Home Cani Salute dei Cani Come posso fermare la diarrea del cane? Causa, sintomi e trattamento

Come posso fermare la diarrea del cane? Causa, sintomi e trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:34
CONDIVIDI

Come fermare la diarrea nel cane: scopriamo insieme la causa di questa fastidiosa condizione e come intervenire per trattare il disturbo.

diarrea nel cane
Diarrea nel cane.(Foto Adobe Stock)

Prima di tutto bisogna sottolineare che la diarrea nel cane non può essere considerata una malattia, ma un sintomo, cioè qualcosa che altera il sistema digestivo del cane. Quindi è fondamentale indagare su quali sono le cause che consentono lo sviluppo di questo sintomo nel corpo dell’animale.

Buona parte delle malattie più importanti che affliggono il sistema gastroenterico presentano, o possono presentare, nel loro quadro clinico questo sintomo. Ma anche fattori climatici possono concorrere all’insorgenza della diarrea nel cane.

I primi freddi, infatti, una pioggia gelida improvvisa o, più semplicemente, il contatto con un pavimento freddo venendo da un ambiente caldo. Ma esistono forme specifiche comuni di diarrea che nel prossimo paragrafo andremo a conoscere e soprattutto a capire come fermare la diarrea nel cane.

Infestazioni parassitarie

I responsabili più frequenti sono vermi quali gli ascaridi, gli ancilostomi e gli strongili. Coccidi e giardie, microrganismi entrambi appartenenti alla classe dei protozoi, risultano sempre più spesso evidenti nei campioni di feci di cane con la diarrea.

Infezioni virali e batteriche

Le infezioni virali e batteriche, sono dovute all’irregolare sviluppo di popolazioni microbiche precedentemente in equilibrio tra loro oppure entrate nell’organismo dall’esterno. Le principali infezioni nel cane virali e batteriche sono:

  • Cimurro: è una grave malattia virale (Paramyxovirus) del cane che può colpire l’apparato respiratorio, l’apparato gastroenterico e il sistema nervoso centrale. La malattia è altamente contagiosa e il virus si trasmette soprattutto attraverso le secrezioni dell’animale infetto.
  • Gastroenterite virale o Parvovirosi: è una delle più gravi malattie virali del cane, soprattutto nei cuccioli. È causata dal Parvovirus, un virus molto contagioso trasmesso da un cane all’altro attraverso le feci. Il contagio avviene quindi attraverso il contatto orale con feci infette o oggetti contaminati.
  • Leptospirosi: è una malattia batterica che può colpire molte specie animali, compreso il cane e l’uomo. È causata da un organismo batterico di forma spirale chiamato Leptospira. La malattia può essere grave e anche fatale. I batteri raggiungono il circolo sanguigno e possono causare danni agli organi, quali il fegato e i reni. Le leptospire si diffondono attraverso le urine degli animali infetti. Attraverso l’urina il batterio può contaminare l’acqua o il terreno.
  • Leishmaniosi: è una malattia causata da un protozoo parassita chiamato Leishmania. Può colpire sia il cane che l’uomo. Si trasmette solo attraverso la puntura dei flebotomi, insetti simili a piccole zanzare. Il contagio avviene tramite il flebotomo femmina, il quale punge un cane infetto e ingerisce il parassita. Successivamente punge un altro cane e la Leishmania viene inoculata nella cute di quest’ultimo, che si infetta.
  • Rabbia: è una malattia infettiva causata da un virus (Rhabdovirus) infetta soprattutto il sistema nervoso. La trasmissione dell’infezione avviene soprattutto attraverso la saliva dell’animale infetto, in particolare attraverso un morso.
  • Epatite infettiva: è una malattia poco frequente, grazie alla vaccinazione. È causata da un Adenovirus (CAV-1) che si trasmette tra i cani attraverso l’ingestione di urine, feci o saliva infetti. La trasmissione avviene soprattutto per contatto tra cani infetti.

Intolleranze e allergie alimentari

L’incidenza di allergie alimentari e intolleranze nel cane vengono considerate poco elevate. I sintomi gastroenterici, in genere rappresentati da vomito e diarrea, si manifestano solo in una piccola percentuale di casi.

L’unica possibilità per poter diagnosticare con certezza questa malattia è quella di ricorrere ad una dieta a eliminazione. Solo il Medico Veterinario può essere in grado di decidere, di volta in volta, il tipo di dieta del cane (casalinga o del commercio), il momento più opportuno per iniziarla e la sua durata.

Il cambio di alimentazione deve perseguire l’obiettivo di dimostrare un miglioramento o la completa remissione della sintomatologia.

Una volta che ciò è stato ottenuto, è possibile provare a individuare l’alimento responsabile di tale condizione allergica, attraverso la reintroduzione nella dieta dei vari componenti che l’animale assumeva precedentemente, uno alla volta ad intervalli settimanali;

Sostanze tossiche

L’avvelenamento del cane da sostanze tossiche non è raro, può avvenire per mancanza di attenzione da parte nostra, lasciando prodotti per la pulizia in giro a portata di Fido o magari passeggiando nel parco può ingerire qualcosa nascosta fra l’erba o addirittura in strada leccare l’antigelo delle auto.

Possono essere tante le sostanze tossiche di cui doversi preoccupare e stare attenti per i nostri amici a quattro zampe. L’unica cosa certa è che se il cane ha ingerito un boccone avvelenato, contattate immediatamente il veterinario in modo da farvi spiegare come prestare subito assistenza all’animale e per far in modo che il medico sia preparato in vista dell’arrivo del cane presso il suo studio.

Come fermare la diarrea nel cane

Si può dare la tachipirina al cane?
Come fermare la diarrea del cane. (Foto AdobeStock)

Averne stabilito la causa della diarrea non è sufficiente per poterla anche combatterla. Per poter fermare la diarrea nel cane, bisognerà seguire diversi consigli degli esperti, laddove però la diarrea canina sia lieve e di scarsa preoccupazione. I seguenti suggerimento consistono in:

  • stato di digiuno di mezza o intera giornata;
  • ripartire con una dieta morbida e leggera;
  • utilizzo di probiotici, per ristabilire la flora intestinale;
  • consumo di acqua non limitato;

Laddove la diarrea non dovesse avere una buona risposta ai vari suggerimenti e quindi non si tratta più di un sintomo lieve, bisognerà condurre l’animale dal veterinario. In particolare quando ci sono disturbi che trasmettono segnali di allarme che dobbiamo prendere in considerazione. Questi segnali sono:

Potrebbero interessarti anche:

Raffaella Lauretta