Home Curiosita Gli animali più pericolosi dell’Amazzonia: i misteri della foresta pluviale

Gli animali più pericolosi dell’Amazzonia: i misteri della foresta pluviale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:21
CONDIVIDI

Alcuni luoghi nascondono misteriose specie molto particolari: oggi scopriamo gli animali più pericolosi dell’Amazzonia, che vivono nella foresta pluviale sudamericana.

Giaguaro animali più pericolosi dell’amazzonia
Giaguaro: uno degli animali più pericolosi dell’Amazzonia (Foto Flickr)

In alcune zone del mondo, ci sono animali poco noti che possono rivelare caratteristiche veramente interessanti. 3,4 milioni di km quadrati, la foresta pluviale amazzonica è la più grande foresta pluviale tropicale della Terra. Ospita 430 specie di mammiferi, 378 specie di rettili, 400 specie di anfibi, 3000 specie di pesci e 2,5 milioni di diversi tipi di insetti. Non tutte queste specie sono così carine e benevole. Alcuni di questi animali possono essere un pericolo anche per l’uomo. Ecco l’elenco degli animali più pericolosi dell’Amazzonia.

Gli animali più pericolosi dell’Amazzonia

Anaconda verde animali più pericolosi dell’amazzonia
L’Amazzonia nasconde molti animali pericolosi (Foto Flickr)

Paraponera clavata

Paraponera clavata formica
Paraponera clavata (Foto Flickr)

La puntura di una formica paraponera clavata è forse la puntura di insetto più dolorosa mai conosciuta dagli umani. La puntura, piena di veleno, di una paraponera clavata ha l’effetto che avrebbe essere colpiti da un proiettile. Ecco perché questa formica mortale è chiamata “formica proiettile” in inglese. Queste pericolose formiche si trovano nelle foreste pluviali della pianura del Nicaragua, Bolivia e Paraguay. Abitano principalmente alle basi degli alberi. Crescendo fino a una lunghezza massima di 3 cm, queste formiche sono anche tra le più grandi al mondo.

La puntura di paraponera clavata è quasi 30 volte più dolorosa di una puntura d’ape. Usa una puntura così intensamente dolorosa solo per la difesa: quando vengono minacciate, indipendentemente dal fatto che si tratti di un animale di grandi dimensioni o di un essere umano, queste formiche pungono ripetutamente. Il loro veleno contiene una neurotossina paralizzante chiamata “poneratossina”. Causa dolore intenso, bruciore e gonfiore. In genere, il dolore della puntura di questa formica durerà per 24 ore.

Ragno errante del Brasile

ragno errante del brasile pinterest
Ragno errante del Brasile (Foto Pinterest)

“Phoneutria”, il nome greco del ragno errante del Brasile significa “assassini”. Come suggerisce il nome, il ragno errante del Brasile è il ragno vivente più mortale al mondo. Invece di costruire ragnatele, vagano sul fondo della giungla. Ecco perché viene chiamato così. Questo ragni estremamente aggressivi e mortali si trovano nella foresta pluviale amazzonica di diversi paesi del Sud America tra cui Brasile, Perù, Ecuador e Venezuela. Possono essere trovati anche in molte parti abitate umane del Brasile.

Questi ragni, tra gli animali più pericolosi dell’Amazzonia, sono creature notturne, cercano il cibo solo di notte. Durante il giorno, si nascondono in alcune parti delle case, sotto le rocce o sotto i tronchi caduti. Come risultato di questo comportamento, le possibilità del loro incontro con gli umani sono più alte. Se disturbati, i ragni erranti del Brasile mordono ripetutamente, ma sono anche famosi perché mostrano un comportamento difensivo sollevando il corpo sulle zampe posteriori.

Il veleno dei ragni erranti del Brasile contiene una neurotossina velenosa, che causa gonfiore, estremo dolore, problemi respiratori e visione offuscata. Senza cure mediche immediate, il loro morso può anche provocare la morte, soprattutto per i bambini piccoli. Fortunatamente, è disponibile l’antidoto per il morso dei ragni erranti del Brasile. In ogni caso, meglio non provocarli.

Cascavel

Cascavel animali più pericolosi dell’amazzonia
Cascavel (Foto Flickr)

Questa specie di vipera, chiamata cascavel (o cascabel), è tra i serpenti più mortali della foresta pluviale amazzonica. Si trova nelle savane e nelle zone semi-aride dell’Amazzonia di Brasile, Venezuela, Guyana e Colombia. Questi serpenti crescono fino a 1,5 metri di lunghezza e sono noti per le loro strisce distintive.

Ci sono nove sottospecie di questi serpenti sudamericani che vivono nelle foreste pluviali amazzoniche. La diversa colorazione è l’unica differenza evidente tra le sottospecie: con le loro strisce distintive, i cascavel possono mimetizzarsi perfettamente nel loro ambiente. Quindi, questo serpente mortale può essere molto difficile individuare, ma fortunatamente attacca solo quando provocato. Quando minacciato, il cascavel si arrotola e sibila come segnale di avvertimento. Morde solo quando viene disturbato per troppo tempo. Il veleno dei cascavel contiene una potente neurotossina; il suo morso può provocare cecità, problemi uditivi, paralisi o persino morte.

Piranha rosso

Piranha rosso animali più pericolosi dell’amazzonia
Piranha rosso (Foto Flickr)

I piranha sono probabilmente il predatore più temuto della foresta pluviale amazzonica. A parte l’immagine dei media, sono le loro potenti mascelle e i denti affilati come rasoi del piranha rosso ci portano a crederlo. Ma, contrariamente alla credenza comune, i piranha si nutrono principalmente di pesci, insetti, molluschi, crostacei, alghe e semi.

L’attacco di gruppo dei piranha rossi è raro. Solo durante un periodo di grande fame (magari per scarsezza di risorse) o quando provocati, attaccano in un gruppo: e un gruppo di piranha affamati attacca quasi tutto ciò che trovano nel suo raggio d’azione. Potrebbe sorprenderci sapere che un gruppo di piranha può persino spogliare la carne di un grosso animale in pochi minuti. I loro denti affilati e triangolari, e le potenti mascelle li aiutano in questo tipo di attacchi.

Fortunatamente i piranha rossi, pur essendo uno degli animali più pericolosi dell’Amazzonia, non sono sempre aggressivi nei confronti degli umani. Gli attacchi di piranha agli umani sono rari. Tuttavia, nella stagione secca, quando il cibo è scarso, possono attaccare anche gli esseri umani come ultima risorsa alimentare.

Anguilla elettrica

anguilla elettrica flickr
Anguilla elettrica (Foto Flickr)

Le anguille elettriche non sono in realtà anguille, ma appartengono alla famiglia dei pesci ossei detta Gymnotidae. Questa specie, estremamente pericolosa, si trova nelle acque dolci dell’Amazzonia. Le anguille elettriche prendono il nome dalla loro capacità di generare enormi cariche elettriche.

Le anguille elettriche crescono tra 180 e 245 cm di lunghezza e quasi 20 kg di peso. Il loro corpo contiene organi elettrici speciali con 6000 elettroliti. Insieme, questi elettroliti possono generare una carica elettrica massima di 600 volt. Le anguille elettriche usano la loro capacità di produrre una scarica elettrica per difendersi dai predatori e stordire le loro prede come pesci, piccoli mammiferi, anfibi e uccelli.

Gli attacchi fatali agli umani da parte delle anguille elettriche sono molto rari. Ma le scosse delle anguille elettriche provocano shock e spaventi, e le scosse multiple possono persino portare a insufficienza cardiaca.

Giaguaro

Giaguaro animali più pericolosi dell’amazzonia
Giaguaro (Foto Pixabay)

I giaguari sono tra gli animali della foresta pluviale amazzonica più a rischio e mortali. Si trovano in un certo numero di habitat tra cui le foreste pluviali, le foreste decidue, le praterie e i boschi. Misurano 110-190 cm di lunghezza e fino a 135 kg di peso, tanto da essere il più grande membro della famiglia di felini chiamata Felidae. Anche se sia i giaguari che i leopardi hanno gli stessi schemi a rosetta, i giaguari sono più pesanti dei leopardi. Inoltre, i leopardi non si trovano nelle Americhe, ma sono distribuiti in Africa e in Asia.

I giaguari hanno il morso più potente di qualsiasi altro grande felino, anche di tigri e leoni. Il loro morso è abbastanza forte da penetrare attraverso il guscio o il cranio degli animali. Questo li rende uno degli animali più letali della foresta pluviale amazzonica. Il giaguaro è ​​un animale solitario, riunendosi con gli altri esemplari solo durante la stagione degli amori. Questi felini cacciano tipicamente all’alba e al tramonto, e hanno l’abitudine di attaccare improvvisamente la loro preda sfruttando l’effetto sorpresa. Con le loro mascelle potenti ed i denti aguzzi, schiacciano il cranio della preda in pochissimo tempo.

Anaconda verde

Anaconda verde
Anaconda verde (Foto Pixabay)

Con una lunghezza fino ai 6-9, e un peso fino a 250 kg, le anaconde verdi sono il più grande serpente vivente e non velenoso del mondo. Si trovano nelle paludi, negli stagni, nei ruscelli e nei fiumi dell’Amazzonia. Le anaconde verdi restano totalmente sommerse nei fiumi o nelle paludi, di solito, riuscendo ancora respirare, visto che le loro narici e gli occhi si trovano nella parte superiore della testa.

Questo grande serpente non velenoso uccide la sua preda per costrizione, schiacciandola fino a quando smette di respirare. Quindi, l’anaconda inghiotte l’animale morto per intero. La sua dieta comprende principalmente cervi, caimani, coccodrilli, tartarughe e pesci. Fortunatamente, le anaconde verdi non sono mangiatori di uomini per natura, e ci sono solo pochi attacchi documentati sull’uomo. Ma le loro grandi dimensioni e la loro forza li rendono pericolosi per l’uomo.

Rana dal dardo velenoso

Rana dal dardo velenoso
Rana dal dardo velenoso (Foto Flickr)

Le rane dal dardo velenoso sono probabilmente le creature più letali della foresta pluviale amazzonica. In Amazzonia si trovano nei laghi, nelle paludi, nei corsi d’acqua e nei fiumi. A seconda degli habitat, le rane dardo avvelenate avranno il corpo di diversi colori tra cui oro, rame, blu, rosso o verde. La rana dorata è la specie più velenosa della famiglia: si stima che contenga abbastanza veleno per uccidere 10 esseri umani adulti.

Il brillante colore della pelle delle rane dal dardo velenoso è in realtà un avvertimento per i loro potenziali predatori. Se un predatore cerca di mangiare uno di questi animaletti, il veleno altamente pericoloso che si trova nella loro pelle provoca gonfiore, paralisi muscolare, nausea e persino la morte.

Si è scoperto che questa specie di rane in cattività non è velenosa. In natura, le rane dal dardo velenoso ottengono il veleno altamente pericoloso, a causa della loro dieta di insetti come formiche, millepiedi e termiti. A loro volta, il veleno che si trova in questi insetti deriva dalla pianta che mangiano. Il Leimadophis Epinephelus, un tipo particolare di serpente che si trova nelle foreste pluviali amazzoniche, è l’unico predatore naturale delle rane dal dardo velenoso. Possono mangiare le rane dardo avvelenate senza essere colpiti dalla pericolosa tossina.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello