le prede più piccole e nascoste in cespugli o luoghi impervi.

Razze compatibili col Basset Artésien Normand
(Foto AdobeStock)

La sua indole da cacciatore lo ha abituato a stare al fianco dell’uomo fin dalle origini, ma è a casa che ha dimostrato il meglio di sé: è un ottimo cane da compagnia sia per grandi sia per i piccoli umani.

Come tutti i cani ha però delle esigenze che, se non soddisfatte, possono farlo sentire frustrato e scatenare in lui reazioni ben poco piacevoli: per questo è importante conoscere tutti gli aspetti di un Basset Artésien Normand, prima di adottarne uno.

Adottare un Basset Artésien Normand: 3 buoni motivi per farlo

I ‘pro’ di averne uno in casa sono tanti e saranno ben presto chiari a tutta la famiglia, appena questo cucciolo varcherà la soglia di casa. Potrete scoprire che non è solo un fedele compagno di lavoro ma anche, e soprattutto, un compagno di giochi e di grande compagnia per tutte le età.

E’ vispo e giocherellone

Le piccole dimensioni del corpo sono ‘compensate’ dalla sua smisurata voglia di correre e giocare, magari all’aria aperta e con dei compagni di gioco della ‘sua stessa età’ (i bambini). Gli piace stare al centro dell’attenzione e far divertire tutti: in fondo sa sempre come strapparci un sorriso, anche nelle giornate più dure.

Coraggioso e protettivo

La sua indole da cacciatore nei terreni e nei campi si trasforma in un atteggiamento molto protettivo nei confronti della sua famiglia, specialmente dei più fragili. Il coraggio di certo non gli manca per affrontare l’ignoto, gli estranei e situazioni potenzialmente pericolose.

Sa valutare le situazioni

Segno di grande intelligenza, questo cane può sembrare sfrontato e incurante del pericolo, ma in realtà sa perfettamente distinguere e valutare le situazioni in cui si trova. Ciò vuol dire che potrebbe essere diffidente inizialmente ma capisce ben presto se di una persona o situazione ci si può fidare.

Potrebbe interessarti anche: Cura del pelo del Basset Artésien Normand: caratteristiche e come tenerlo sano e curato

I  3 ‘contro’ di avere un Basset Artésien Normand in casa

Come sempre accade: ‘Non è tutto oro quel che luccica’. Di certo adottare un cane di questa razza ha una serie di vantaggi, ma bisogna conoscere magari anche aspetti del suo carattere che non piaceranno proprio a tutti.

Razze compatibili col Basset Artésien Normand
(Foto AdobeStock)

Odia la solitudine

A tutti i cani piace stare in compagnia, soprattutto quella del proprio umano preferito, ma ce ne sono alcuni che proprio non sopportano l’idea di stare soli: lui è uno di quelli. Ha bisogno di stare in compagnia praticamente sempre, ma per fortuna diverse sono le razze compatibili col Basset Artésien Normand e non si tratta solo di cani.

Testardo

Non sarà semplice allevarlo, infatti si consiglia di affidarsi a un esperto qualora fosse il nostro primo cane di questa razza. Ha un carattere molto determinato e testardo e bisogna abituarlo sin da cucciolo ad eseguire i comandi. Infatti più grande si fa e più tenderà a fare di testa sua.

Abbaia e scappa

I vicini di casa potrebbero non apprezzare il suo continuo ‘parlare’: si tratta infatti di un esemplare piuttosto rumoroso. Per giunta tenderà a scappare quasi sempre e ad allontanarsi dalla sua casa per fare visita a quelle altrui. Frutto della sua indole da cacciatore e da esploratore? Forse.

Potrebbe interessarti anche: Le razze di cani che tendono all’obesità

Adottare un Basset Artésien Normand: il padrone ideale

Dopo aver valutato un Basset Artésien Normand come animale domestico, è il caso di chiedersi: saremo noi adatti a lui? Infatti la scelta deve essere, in un certo senso, reciproca. Anche noi umani dobbiamo imparare ad essere i perfetti umani per questo cane, quindi dobbiamo capire se abbiamo le caratteristiche giuste per piacergli.

Adottare un Basset Artésien Normand
(Foto Pinterest)

Attivi e dinamici

Il Basset Artésien Normand ha bisogno di correre e giocare in spazi aperti, quindi non solo servirà una casa grande e magari con uno spazio esterno, ma pretenderà anche un padrone in grado di fargli un’adeguata compagnia sia dentro che fuori casa. Quindi se siamo dei perfetti pantofolai oppure abbiamo una vita stressante che non ci consente di fargli tanta compagnia, non saremo mai i suoi compagni di vita ideali.

Attenti alla sua salute

Come per tutti gli animali domestici, ci sarà bisogno di una grande attenzione alla sua forma fisica. L’esercizio all’aria aperta infatti non è solo un modo per fargli ‘sfogare’ le energie ma anche un ottimo rimedio al fatto che questo cane tende a mangiare tanto e di tutto.

Il rischio di obesità, aggravato dalle piccole dimensioni, è dunque dietro l’angolo. Bisogna fare attenzione all’alimentazione del Basset Artésien Normand e non trascurare mai le visite dal veterinario.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Francesca Ciardiello