Home Cani Salute dei Cani La colestasi nel cane: cause, sintomi e rimedi della patologia

La colestasi nel cane: cause, sintomi e rimedi della patologia

Colestasi nel cane: scopriamo quali sono le cause, i sintomi e i rimedi di questa patologia che può colpire anche il nostro amico a quattro zampe.

La colestasi nel cane (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Quando Fido sta male, la tempestività dell’intervento e della diagnosi è fondamentale per il pieno recupero (a volte anche per la stessa vita) del nostro piccolo amico a quattro zampe. Per questo, per quanto possibile, è importante imparare a riconoscere i sintomi delle malattie più comuni che possono colpirlo. Scopriamo insieme quali sono le cause, i sintomi e i rimedi della colestasi nel cane.

Che cos’è e quali sono le cause

Le malattie gastrointestinali del cane (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

La colestasi è una patologia che cagiona l’arresto o l’alterazione del flusso biliare, e può colpire anche il cane. La bile, come noto, è un liquido prodotto dal fegato, ed è coinvolto nel processo digestivo, sia per l’assunzione di alcuni elementi, sia per l’eliminazione di altri nocivi per l’organismo.

Dal fegato la bile passa nella cistifellea, dove viene conservata in attesa di svolgere le suddette funzioni dopo l’assunzione di un pasto. Infatti, digeriti gli alimenti, la bile viene rilasciata nel duodeno, dove si attiva.

La colestasi indica dunque una condizione patologica che è tale da ostruire, in tutto o in parte, il dotto biliare, e dunque il passaggio della bile dal fegato fino al duodeno. Si individuano due tipi di colestasi:

  • Colestasi intraepatica: l’arresto o la diminuzione del flusso biliare si verifica all’interno dell’organo in cui è prodotta, ovvero il fegato;
  • Colestasi extraepatica: in questo caso l’arresto o la diminuzione del flusso biliare avviene al di fuori del fegato; dunque l’ostruzione interessa i dotti biliari attraverso i quali il liquido si sposta nella cistifellea e nel duodeno.

Le cause alla base della malattia possono essere diverse: normalmente la colestasi è conseguenza di altre patologie, quali la pancreatite canina o il cancro, normalmente ad uno degli organi coinvolti nel processo digestivo.

Un’altra causa molto comune della colestasi sono i calcoli (biliari o alla cistifellea);è più raro invece che la patologia possa essere dipesa da un trauma che abbia cagionato dei danni al dotto biliare o ad uno o più degli organi nei quali la bile si forma ed esplica le proprie funzioni.

I sintomi della colestasi nel cane

Perché il cane mangia il suo vomito
(Foto Adobe Stock)

La sintomatologia alla base della colestasi nel cane è piuttosto varia, in ragione delle numerose patologie principali che affliggono il cane e che possono esserne la causa. Ecco quali sono i sintomi più comuni:

Potrebbe interessarti anche: Tumore al fegato nel cane: sintomi, diagnosi e trattamento

Il trattamento terapeutico

I cani possono soffrire di schizofrenia? (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Non è facile comprendere, in presenza dei suddetti sintomi, che il cane possa aver sviluppato la colestasi. Alcuni di essi sono comuni a molte altre patologie, quali la diarrea, il vomito e la febbre, altri invece, come l’ittero, sono meno comuni e possono condurre più facilmente a pensare alla colestasi.

In ogni caso è necessario rivolgersi tempestivamente al proprio veterinario di fiducia. Il professionista procederà alla diagnosi della patologia, effettuando gli esami del caso. Gli enzimi epatici sono una spia fondamentale per comprendere lo stato di salute del fegato; un valore elevato indica la presenza di danni all’organo.

Il trattamento terapeutico sarà differente a seconda del tipo di colestasi che ha colpito il cane e dalle cause alla base della patologia, e va dalla terapia antibiotica, preceduta o coadiuvata dalla fluidoterapia, all’intervento chirurgico.

Potrebbe interessarti anche: Malattie del fegato nel cane: cause, sintomi e rimedi

A. S.