Home Curiosita Shampoo a secco per gatti: quando e come usarlo sul nostro micio

Shampoo a secco per gatti: quando e come usarlo sul nostro micio

Lavare il micio senza schiuma e in modo facile e veloce? La soluzione è lo shampoo a secco per gatti: quando, perché e come usarlo.

Shampoo a secco per gatti
(Foto AdobeStock)

Sebbene sia, a ragione, considerato uno degli animali più puliti al mondo, ciò non vuol dire che non debba essere lavato. E in commercio vi sono vari prodotti per tenere sempre alto il livello di pulizie ed igiene dei nostri piccoli felini domestici, dalle spazzole allo shampoo a secco per gatti. Ma quando è il caso di usare questo prodotto e ogni quanto? Tutto quello che c’è da sapere su questo prodotto specifico per la cura del nostro adorato Micio.

Cosa serve per l’igiene del micio

Vuoi accoglierne uno in casa e non sai da dove iniziare? Dopo aver comprato lettiera, tiragraffi, scatolette di cibo e giochi, bisogna pensare anche alla sua pulizia. Ti hanno detto che è uno degli animali più puliti al mondo, ed è vero, ma solo con la sua lingua non riesce a pulire perfettamente tutto il manto.

Ragazzo acquista prodotti per gatto
(Foto AdobeStock)

Quindi bisogna dargli un piccolo aiuto, servendoci di alcuni strumenti e prodotti. Nei negozi di articoli per animali troveremo tutto ciò che ci occorre: dalle spazzole ai pettini agli shampoo.

Esistono anche modi alternativi, come ad esempio usando prodotti naturali e senza componenti aggressive per il suo pelo e la sua pelle.

Potrebbe interessarti anche: Igiene del cane e gatto: oltre al bagno c’è tanto altro che possiamo fare

Shampoo a secco per gatti: cos’è,  e quando è utile

Consideriamo che quando un micio vive solo ed esclusivamente all’interno dell’appartamento, sarà molto meno sporco di uno che esce all’esterno. Gli basterà uscire fuori ad un balcone o ad un terrazzo per sporcarsi di polvere, di erba o di altro…

Ma non possiamo di certo lavarlo tutti i giorni, anche perché la sua pelle e il suo manto ne risentirebbero: la prima potrebbe irritarsi e il secondo perdere lucentezza e corposità. In alternativa vi sono metodi per lavare il gatto senza acqua, usando ad esempio le salviette umidificate e anche lo shampoo a secco.

Esso consente al pelo di restare pulito, spargendo su di esso questa sostanza e spazzolandolo. Ma quando può essere particolarmente utile?

  • Quando il padrone non ha molto tempo,
  • il gatto si sporca spesso,
  • il gatto odia l’acqua,
  • l’animale sta male e non può muoversi (ad esempio dopo un’operazione).

Potrebbe interessarti anche: Ecco perché non bisogna spruzzare mai acqua al gatto

Shampoo a secco per gatti: come si usa

Meglio farci consigliare dal nostro veterinario di fiducia o chiedere il parere di un commesso di negozio di animali esperto per capire quale prodotto fa al caso nostro. Ci sono prodotti specifici da scegliere che agiscono sulle varie tipologie di pelo del gatto.

Shampoo a secco per gatti
(Foto AdobeStock)

Uno shampoo a secco equivale a un lavaggio fatto con acqua: bisogna considerare questo per capire con quale cadenza applicarlo sul manto. Se si tratta di un pelo corto, andrà bene una volta al mese (salvo eccezioni di particolare sporcizia e necessità); nel caso di un pelo lungo può essere usato (se necessario) anche una volta alla settimana.

Meglio usarlo sul gatto posto nella vasca da bagno o dove siamo soliti lavarlo, spazzolare per bene il suo manto e spargere la polvere di shampoo su tutta la lunghezza del corpo del micio.

Iniziamo a massaggiare, frizionando il prodotto sul pelo, per fare in modo che lo assorba per bene: solitamente lo si lascia agire per circa 10 minuti. Infine passiamoci su la spazzola a setole morbide per eliminarne ogni traccia.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino