Home Cani Alimentazione Cani Il cane può mangiare gli anacardi? Il parere degli esperti

Il cane può mangiare gli anacardi? Il parere degli esperti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:42
CONDIVIDI

La frutta secca è una delle grandi prelibatezze della stagione autunnale: il cane può mangiare gli anacardi? Ecco il parere degli esperti.

Il cane può mangiare anacardi? (Foto Adobe Stock)
Il cane può mangiare anacardi? (Foto Adobe Stock)

Con il cane condividiamo tante cose, e fra queste non può mancare la pappa, che è una delle grandi passioni di Fido. Certo, parliamo di piccoli spuntini, come ad esempio la frutta secca durante la stagione autunnale. Tuttavia è sempre bene informarsi prima su ciò che Fido può o non può mangiare: ad esempio, il cane può mangiare gli anacardi? Scopriamolo insieme!

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del cane in autunno: cosa cambiare con i primi freddi

Il cane e la frutta

Ricette veggy per il cane
Cane e frutta: un binomio possibile ma con le dovute accortezze (Foto Unsplash)

Sono tanti gli alimenti che possiamo condividere con il cane. D’altronde siamo facilitati in questo, in quanto Fido, come risaputo, è onnivoro. Tuttavia occorre sempre prudenza: il cane rimane di base un carnivoro e quindi la sua alimentazione deve basarsi essenzialmente sulla carne.

Allo stesso tempo è importante che trovino spazio anche altri alimenti: pesce, verdura, uova sono comunque cibi di cui il cane ha bisogno. E la frutta? Anche la frutta va bene per il cane, purché si tratti di frutti che possa mangiare senza pericolo per la sua salute.

Il cane può mangiare gli anacardi?

Il cane può mangiare anacardi? (Foto Pixabay)
Il cane può mangiare anacardi? (Foto Pixabay)

Esistono infatti una serie di frutti vietati al cane, che il nostro amico fedele non può mangiare perché potrebbero essere dannosi per la sua salute. Particolare attenzione va rivolta alla frutta secca, che può essere nociva per Fido. Questo vale anche per gli anacardi?

In realtà no, il cane può mangiare gli anacardi. Questi deliziosi frutti non sono dannosi per Fido, e quindi possono far parte del suo menù. Occorrono però alcune precisazioni.

Potrebbe interessarti anche: I cani possono mangiare i pistacchi? Cosa c’è da sapere su questo alimento

Alcuni consigli utili

Il cane può mangiare il lampone? (Foto Pixabay)
Una buona abitudine da prendere è quella di servire al cane degli anacardi cotti: in questo modo si elimina dal frutto possibili sostanze nocive per il cane (Foto Pixabay)

Come sappiamo, quando si parla di alimentazione del cane la parola chiave è moderazione. Quindi:

  • Occhio a non esagerare: è vero che Fido può mangiare gli anacardi, ma è importante che ne mangi uno o due pezzi alla volta.
  • L’importanza dello spuntino per il cane: Lo spuntino è il momento ideale, quello in cui far mangiare al cane gli anarcardi. Si tratta infatti di un piccolo pasto intermedio in cui Fido può assaggiare pochi pezzi di frutta secca alla volta, ed inoltre ha un’altra grande utilità: spezza la fame di Fido, facendo sì che non arrivi troppo affamato al pasto principale, divorando tutto in fretta e furia con rischio di avere mal di pancia;
  • Meglio cotti che crudi: un’altra piccola accortezza potrebbe essere quella di servire gli anacardi cotti al cane, per eliminare la possibile presenza di sostanze che possano essere nocive;
  • Variare il menù di Fido: inserire gli anacardi nel menù di Fido può essere una buona idea. Vi aiuta a variare l’alimentazione del cane, approfittando della frutta di stagione. L’importante è sempre dare pochi anacardi alla volta, due o tre volte alla settimana;
  • I gusti son gusti: se al cane gli anacardi non piacciono, non insistete. Potete sempre variare il suo menù inserendo altri frutti che può mangiare;
  • Veterinario in caso di dubbio: se il cane ha mangiato troppi anacardi e si sente male, è necessario portarlo dal veterinario. Non esitate però, anche in caso di solo dubbio, a contattare il professionista. Se non siete sicuri che il cane possa o non possa mangiare un alimento, è bene sempre chiedere un parere medico.

Antonio Scaramozza