Home Cani Curiosità sull’American Water Spaniel: nome, origini, prezzo e altro

Curiosità sull’American Water Spaniel: nome, origini, prezzo e altro

Credi di conoscere tutte le curiosità sull’American Water Spaniel? Ecco da dove deriva il suo nome, la sua storia e tanto altro ancora.

Curiosità sull'American Water Spaniel
(Foto Google Images)

Non si può dire di conoscere bene un cane se prima non si raccolgono tante informazioni sul suo conto. Ecco perché è importante scoprire tutte le curiosità sull’American Water Spaniel prima di adottarne uno. Tutto quello che c’è da sapere su questa razza dal nome alla sua storia fino alle informazioni più utili come prezzo ed educazione.

American Water Spaniel: il nome

Noto anche con l’espressione ‘nostrana’ di ‘Spaniel d’acqua americano’, questa razza pare particolarmente legata all’acqua. E’ famoso infatti per la sua abilità da cacciatore anche in ambienti acquatici.

American Water Spaniel
(Foto Pinterest-dogbreedsfaq.com)

L’American Water Spaniel infatti è specializzato come cane da caccia e da riporto dopo lo sparo, ed è bravo anche a catturare uccelli acquatici. E poi il suo pelo, completamente impermeabile, lo rende appunto un perfetto cane che può immergersi in acqua senza il rischio di raffreddamento.

Curiosità sull’American Water Spaniel: dove ha inizio la sua storia

Le origini di questa razza, ahimè, non sono molto chiare e pare che negli anni la sua diffusione sia stata comunque limitata entro i confini delle terre americane.

Alimentazione dell'American Water Spaniel
(Foto AdobeStock)

Data la sua scarsa circolazione in Europa quindi raccogliere informazioni su di lui e sulle sue origini non è molto semplice. Pare che abbia tutto inizio alla fine dell’Ottocento, nella terra tra i fiumi Wolf e Fox.

L’obiettivo dei cacciatori locali era proprio quello di creare una razza di cane che li aiutasse a cacciare in acqua e che dunque fosse un valido alleato nelle loro attività. Non che mancassero esemplari simili, ma le loro dimensioni grandi non consentivano ai cacciatori di trasportarli agevolmente sulle imbarcazioni.

Con l’incrocio di varie razze (non è sicuro ma probabilmente si trattava di: English e Irish Water Spaniel, il Sussex Spaniel, il Barbone e  il Curly Coated Retriever) hanno ‘ottenuto’ l’American Water Spaniel.

Il risultato fu anche particolarmente favorevole, in quanto ben si adattava all’ambiente freddo e agli inverni rigidi del Winsconsin: serviva appunto un cane con un doppio strato di pelo, che riuscisse a resistere bene non solo all’acqua ma anche alle basse temperature.

Potrebbe interessarti anche: Cosa dovresti assolutamente inserire nella dieta dell’American Water Spaniel

Il prezzo e altre info utili

Come già detto in precedenza, data la sua scarsa diffusione al di fuori dei territori americani, definire un prezzo medio per questa razza non è praticamente possibile. Purtroppo non si sa quanto e come varia il costo in base all’età e al sesso.

Pare che però la spesa media per mantenerlo, tra toelettatura , alimentazione e spese mediche al mese non sia molto alta: potrebbe aggirarsi intorno ai 35 euro.

Potrebbe interessarti anche: Con chi può e con chi assolutamente non dovrebbe convivere un American Water Spaniel 

Curiosità sull’American Water Spaniel: chi salvò la razza

Non solo è difficile vederlo al di fuori dei confini americani, ma anche lì si rischiò la sua estinzione. Il suo destino pare essere legato alla scomparsa di anatre, l’uccello acquatico che più amava cacciare.

American Water Spaniel
(Foto Pinterest-petpress.net)

Dato che gli uccelli iniziarono a sparire già nel XIX secolo, si limitò l’impiego dell’American Water Spaniel nelle attività di caccia. Al contempo iniziarono a svilupparsi anche altre razze specializzate in questo tipo di caccia, quindi pareva che il suo destino fosse ormai segnato.

Il dottor Fred J. Pfeifer però si impegnò a creare sempre nuovi esemplari e a ‘sponsorizzarli’ come cani americani d’eccezioni, tanto da ottenere il riconoscimento ufficiale dall’United Kennel Club (UKC) nel 1920 e dall’American Kennel Club (AKC) nel 1940.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino