Home Cani Carbone attivo per il cane: cos’è, come funziona, quando usarlo

Carbone attivo per il cane: cos’è, come funziona, quando usarlo

Se non avete mai sentito parlare del carbone attivo, dovreste scoprire di più a riguardo: si tratta di un rimedio per numerosi malanni del cane.

Carbone vegetale Fido
Cane malato (Canva – Amoreaquattrozampe.it)

Il carbone attivo per il cane è una sostanza omeopatica impiegata per curare svariati disturbi. Averlo in casa può rivelarsi utile, se non indispensabile, in molte occasioni. A cosa serve, come utilizzarlo e quando somministrarlo a Fido? Scopriamo insieme usi e caratteristiche del carbone attivo per il cane.

Cos’è il carbone attivo per il cane

Il carbone attivo è una sostanza vegetale che può essere impiegata per la cura di numerosi disturbi a carico di cani e gatti.

Carbone vegetale per Fido
Cane apatico (Canva – Amoreaquattrozampe.it)

Si tratta di un rimedio completamente naturale e privo di effetti collaterali. Tuttavia, va utilizzato previo consulto veterinario: l’esperto indicherà la modalità di somministrazione e le dosi più opportune a seconda del caso specifico.

Questo integratore è disponibile sotto forma di mangime, pastiglie e gocce.

Le diverse modalità di assunzione del carbone vegetale fanno sì che si adatti a ogni pelosetto: potremo scegliere il tipo di somministrazione a lui più congeniale, così da agevolare questa operazione, evitando stress e traumi nel quattro zampe.

Potrebbe interessarti anche: La gastrite nel cane: cause, sintomi e rimedi

Carbone attivo per il cane: quando usarlo

Il carbone vegetale per il cane ha numerosi utilizzi. Esso svolge un’azione protettiva della flora intestinale: combatte i patogeni all’interno dell’organismo e favorisce la digestione.

Inoltre, si tratta di una sostanza dall’alto potere assorbente. Questa sua azione purificante e disintossicante lo rende un ottimo alleato in caso di avvelenamento o intossicazione: somministrare il carbone attivo all’animale lo aiuta ad eliminare tossine e scorie.

Inoltre, esso costituisce un rimedio particolarmente utile per combattere disturbi a carico dell’apparato gastrointestinale, tra cui:

  • Diarrea;
  • Stipsi;
  • Nausea;
  • Meteorismo;
  • Gonfiore addominale.

Infine, le proprietà di questa sostanza migliorano l’aspetto del pelo e della pelle di Fido, incrementando il suo benessere generale.

Potrebbe interessarti anche: Avvelenamento o intossicazione del cane: attenzione a questi segnali d’allarme

Intossicazione nel cane: i campanelli di allarme

Quali sono i segnali con cui si manifesta l’intossicazione nel cane? Tra i sintomi più comuni ci sono:

  • Ipersalivazione;
  • Vomito;
  • Diarrea;
  • Convulsioni;
  • Difficoltà di respirazione;
  • Affaticamento.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER

Inoltre, Fido potrebbe presentare difficoltà di deambulazione e arti irrigiditi.

Qualora l’animale mostri questi segni di disagio, è indispensabile contattare il medico, che ci guiderà passo passo verso le procedure da mettere in atto per aiutare il quattro zampe.

Mai agire senza aver consultato il veterinario: potremmo mettere seriamente in pericolo la vita di Fido.