Home Cani La mutazione che rende i cani piccoli era presente già ai tempi...

La mutazione che rende i cani piccoli era presente già ai tempi dei lupi

Il tuo amico a quattro zampe è piccolo? Non è colpa dell’uomo. Secondo la scienza la mutazione che rende i cani piccoli era presente nei lupi.

mutazione che rende i cani piccoli era nei lupi
(Foto Pixabay)

Si è sempre pensato che i cani di piccola taglia o toy, esistessero da quando l’uomo ha iniziato ad addomesticare i cani selvatici, ossia 20.000 anni fa, per questo motivo si è dato sempre la “colpa” della nascita di questi piccoli cani all’uomo.

Un recente studio, smentisce tutto ciò. Infatti secondo la ricerca la mutazione che rende i cani piccoli era presente già ai tempi dei lupi. Ma scopriamo di più qui di seguito!

La mutazione genetica che rende i cani piccoli esisteva nei lupi: lo studio

Pensare che il proprio Chihuahua possa discendere dai lupi potrebbe risultare banale, ma secondo alcuni ricercatori non lo è.

Cagnolino nell'erba
(Foto Pixabay)

Infatti uno studio pubblicato su Current Biology ha dichiarato che la mutazione genetica che da origine ai cani di piccola taglia, compresi i cani toy, esiste già da 50.000 anni, ossia presente già nei lupi.

Differentemente a ciò che si pensava, ossia che tale mutazione fosse stata causata 20.000 anni fa dall’uomo, a causa della sua addomesticazione.

Lo studio è stato svolto da ricercatori di diverse Università comprese tra Francia e Stati Uniti e da un’istituto di ricerca, il National Institutes of Health che si dedica principalmente alla ricerca di geni che regolano la crescita di Fido.

Nel 2007 è stato scoperto il primo gene noto della dimensione del cane, l’IGF1. Tuttavia non era ancora chiaro come questo gene potesse essere influente sulle dimensioni di Fido.

Successivamente il Dr. Plassais, ricercatore dello studio del 2007, ha avuto la fortuna di confrontare i genomi di più di 200 razze di cani, trovando così un tratto di DNA legato alle dimensioni del cane, tale tratto viene chiamato IGF1-AS.

L’IGF1-AS può presentare due alleli, C e T. Dalla ricerca è stato evidenziato che i cani che presentavano due alleli T, come i lupi, erano più grandi, i cani che presentavano un allelo di tipo C e uno T, erano di medie dimensioni, mentre quelli che presentavano due alleli C, erano di piccole o piccolissime dimensioni.

Potrebbe interessarti anche: Parlare con il cane rende più intelligenti: lo dice la scienza

maltese
(Foto Adobe Stock)

Tuttavia i ricercatori non si sono fermati ad esaminare i genomi dei cani, ma hanno esaminato anche i genomi di altri canidi, trovando una relazione simile. Infatti era possibile trovare tale gene anche nei coyote, nei lupi e nelle volpi.

Ma come mai non esistono lupi di piccole dimensioni? Ciò è dovuto al fatto che l’IGF1-AS ha un impatto più forte sulla crescita dei cani. Inoltre gli scienziati hanno dichiarato che esistono altri 24 geni che possono determinare le dimensioni dei nostri amici a quattro zampe.

Potrebbe interessarti anche: I rumori domestici stressano i cani: lo dice la scienza

In conclusione, anche un Chihuahua può discendere da un lupo, e la sua dimensione, come quella di ogni razza di cane piccola o toy, non è dipesa dall’uomo.