Home Cani Salute dei Cani Il cane ha qualcosa bloccato in gola: sintomi, tosse e rimedi

Il cane ha qualcosa bloccato in gola: sintomi, tosse e rimedi

Lo senti tossire in modo strano? E’ probabile che il tuo cane ha qualcosa bloccato in gola: come esserne certi e come rimediare al suo problema.

Cane ha la tosse
Cane tossisce e non respira bene (Canva-Amoreaquattrozampe.it)

Esattamente come accade per i bambini, dovremo essere noi a capire subito cosa c’è che non va nella salute di Fido, poiché non riesce a spiegare i suoi malanni. Può capitare infatti di sentirlo tossire in modo strano, diverso dal solito: è possibile quindi che il cane ha qualcosa bloccato in gola, magari un corpo estraneo o qualcosa che gli è andato di traverso e gli impedisce di respirare correttamente. Ecco come esserne certi e come procedere nel più breve tempo possibile.

Tosse nel cane: malattia o ha qualcosa in gola?

Da questo segnale fondamentale possiamo capire se si tratta di un raffreddamento, una malattia come la tosse dei canili o laringotracheite; in alcuni casi però è possibile che Fido abbia ingerito, magari di nascosto dal nostro sguardo, qualcosa che gli ha bloccato le vie respiratorie e non gli blocca l’esofago.

Cane tossisce
Cane non riesce a respirare bene (Canva-Amoreaquattrozampe.it)

In realtà i due tipi di tosse possono sembrare molto simili, soprattutto a un orecchio poco esperto, ma alla tosse da corpo estraneo in gola si potrebbe aggiungere un ‘indizio’ molto utile, ovvero dei conati/sforzi di vomito: in questo caso è proprio come se il cane si sforzasse di liberarsi di qualcosa che ha ingoiato e che non vuole proprio venire fuori.

E’ possibile inoltre che le difficoltà di respirazione sfocino in dispnea canina, quindi occorrerà chiamare un pronto intervento per consentire al cane di liberarsi e respirare di nuovo prima che sia troppo tardi.

Il cane ha qualcosa bloccato in gola: le manovre di primo soccorso da praticargli

Nell’attesa che arrivino gli esperti, possiamo iniziare i tentativi per liberare la gola di Fido, cercando soprattutto di non commettere errori che potrebbero essergli fatali e peggiorare la situazione. Sebbene non sarà affatto semplice, dobbiamo cercare di mantenere la calma e farlo calmare, per limitare i suoi sforzi di richiedere aiuto e ossigeno.

Se non siamo sicuri che abbia ingoiato qualcosa o un pezzo di un oggetto, perché magari non abbiamo trovato tracce o ‘prove’ che ce lo facciano pensare, armiamoci di una torcia e proviamo a scoprirlo. Apriamo gradualmente la sua bocca, magari tenendolo per la collottola, e teniamolo fermo il più possibile (provando a non farlo avvilire ulteriormente).

Potrebbe interessarti anche: Scopri tutto sulla sindrome da distress respiratorio acuto nel cane: tutto ciò che devi sapere

Con la torcia proviamo a capire se è rimasto incastrato qualcosa di cui ancora si vede la fine e, con estrema delicatezza, provare a tirarlo fuori l’oggetto (a meno che non ci rendiamo conto che questo tentativo possa essere ancora più dannoso per i suoi organi interni).

Un cane di piccola taglia potrebbe essere messo a testa in giù per carcare di far cadere l’oggetto più facilmente, sfruttando la forza di gravità. Nel caso di un cane grande, si potrebbe provare a sollevargli le zampe posteriori. Infine tentiamo la manovra di Heimlich, per spingendo dietro le costole verso l’interno e vero l’alto.

Potrebbe interessarti anche: Scopri se anche Fido ha mal di gola: come riconoscere e curare la tracheite nel cane

Il cane ha qualcosa bloccato in gola: quando portarlo al pronto soccorso

In realtà quando il cane ha ingoiato qualcosa si tratta già di un caso di emergenza, che merita l’intervento del veterinario o del pronto soccorso veterinario più vicino, a meno che non siamo riusciti da soli a rimuovere l’oggetto (manovra, lo ripetiamo, molto rischiosa se non si è pratici) o non vogliamo neppure provarci.

Cane non respira: come intervenire
Controllo del cane dal veterinario (Canva-Amoreaquattrozampe.it)

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Gli esperti procederanno col capire se effettivamente c’è un oggetto da rimuovere e in che posizione si trova, procedendo (previa sedazione al cane) con una endoscopia al cane o intervenendo chirurgicamente, se sono trascorse più di 48 ore.