Home Cani La memoria di razza del cane: come utilizzarla nell’addestramento

La memoria di razza del cane: come utilizzarla nell’addestramento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03
CONDIVIDI

La memoria di razza può essere indicativa della personalità e del carattere del cane, fin dal suo DNA. Ma possiamo usarla nell’addestrare Fido.

Pastore Maremmano Abbruzzese
La memoria di razza del cane: l’esempio del pastore maremmano abruzzese (Foto Pinterest)

Quando parliamo di memoria di razza di un cane, stiamo indicando tutte quelle caratteristiche caratteriali, quelle attitudini ed istinti che sono particolari di quella determinata razza. Questa memoria è in realtà il risultato di una selezione che l’uomo ha fatto nel tempo, ricercando e sfruttando particolari combinazioni perfette per rendere quella razza di cani adatta allo scopo per cui voleva usarla. Un patrimonio genetico a tutti gli effetti, che viene tramandato tra le generazioni di quei particolari cani.

Potrebbe interessarti anche: Il comportamento del cane la dice lunga sul carattere del suo padrone

L’importanza della memoria di razza

Adottare un cucciolo di Jack Russell Terrier
Il cane da caccia: Jack Russell Terrier (Foto Flickr)

Un classico esempio della memoria di razza è un cane allevato per fare la guardia ai greggi di pecore: il Pastore Maremmano-Abruzzese

Questo è solo un esempio, come potrebbero essere il Labrador Retriever, allevato come cane da riporto, o il Jack Russel Terrier che è stato allevato come cane da caccia nelle tane.

Quando gli uomini hanno avuto necessità che questi cani fossero perfetti per compiere il loro lavoro, come allevatori hanno cercato di creare una combinazione perfetta.

La combinazione sfrutta una serie di attitudini specifiche di quella razza, ed una serie di doti del suo carattere, in modo che sappia svolgere un determinato ruolo in modo ottimale.

Da questi primi concetti, è già chiaro che un allevatore deve avere grandi competenze per usare tale memoria di razza, per creare un cane “perfetto” per il suo lavoro.

Deve infatti sapere quale è effettivamente la storia di quella razza, deve essere in grado di valutare le doti dei suoi cani e le loro attitudini.

Come si perde la memoria di razza

Cani simili al Pit bull
Sarebbe giusto creare un Pit Bull non aggressivo? (Screenshot Instagram)

Quando ci sono allevatori incompetenti, si perde il patrimonio genetico della razza (o delle razze) con cui lavora. Stessa cosa avviene con le cucciolate “casalinghe”.

Questo tipo di operazioni fa perdere l’eccellenza che nei secoli è stata selezionata sempre meglio, cioè quella predisposizione del cane a uno specifico lavoro.

Le cucciolate fatte in casa non sono corrette, sia per mancanza di etica che spesso le accompagna, sia per il mancato rispetto di chi per anni ha coltivato una determinata razza.

Ecco perché oggi giorno molte razze di cani non sono più eccellenti come un tempo, almeno per quel che riguarda alcune caratteristiche specifiche.

A volte, per evitare comportamenti non accettati in casa (o poco “comodi” per i padroni) si eliminano quelli che sono in realtà aspetti specifici di una razza.

Memoria e addestramento

Risparmiare soldi con un cane
Addestrare un cane interviene sulla sua memoria di razza. (Foto Unsplash)

In realtà, è possibile considerare vari fattori distinti quando parliamo di personalità di un cane: l’individuo, l’apprendimento, la memoria di specie e la memoria di razza.

Ogni singolo esemplare, di una qualsiasi specie, ha una sua individualità: il suo carattere deriva da un mix di caratteristiche genetiche e apprendimento legato alla sua esperienza di vita.

Ogni individuo, quindi, ha caratteristiche uniche e diverse rispetto agli altri componenti della sua specie. Si tratta di una individualità legata al suo apprendimento.

Il suo apprendimento è l’insieme di metodi che questo individuo ha imparato ad utilizzare per inserirsi nel suo ambiente al meglio, con delle esigenze specifiche (non necessariamente legate ai bisogni primari).

Nell’intera vita dell’individuo, questo adattamento si sviluppa, cambia, si rinnova, e modifica a sua volta il carattere dell’individuo stesso.

Un tipo diverso di adattamento è quello legato alla selezione naturale di una specie. Parliamo in questo caso delle modifiche che quella specie ha adottato per adattarsi ai bisogni primari nella sua situazione ambientale.

Parliamo di cibo e necessità di riprodursi, in generale quando parliamo di bisogni primari. Ma queste modifiche avvengono in tempi estremamente lunghi, con lievi variazioni tra ogni generazione.

In mezzo, tra l’apprendimento del singolo individuo e i suoi comportamenti naturali, l’uomo ha innescato una serie di attività per la selezione dei migliori aspetti, per i suoi bisogni: parliamo quindi di memoria di razza.

Potrebbe interessarti anche: Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento

Come intervengono i traumi sui cani

Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità e comportamento
Un trauma nel cane può influire sulla sua personalità (Foto Pexels)

In ogni caso, memoria di razza, memoria di specie e personalità del cane non lavorano in modo separato, ma si uniscono nel creare l’individualità di ogni cane.

Anche un trauma vissuto da cucciolo, può influire su un cane, anche se con una buona genetica e una buona selezione di razza. E quel cane potrebbe quindi non rispondere in modo “normale” per la sua razza.

Al contrario, un ottimo addestramento da parte di un padrone attento, può migliorare eventuali lacune che ha un animale che proviene da una selezione non corretta.

Certo, non si potrebbe parlare di un miglioramento della sua memoria di razza: quella non è stata modificata, ma solo il suo carattere e la sua personalità legati all’addestramento.

F. B.