Home Cani Alimentazione Cani Il cane può mangiare gli edamame? Benefici e rischi per la sua...

Il cane può mangiare gli edamame? Benefici e rischi per la sua salute

Il cane può mangiare gli edamame? I piccoli fagioli di soia, tipici della gastronomia cinese e giapponese, sono molto buoni per noi umani, utili per combattere il colesterolo. Ma questi fagioli possono essere mangiati dal nostro fido? Scopriamolo.

Il cane e gli edamame
(Foto Pixabay)

Questi fagiolini cinesi si trovano in vendita, ormai, in molti supermercati in Italia. Sono ottimi per la nostra salute e facili da digerire. Basta cospargerli di sale e accompagnarli a una birra durante il pasto. Ma vediamo se anche il cane può mangiare gli edamame e se può trarne dei benefici per la sua salute.

I fagioli di edamame: sono dannosi per il cane?

Gli edamame sono molto buoni se integrati nella nostra alimentazione. Spesso, sono utilizzati tra i pasti come aperitivo. Vediamo di capire se possiamo fornirli al nostro cane, magari come snack, o se sono dannosi per lui.

I fagioli per il cane
(Foto Pixabay)

Questi sfiziosi fagiolini di soia sono un alimento poco comune ma prezioso per la salute e vengono considerati principalmente in Cina e Giappone. Piano piano si stanno diffondendo anche in Italia. Gli edamame sono, infatti, un cibo ricco di fibre, proteine e antiossidanti ed è stato dimostrato che consumarli aiuta moltissimo a contrastare il colesterolo ‘cattivo’.

I fagioli vengono mangiati in vari modi: possono essere lessati o cotti al vapore o consumati freddi, senza essere estratti dal baccello, per essere portati direttamente alla bocca. Nonostante le loro proprietà nutrienti importanti vengono spesso dimenticati tra le verdure da inserire nella dieta ideale per il nostro amico a quattro zampe. Gli edamame non sono un cibo tossico per il cane, tutt’altro! Vediamo perché.

Potrebbe interessarti anche: Frutta e verdura per il cane: tutto quello che c’è da sapere

Fido può mangiare gli edamame? La risposta è sì!

I fagioli di edamame sono, in realtà, tra le migliori verdure che possiamo fornire al nostro peloso, per la grande fonte di proteine e fibre, ma non finisce qui! Questo cibo apporta altri importanti benefici per l’organismo dell’animale. Vediamo quali sono.

Il cane e la verdura
(Foto Pexels)

Sì! Gli edamame possono offrire al peloso nutrienti essenziali fondamentali. Le già citate fibre e le proteine per il cane, sono necessarie per il suo apparato digerente e lo aiutano a controllare il peso. Nei fagioli, inoltre, sono presenti grassi polinsaturi, che aiutano a mantenere in condizioni sane la pelle e il pelo di fido. Insieme ad altri nutrienti, come l’omega-3, questi fagiolini riducono nel cane il rischio di sviluppare il diabete.

Essendo una verdura, questi fagioli sono ancora più preziosi per l’alimentazione canina, in quanto aiuta naturalmente la pulizia dell’intestino del peloso. Altri benefici degli edamame per il cane sono: grande quantità di vitamine A, C, K, che proteggono i muscoli del nostro cane, rafforzando in lui anche la concentrazione e la vista. In generale, questo cibo protegge tutto il suo sistema immunitario.

Per essere gustati dal nostro amico peloso, gli edamame si possono servire crudi o cotti, al vapore e, magari, tritati e poi inseriti nel resto del suo cibo. Ma il cane può incorrere anche in dei rischi mangiando gli edamame? Vediamo insieme.

Potrebbe interessarti anche: Il cane può mangiare la crusca? Vantaggi e svantaggi

I rischi degli edamame per la salute del cane

Bisogna considerare questo: anche se si tratta di verdura, si deve comunque fare attenzione alle dosi che forniamo al nostro cane. L’eccesso di qualsiasi cibo nella sua alimentazione può aprirgli la strada a fastidiosi disturbi o, nei casi più gravi, a serie patologie.

I disturbi dovuti all’eccesso di questo cibo sono diversi, dal leggero gonfiore al vomito nel cane, diarrea, gas gastrici e crampi alla pancia. Per evitare il soffocamento di fido associato ai baccelli, che lui adora, si consiglia di evitarli, dando solo i fagioli.

L’ideale sarebbe offrirgliene tre o quattro al giorno, in una manciata, senza mai esagerare, abituando così il nostro caro peloso a un alimento sano che potrà gustare con costanza, senza alcun tipo di pericolo per il suo benessere.

Ilaria G