Home Cani Salute dei Cani Alimentazione cane sterilizzato: come cambia la ciotola di Fido

Alimentazione cane sterilizzato: come cambia la ciotola di Fido

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:51
CONDIVIDI

Qual è la dieta del cane dopo l’intervento? Cosa è consigliabile e cosa no? Tutto quello che c’è da sapere sull’alimentazione del cane sterilizzato.

Alimentazione cane sterilizzato
Alimentazione cane sterilizzato (Foto Abobe Stock)

Tra le conseguenze della sterilizzazione del cane quelle più comuni sono legate al metabolismo e al cibo. Innanzitutto il metabolismo potrebbe rallentare e per questo le calorie accumularsi e il cane ingrassare, inoltre Fido potrebbe diventare più sedentario, avere la tendenza ad annoiarsi di più e a mangiare più spesso. Quindi attenzione a quello che finisce nella ciotola e alla abitudini legate al moto: le parole d’orine sono alimentazione adeguata e la giusta quantità di attività fisica.

Potrebbe interessarti anche: Accudire un cane sterilizzato: come prendersi cura di lui dopo l’intervento

Dalle calorie alle fibre: come deve essere l’alimentazione del cane sterilizzato

il cane che attende il cibo (Foto Pixabay)
L’importanza di cibo e acqua (Foto Pixabay)

Dopo la sterilizzazione ogni cane avrà il suo individuale fabbisogno nutrizionale che dipende da diversi fattori come razza, età, sesso, grado di attività fisica e stato di salute. Secondo una regola generale il nuovo stile alimentare del cane deve avere un apporto calorico ridotto di circa il 20 – 30% rispetto a quello abituale. Il veterinario ti indicherà esattamente come cambiare ed equilibrare la dieta di Fido, ma ti sarà utile sapere che la sua alimentazione dovrà prevedere:

– meno calorie;
– quantità inferiore di grassi;
– quantità superiore di fibre (al fine di accrescere il senso di sazietà, favorire la corretta evacuazione e contrastare la stitichezza di Fido);
proteine di buona qualità (quindi attenzione ai cibi industriali di medio-bassa qualità);
– la riduzione dell’apporto di magnesio (un eccesso può provocare calcoli e problemi alle vie urinarie del cane);
– un buon equilibrio tra calcio e fosforo (una carenza del fosforo induce all’eliminazione anche del calcio sotto forma di calcoli);
– la giusta quantità di acqua. Il cane deve essere stimolato a bere poiché l’idratazione è importantissima.

Potrebbe interessarti anche: Sterilizzare il cane per motivi di salute: quando dovresti farlo

Se scegli cibo industriale tipo crocchette fai attenzione a non lasciarti fuorviare dalle indicazioni sulla scatola come “light”, “cibo dietetico”, “weight control”, “povero di calorie”; dovrai sempre controllare la lista degli ingredienti e alla percentuale di calorie di ogni singolo prodotto.

Infine un ultimo consiglio: evita di offrire a Fido spuntini, stuzzichini, sgarri vari e soprattutto assolutamente vietato il “cibo umano” spesso eccessivamente condito e salato quindi dannoso per la sua salute.

S.C.