Home Cani La pubertà nel cane: cos’è, come si manifesta e come affrontarla

La pubertà nel cane: cos’è, come si manifesta e come affrontarla

Tutti i cuccioli sono destinati a crescere attraversando una delicata fase della vita. Scopriamo cos’è la pubertà nel cane e come affrontarla.

la pubertà nel cane
(Foto Unsplash)

Adottare un tenero cucciolo di cane è un pò come diventare genitori: un amore incondizionato, che non può essere spiegato. La prima pappa, il primo bagnetto, le passeggiate di relax al parco, le coccole sul divano: momenti ineguagliabili.

Ma purtroppo questa fase iniziale, dove tutto è bello e piacevole è destinata a terminare: cambiamenti nell’aspetto, caratteriali, emotivi e comportamentali ci indicheranno che il nostro cane sta crescendo.

La nostra autorità verrà messa a dura prova, così come la pazienza. Fido assumerà comportamenti strani ed insoliti, tenderà ad essere più autonomo e a voler scoprire la realtà che lo circonda da solo, senza voler più la nostra “supervisione”.

Questa fase, che lo porterà ad essere un adolescente a tutti gli effetti, ha uno specifico nome: pubertà. Un periodo ribelle, dove il cane, non più cucciolo, reagisce in modo diverso e con più emotività agli stimoli esterni.

Sente di voler mettere in discussione tutto quello che ha appreso da noi, le regole che abbiamo stabilito e quasi senza voler più dare ascolto alla nostra autorità.

Tenergli testa durante questa fase è fondamentale per guidarlo ed educarlo al meglio. Per farlo però dobbiamo capire cos’è la pubertà nel cane, come si manifesta e quali sono le “regole guida” che noi dobbiamo seguire.

La pubertà nel cane: cos’è e quando ha inizio

Proprio come i nostri adolescenti, in questa fase così importante della vita, Fido diventa ribelle.

cane ribelle
(Foto Pinterest)

La pubertà nel cane è una finestra sul suo mondo da futuro adulto. E’ un periodo molto impegnativo per noi ed importante per lui: Fido plasma il suo carattere, la sua personalità, definisce i propri limiti, costruendo nuovi fondamenti di convivenza e di socializzazione.

Questo periodo vede il suo inizio quando il cucciolo di cane perde i denti da latte, apprestandosi alla comparsa di quelli permanenti: generalmente nelle razze piccole la pubertà ha inizio intorno ai 6 mesi di vita, invece in quelle più grandi a 12 mesi. E termina con il raggiungimento della maturità sessuale.

Durante la pubertà il nostro amico a quattro zampe è difficile da gestire, questo perché sono in atto in lui cambiamenti ormonali e fisiologici che lo portano a modificare il suo aspetto e il suo carattere:

  • ai nostri occhi apparirà irrequieto, capriccioso, disobbediente: un vero e proprio ribelle, che non desidera più scoprire o fare cose con noi;
  • ai suoi occhi la realtà che gli appare dinanzi è nuova, ogni stimolo è più forte e cattura con più enfasi la sua attenzione e la sua curiosità.

Importante è capire che non si comporta così per cattiveria. Fido sta solo seguendo questo naturale processo, ed è compito nostro farglielo vivere nel migliore dei modi: con tanta pazienza ed uno sforzo maggiore eviteremo che assuma abitudini e comportamenti sbagliati.

Come si manifesta

La pubertà nel cane è una delle fasi più impegnative dello sviluppo di un cane: sembra quasi che il suo unico obiettivo sia mettere continuamente alla prova la nostra pazienza e superare tutti i limiti che gli abbiamo imposto.

cane disobbediente
(Foto Unsplash)

In questo “strano periodo” Fido assume insoliti comportamenti, non rispetta le regole e i comandi, vuole essere autonomo completamente: non è più un cucciolo, sta crescendo, pronto a diventare un adulto e a dare ascolto a tutti i cambiamenti ormonali, chimici e neuronali interni al suo corpo.

La pubertà vede come traguardo il raggiungimento della maturità sessuale, in Fido prende vita una vera e propria modifica ormonale: nel maschio si assiste alla prima marcatura con la zampa alzata, nelle femmine il primo calore.

Non è difficile per noi notare questi cambiamenti, ma andiamo a capire realmente cosa accade a livello ormonale e comportamentale al nostro cane:

  • l’ormone del benessere, la serotonina vedrà una drastica riduzione della sua produzione;
  • l’adrenalina, il neurotrasmettitore del sistema nervoso simpatico, aumenterà vertiginosamente innalzando il livello di allerta in Fido;
  • l’ormone di rilascio delle gonadotropine si svilupperà attivando gli organi sessuali: assisteremo all’innalzamento del testosterone nel maschio e degli estrogeni nella femmina;
  • l’ormone del piacere, la dopamina vedrà aumentare la quantità dei suoi recettori, influenzando maggiormente ed in modo positivo il cervello di Fido;
  • il cortisolo, l’ormone dello stress, arriverà a raggiungere picchi elevatissimi: il cane improvvisamente sarà infastidito da rumori forti.

Tutto questo “squilibrio” evidenzierà cambiamenti inaspettati ed incomprensibili nel comportamento del nostro cane. Il quale agirà diversamente a tutte le situazioni che in precedenza, da cucciolo, aveva già vissuto:

  • metterà in discussione la nostra autorevolezza;
  • inizierà a non obbedirci, diventando insolente;
  • non vorrà più stare solo in casa, facendo comparire tutti i sintomi dell’ansia da separazione;
  • marcherà il territorio più spesso;
  • controllerà e difenderà i propri spazi, il suoi cibo e i suoi giochi, assumendo un atteggiamento aggressivo;
  • il suo rapporto con le persone e con gli altri cani cambierà, in alcuni casi li vedrà come nemici;
  • aumenteranno la sua sicurezza e la sua determinazione durante le nostre passeggiate, tenendosi bene a distanza da noi;
  • prenderà decisioni autonomamente, non seguendo più i nostri comandi;
  • ma sarà più facile da incoraggiare;
  • sarà distratto, apatico e indifferente a tutte le richieste che gli facciamo.

Questi i comportamenti che assumerà il nostro cane durante la fase della pubertà. Sarà difficile e complesso attraversare al suo fianco questa fase, ma con la giusta calma, coerenza e fermezza nelle nostre decisioni riusciremo a “trasportarlo” nel migliore dei modi verso l’età adulta.

Potrebbe interessarti anche: Il cane è ribelle: tutti i segnali per capirlo e imparare a gestirlo

Cosa fare per affrontare la pubertà nel cane

“Rieducare” un ribelle, specialmente se un amico a quattro zampe, è un compito molto delicato, fatto di sfide e di determinazione.

cosa fare durante la pubertà del cane
(Foto Unsplash)

Per evitare che Fido prenda il sopravvento su di noi durante questa fase è fondamentale adottare delle regole ben precise, chiare, coerenti e costanti.

Queste alcune utili regole da seguire per superare al meglio la pubertà nel cane, e ritrovarci ad avere al fianco un ottimo ed educato adolescente a quattro zampe:

  • facciamogli capire chi comanda: il cane non deve mai prendere il sopravvento su di noi, deve imparare a capire che siamo noi a decidere;
  • costanza e coerenza non devono mancare mai: addestrarlo da cucciolo è stato impegnativo ed in questa fase turbolenta non bisogna arrendersi, ma dobbiamo continuare a consolidare i comandi che gli abbiamo insegnato, senza cambiare atteggiamento nei suoi confronti, ma dimostrandogli solo più fermezza;

Potrebbe interessarti anche: Disturbi comportamentali: come rieducare un cane aggressivo

  • dimostriamogli sicurezza: Fido deve fidarsi di noi, deve sentire che lo proteggiamo. In caso di pericolo mettiamoci dinanzi a lui mantenendo calma e sicurezza, le trasmetteremo anche a lui;
  • assicuriamogli di scaricare tutta l’energia che ha: un cane stanco è sicuramente più felice. Giochiamo con lui e favoriamo momenti di incontro con altri cani: in questo modo non solo socializzerà ma consumerà tutta la sua energia e non avrà più voglia di distruggere il divano di casa, ad esempio;
  • manteniamo la calma: a volte ci sembrerà di perdere la pazienza, ma dobbiamo essere più forti. La pazienza, il supporto, la calma gli faranno capire che deve affrontare le varie situazioni che gli si presentano con più tranquillità;
  • non puniamolo: alzare la voce o metterlo in punizione non risolvono la situazione, non placano la sua ribellione, ma aumentano in lui lo spavento, con l’aggravante che non farà ciò che gli viene chiesto;
  • premiamolo: anche se ci metterà del tempo nel fare una cosa o nel reagire ad un comando facciamogli comunque un regalino, lo vedrà come un complimento, sentirà che lo stiamo incoraggiando e a poco a poco gli sarà più facile rispondere velocemente e volentieri alle nostre richieste.

Impegnarsi è fondamentale per accompagnare Fido in questa “crescita”, la fase della pubertà passerà e solo grazie a noi diventerà un adulto felice e più sicuro in sé stesso. Naturalmente se questo percorso dovesse risultare più complicato per te consulta un addestratore professionista.

Rossana Buccella