Home Cani Come curare il pelo e l’igiene dell’Alano: bagno e toelettatura

Come curare il pelo e l’igiene dell’Alano: bagno e toelettatura

In che modo va curato il pelo dell’Alano? Anche l’igiene è importante e bisogna sapere come fargli il bagno ed eseguire la toelettatura.

Come curare il pelo e l'igiene dell'Alano
(Foto da Pixabay)

Negli anni l’Alano è passato dal cacciare al presenziare a mostre espositive proprio per la bellezza del suo manto e dell’aspetto in generale. Decidere di prenderne uno in casa vuol dire anche prendersi cura del suo pelo e della sua igiene. Occorre sapere come fargli il bagno ed eseguire la toelettatura.

Il pelo dell’Alano

Che sia nero, arlecchino, fulvo, blu o tigrato, il pelo dell’Alano ha una lucentezza tale che anche da lontano appare il vestito perfetto per un corpo così grande.

Alano
(Foto da Pixabay)

Il mantello dell’Alano, infatti, è costituito solo dal pelo raso e non dal sottopelo: ne deriva che la pelle non sia tanto protetta né in estate né in inverno.

Si potrebbe pensare che non perda troppo pelo, invece è il contrario: nonostante sia finissimo ne perde un sacco.

In effetti, come la maggior parte dei cani, l’Alano fa la muta due volte l’anno: in autunno ed in primavera è bene munirsi di tanta pazienza.

Onde arrivare a trovare il divano di casa contornato da pelo arlecchino, sarebbe meglio che almeno un paio di volte a settimana provvedessimo alla spazzolatura del nostro cane.

Basterebbe munirsi di una spazzola di gomma e procedere dall’alto verso il basso a spazzolare: è sempre consigliato seguire il verso del pelo.

Non occorrono strumenti particolari o una toelettatura speciale per l’Alano, basta prendersi cura costantemente del manto perché ne conservi forza, lucentezza e vigore.

Potrebbe interessarti anche: Razze di cani più compatibili con l’Alano: i coinquilini perfetti

Come fare il bagno all’Alano

Soprattutto quando il nostro cane viva in casa, è opportuno che sia sempre pulito e profumato.

Alano cucciolo
(Foto da Pinterest)

D’altronde è capace di mettersi a dormire nel letto con noi, ed è bene che almeno ogni 2 o 3 mesi venga lavato.

Per quanto è grande tanto è delicato: uno shampoo troppo aggressivo potrebbe irritargli la pelle e rendere il pelo opaco.

È consigliato fare il primo bagnetto al cucciolo di Alano non troppo presto ma dopo che abbia fatto i primi vaccini.

In commercio si può trovare benissimo uno shampoo adatto al cucciolo di cane: il pelo sta crescendo ed anche la sua pelle va trattata delicatamente.

Volendoci cimentare in casa, di certo il cucciolo occuperebbe tutta la vasca, da adulto sarebbe un attimino più complicato.

Tuttavia il nostro Alano non chiede di meglio: ama essere strapazzato di coccole e quando riceve attenzioni esprime gioia pari a quella di un bambino.

In generale va fatto il bagno al cane solo se sia in perfetta salute: anche solo un raffreddore potrebbe comportare altre conseguenze.

Di certo sarebbe meglio che in inverno lo portassimo da un toelettatore ed in estate magari lavarlo nel nostro giardino.

Questa razza di cane è molto giocherellona e se non lo legassimo con un guinzaglio durante il bagno rischieremmo che sarebbe lui a lavare noi.

Siccome il pelo dell’Alano non necessita di particolari accortezze, è bene spazzolarlo prima di lavarlo.

L’importante è asciugarlo sempre bene ed eseguire il bagno facendo in modo che il cane non possa scivolare e dunque farsi male.

Potrebbe consigliarti anche: Razze di cani tedesche: questi pelosetti hanno origini dalla Germania

Igiene e consigli utili

Perché il nostro Alano stia sempre in ordine e ben curato, occorre pensare anche all’igiene del resto del suo corpo e non solo del pelo.

Alano
(Foto da Pixabay)

Tutto ciò, però, creando sempre le condizioni ideali per l’animale: non dobbiamo forzarlo né deve sentirsi costretto; il cane potrebbe stressarsi inutilmente.

È importante anche:

  • Pulire le orecchie;
  • Pulire i denti;
  • Tagliare le unghie.

Essendo grandi, le orecchie dell’Alano sono spesso all’in giù: vanno a chiudere il condotto uditivo rischiando di intrappolare sporco o corpi estranei.

Per questo vanno pulite spesso ed asciugate per bene dopo il bagno: il cane potrebbe rischiare un’otite, fastidiosa ed a volte pericolosa se non trattata subito.

Senza dubbio sarebbe più facile prendersi cura dell’igiene della bocca del cane facendolo sedere: a volte è davvero un cucciolone e si farebbe fare di tutto.

Nel tagliare le unghie al nostro Alano è sempre opportuno ricordarsi di eliminare solo la parte terminale dell’unghia attraverso un taglio obliquo e non netto.

Anche se fossimo diventati alquanto bravi nella cura del nostro cane, ogni tanto sarebbe consigliato portarlo da un toelettatore professionista.

E se volessimo non aspettare due mesi per rinfrescare e pulire il manto dell’animale, potremmo sempre scegliere di usare uno shampoo secco per cani.

Di tanto in tanto, spazzolandolo spesso per evitare troppo pelo in casa, potremmo anche usare del talco profumato per il cane: se non fosse che sbava un po’ arriverebbe a profumare anche come un peluche.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

S. A.