Home Cani Salute dei Cani Cura del pelo del Cane di Sant’Uberto: dalla toelettatura al bagnetto

Cura del pelo del Cane di Sant’Uberto: dalla toelettatura al bagnetto

Cura del pelo del Cane di Sant’Uberto: tutto quello che è utile sapere dalla toelettatura al bagnetto di questa razza di cane belga.

cane di sant'Uberto
(Foto AdobeStock)

La toelettatura, ovvero il lavaggio, la pulizia e la cosmesi dei cani, si differisce a seconda delle razze.

Come infatti, ci sono animali che necessitano di una cura maggiore e costante e altri di una minore.

In questo articolo ci occuperemo, nello specifico, di come prenderci cura del pelo del Cane di Sant’Uberto.

Poiché il pelo del vostro amico a quattro zampe è sia un fattore estetico che un chiaro indice dello stato di salute del vostro cane.

Tuttavia, la toelettatura non è l’unico punto che toccheremo ma daremo qualche suggerimento anche per l’igiene totale del corpo del Cane di Sant’Uberto.

Prendersi cura del pelo del Cane di Sant’Uberto: tipo di pelo

Tutti gli amanti dei cani, sanno bene quanto sia importante avere un cane con il pelo curato.

Alimentazione del Cane di Sant’Uberto: dosi, frequenza pasti e alimenti
(Foto AdobeStock)

Non solo per un fattore estetico ma perché il pelo del vostro amico a quattro zampe, è un importante regolatore della temperatura corporea, protegge la pelle dagli agenti esterni e fa da interfaccia nell’interazione con il mondo esterno.

Perciò quando sul mantello si presentano zone glabre, prurito, escoriazioni, è consigliabile consultare il veterinario, in quanto potrebbe essere un chiaro segnale di dermatiti, allergie, parassiti.

In generale, il mantello del cane può essere: secco, forforoso, grasso, e con problemi di perdita di pelo.

Per capire come evitare questa condizione nel vostro Cane di Sant’Uberto è necessario conoscere alcuni aspetti dell’animale.

Iniziamo con il dire che il Cane di Sant’Uberto è un cane di taglia grande di circa 46 e 54 kg, un corpo muscoloso e imponente e con un pelo aderente, corto e liscio.

Gli unici colori ammessi sono il marrone/cioccolato/rosso scuro, nero, rosso/marrone chiaro.

Potrebbe interessarti anche: Razze di cani compatibili con il Cane di Sant’Uberto: gli amici del cuore

La spazzolatura e le spazzole adatte

Essendo, quindi un cane dal pelo corto, non ha bisogno di particolari attenzioni, infatti va spazzolato una volta a settimana e volendo anche 10 gg.

In questo caso, sarà difficile stabilire una routine con l’animale, ma occorre fare comunque un tentativo per evitare che possa diventare un momento di stress e tentare la fuga ogni qual volta prendete la spazzola.

Per spazzolare il Cane di Sant’Uberto, occorre:

  • guanto con piastra in gomma, aiuta l’esfoliazione del pelo vecchio e ne favorisce la rigenerazione del nuovo;
  • spazzola morbida per lucidare.

Si tratta di una razza con una perdita di pelo molto limitata, perciò a toelettatura è molto semplice e veloce, come avete potuto vedere.

Potrebbe interessarti anche: Classificazione delle razze di cani per taglia: piccola, media e grande

Il bagnetto del Cane di Sant’Uberto

A prescindere dalla razza e dal tipo di pelo è opportuno eseguire un numero non eccessivo di bagni, ovvero circa 4 bagnetti all’anno.

Avere una cadenza più frequente, potrebbe indebolire il film idrolipidico che protegge il cane dagli agenti esterni.

Prima di arrivare a lavarlo, vi consigliamo l’utilizzo di salviette igienizzati per animali senza utilizzo di acqua, sempre se lo sporco non risulti eccessivo.

Laddove, non si può fare a meno di lavarlo, ricordatevi di utilizzare prodotti detergenti per cani e non prodotti per uso umano.

È importante sottolinearlo, perché i nostri saponi potrebbero causare irritazioni ed eritemi sulla pelle del cane che ha un Ph diverso dal nostro.

Potrebbe interessarti anche: Curiosità sul Cane di Sant’Uberto: storie, origini e aneddoti sulla razza

Come dicevamo, oltre al bagnetto il Cane di Sant’Uberto necessita come tutti gli altri cani di una cura anche del suo corpo ovvero di orecchie, occhi, bocca e unghie del cane

Non dare le giuste attenzioni al corpo del cane, può compromettere la salute dell’animale, causando molteplici patologie ai danni dell’organismo del cane.

Nel caso del Cane di Sant’Uberto, le sue orecchie lunghe e le palpebre cadenti lo rendono suscettibile all’infiammazione in queste aree.

Ecco perché occorrerà effettuare regolari controlli nella zona degli occhi e delle orecchie del cane

In merito al taglio delle unghie del cane, provate a farlo da soli, solo se il cane si mostra collaborativo, altrimenti rivolgetevi al veterinario o esperti in toelettatura.

Ricordatevi che una dieta equilibrata con crocchette per cani adatte alle singole esigenze di ogni razza, età e taglia, vi permetterà di prendervi cura del vostro Cane di Sant’Uberto con risultati eccellenti, ovvero uno splendido mantello, un ottimo stato di buona salute ed una vita più longeva.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.