Home Cani Salute dei Cani Zecche nei cani: sintomi e rimedi contro i parassiti del cane

Zecche nei cani: sintomi e rimedi contro i parassiti del cane

CONDIVIDI

Le zecche sono i parassiti più diffusi nei cani e possono portare a infezioni e malattie anche gravi: scopri come riconoscerle, eliminarle e prevenirle.

zecche cani sintomi rimedi
Zecche nei cani – Fonte iStock

Se hai scelto di adottare un cane o un gatto conoscerai sicuramente le zecche e i loro pericoli per i nostri amici a quattro zampe: ma sei davvero sicuro di saper riconoscere ed eliminare una zecca? Sai quali sono i sintomi e i rimedi da utilizzare contro questi fastidiosi parassiti?

Le zecche sono particolarmente frequenti nei mesi più caldi dell’anno perchè il cane tende a trascorrere più tempo all’aperto. Se una zecca si attacca al tuo cane è fondamentale che tu sappia come toglierla, inoltre bisogna conoscere i sistemi utili per prevenire le zecche nei cani e tutte le possibili patologie che possono trasmettere ai nostri animali.

In questo articolo troverai tutto quello che c’è da sapere sulle zecche nei cani: sintomi, rimedi, malattie e trattamenti utili per la prevenzione.

Tutto ciò che devi sapere sulle zecche: pericoli per il cane e per l’uomo

zecca cane

Cosa sono le zecche?

Le zecche sono parassiti esterni dall’aspetto simile a quello di piccoli ragni che si nutrono del sangue dell’animale a cui si attaccano.
La zecca colpisce soprattutto il cane, ma può attaccare anche i gatti e può succhiare sangue fino a moltiplicare le sue dimensioni di ben quattro volte.

Particolarmente diffuse nelle zone a clima temperato, le zecche vivono all’aperto e sono attive soprattutto nei mesi da maggio a ottobre. Durante la stagione invernale, le zecche possono ibernarsi se restano all’aperto oppure si rifugiano in luoghi coperti e ambienti riscaldati, comprese case e appartamenti.

Come si spostano e come si attaccano a cani e gatti?

Le zecche non sono capaci di volare, non saltano e non vengono trasportate dal vento: molto più semplicemente, aspettano ferme che la preda si avvicini per poi posarsi sul suo pelo e attaccarsi alla cute, dove inizia a cibarsi del suo sangue.

La zecca riesce ad attaccarsi al cane o al gatto attraverso un morso che non provoca dolore all’animale, perché la saliva del parassita inietta nella cute una sostanza anestetica che trasmette anche alcune potenziali malattie pericolose. Una zecca resta attaccata a succhiare il sangue per un periodo che va da 2 a 7 giorni consecutivi.

Potrebbe interessarti anche: I parassiti più pericolosi per gli animali domestici

Come riconoscere una zecca: sintomi, malattie e tipologie

zecche cani gatti

Tipi di zecche

Le zecche nei cani si dividono in due grandi famiglie: le zecche dure e le zecche molli.

  • Tra le zecche dure ricordiamo quelle maggiormente diffuse nei cani: Amblyomma, Dermacentor, Haemaphysalis, Hyalomma, Ixodes e Rhipicehpahlus.
    Per riconoscere una zecca dura bisogna osservare il suo dorso: se c’è uno scudo duro siamo in presenza di questo tipo di parassita.
  • Tra le zecche molli più comuni abbiamo la Otobius megnini. La zecca molle si riconosce perchè non possiede alcun guscio dorsale.

Quali malattie trasmettono le zecche nei cani?

La zecca è in grado di trasmettere alcune malattie pericolose per i cani, tra cui le più comuni sono:

  • Anaplasmosi > caratterizzata da febbre molto alta, comporta anche sintomi secondari come diarrea, vomito, inappetenza e paralisi nelle articolazioni infiammate.
  • Anemia > se il cane viene colpito da parecchie zecche contemporaneamente può verificarsi un’anemia anche acuta.
  • Babesiosi > il sintomo principale di questa malattia è l’anemia che cresce gradualmente, seguita da febbre e ittero.
  • Epatozoonosi > questa patologia viene trasmessa dalla zecca Rhipicehpahlus e comporta ipertermina, anemia, poliuria e problemi di natura motoria.
  • Malattia di Lyme o Borreliosi > i sintomi principali sono infiammazione delle articolazioni, febbre, scarso appetito, abbattimento e problemi ai reni.
  • Paralisi > le tossine presenti nella saliva delle zecche possono portare alla paralisi dopo due o tre giorni dalla puntura. Il primo sintomo è una debolezza diffusa che degenera se non curata in tempo.
  • Rickettsiosi > comporta febbre, sonnolenza e dolori articolari.

Potrebbe interessarti anche: Punture di zecca, rimedi e prevenzione

I sintomi delle zecche nel cane

Pulci e zecche nel cane

Se il cane viene morso da una zecca sarà possibile vedere l’animale attaccato alla pelle del nostro amico a quattro zampe a occhio nudo. Le parti del corpo su cui le zecche tendono ad attaccarsi sono quelle dove la pelle è più sottile: collo, orecchie, inguine, zona perianale e tutte le parti in cui il cane non riesce a grattarsi.

  • Il sintomo più evidente delle punture di zecca nel cane è il prurito intenso e costante, che porta l’animale a grattarsi insistemente e continuamente soprattutto dietro le orecchie o il collo.
  • In più, nell’area della puntura si presenta un piccolo eritema con arrossamento visibile.
  • Ancora, la pelle inizia a sanguinare in corrispondenza del morso causando una piccola emorragia locale.
  • Oltre a questi sintomi, la puntura di una zecca può comportare anche intossicazione o paralisi.

Come togliere una zecca al cane

eliminare zecca

Una volta che avrai identificato la zecca potrai adoperarti per eliminarla. Procurati delle pinzette, afferra il parassita più vicino possibile alla bocca e inizia a tirare con delicatezza verso l’alto. Fai attenzione a non fare movimenti bruschi, per non lasciare parte del parassita sul corpo o sotto pelle: rischieresti di creare un’infezione ancora peggiore.

Dopo aver rimosso la zecca dal corpo del cane, disinfetta accuratamente la zona e porta il cane dal veterinario per assicurarti che non si sia verificata la trasmissione di qualche patologia più pericolosa. In seguito, assicurati di effettuare i necessari trattamenti antiparassitari preventivi.

Potrebbe interessarti anche: Vaccinazioni e trattamenti antiparassitari per il cane

Se la zecca resta sotto pelle

In alcuni casi, la testa o parte del corpo di una zecca può restare sotto pelle e continuare ad essere pericolosa per il cane: per assicurarti che non ci siano residui, indossa dei guanti di lattice e esamina con la vista e il tatto la zona interessata.

Nel caso in cui i residui sono piccolissimi, non c’è alcun pericolo e puoi servirti della punta di un ago sterilizzato per eliminarli. Se invece la parte di zecca rimasta sotto pelle è grande, bisogna portare immediatamente il cane dal veterinario perchè il rischio di infezione è grave e pericoloso.

Zecche nei cani: prevenzione e trattamenti

trattamenti antiparassitari cane

Esistono molti prodotti in grado di prevenire zecche e parassiti: i trattamenti antiparassitari interni e esterni, come fialette, collari, shampoo e profumi.
Il prodotto va acquistato e utilizzato secondo le indicazioni del veterinario.

Se vuoi proteggere il tuo cane dalle zecche con rimedi casalinghi, puoi utilizzare come repellente l’aceto di mele: basta mescolare in parti uguali aceto e shampoo antiparassitario per cani e utilizzarlo al momento del bagno. Prima di procedere è comunque consigliabile chiedere il parere del veterinario.

Infine, per prevenire le zecche nei cani fai attenzione ai luoghi che frequenti con il tuo amico a quattro zampe nei mesi primaverili e estivi: se proprio non puoi evitare i luoghi più a rischio, usa un pettine per le pulci e spazzola il cane ogni volta che torni dalla passeggiata.

Una casa a prova di zecche

Le zecche possono annidarsi anche in casa: i loro posti preferiti sono quelli in cui è possibile rintanarsi, come le fessure dei pavimenti, le crepe nei muri o il restro dei battiscopa. Altro ambiente ideale per i parassiti sono i tessuti e gli imbottiti, come divani e tappeti.

Per eliminare il pericolo zecche dalla tua casa fai molta attenzione all’igiene e alla pulizia: detergi e disinfetta bene le superfici, passa spesso l’aspirapolvere e lava tessuti e imbottiti in lavatrice ad alte temperature. In commercio esistono anche dei prodotti specifici da spruzzare o applicare nei posti più a rischio della casa.

Potrebbe interessarti anche: Zecche e pulci in primavera, tutto quello che c’è da sapere

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI