Home Gatti Il gatto graffia il divano: perché lo fa e come impedirglielo

Il gatto graffia il divano: perché lo fa e come impedirglielo

CONDIVIDI

Il gatto a casa graffia mobili e divano? Ecco perché lo fa, quando preoccuparsi e in che modo farlo smettere e salvare l’arredamento.

Gatto graffia il divano
Il gatto graffia il divano: tutti i mezzi per tutelare il sofà dal pericolo di graffi

Il gatto ha solitamente unghie affilate che usa contro mobilio, divano, poltrone e tutto ciò che si può facilmente rovinare alla prima ‘strisciata’. Le cause che spingono il gatto a rifarsi le unghie sono varie: scoprirle ci aiuterà a farlo smettere quanto prima e a dissuaderlo dal rovinare tutto il resto dell’arredamento, prima di essere costretti a ricomprare tutto di nuovo. Ecco quali sono i metodi infallibili per evitare che il gatto graffi tutto ciò che troverà sotto le sue unghie.

Il gatto graffia il divano: le cause

I graffi del gatto sono una sua caratteristica: quindi non meravigliamoci se tutto il nostro mobilio e il divano sono spesso vittime di questo suo atteggiamento. Il gatto sente una vera e propria esigenza di rifarsi le unghie su ciò che trova: naturalmente se vive in appartamento sarà difficile che trovi un albero atto allo scopo, ma si accontenterà del sofà appena acquistato. Ecco quali sono le cause principali dei graffi del gatto sul divano e sull’arredamento.

Si rifà le unghie

Semplicemente questo: il gatto ha una cura estrema della sua igiene e del suo aspetto estetico comprese le unghie. Quando queste si fanno lunghe la parte finale dovrebbe essere eliminata: ma se il padrone stesso o il veterinario non provvedono a farlo è probabile che il gatto adotti altri metodi. I muscoli dietro le unghie devono essere allenati e la parte molle da tagliare inibisce questo esercizio.

Marca il territorio

Come quando il gatto si truscia contro la nostra gamba o contro i mobili, sta esplicitando al resto della famiglia (animali in primis) che quello è il suo territorio, la sua casa, di suo possesso. Gli stessi ormoni rilasciati dai suoi polpastrelli servono allo scopo. Solitamente lo fa quando si trova in una situazione di forte stress o disagio in situazioni di convivenza con altri animali in casa o ad esempio per la presenza di un nuovo umano.

Se il gatto graffia il divano: cosa fare

perIl gatto graffia il divano: uno dei modi per impedirglielo è procurarsi un tiragraffiI tentativi per limitare i danni e far capire al gatto che non si graffia il divano possono talvolta dare risultati deludenti. Ma si deve almeno tentare o quanto meno arginare appunto il problema, cercando di preservare l’oggetto dei suoi graffi. Infatti la base della risoluzione del problema sta nell’educare il gatto, ma se ciò non dovesse bastare corriamo ai ripari in altro modo.

Educarlo

Può sembrare banale ma di sicuro è il metodo più sicuro e duraturo: educarlo alla buona educazione in casa è qualcosa che ci servirà sempre. Quindi perché non iniziare dal non danneggiare la casa? Facile a dirsi, ma bisognerà addestrarlo a rispettare il comando di un fermo ‘no’: in questo modo il micio sarà inibito dal fare altre marachelle.

Col tempo basterà un secco rifiuto da parte nostra per impedirgli di rifasi le unghie sul nostro divano. Ciò però non vuol dire punire il gatto, dato che spesso i gatti possono reagire con altri dispetti. Quando il gatto si comporta bene vale la pena premiarlo con un rinforzo positivo, che può essere uno snack o una semplice coccola (che è sempre ben accetta e non fa ingrassare!).

Copertura del divano

Se il gatto non vuole saperne di ascoltarci, o sta ancora imparando ad obbedirci la cosa migliore da fare è rivestire il divano, in modo da custodirlo dai suoi graffi. In commercio esistono diverse tipologie di copridivani con ampia scelta di tessuti e di colori. Anche i mobili possono essere ricoperti da pellicola o da alluminio, che creano attrito alle unghie e danno fastidio al micio.

Tiragraffi

Sia che lo si voglia comprare in qualsiasi negozio di articoli per animali sia che lo si voglia fare in casa con un metodo fai-da-te, il tiragraffi è un prezioso alleato per l’educazione del gatto. Questo accessorio deve essere ricoperto di sisal, un materiale particolarmente adatto al gatto che vuole rifarsi le unghie.

Spray

Se neppure il tiragraffi dovesse funzionare allora è il caso di passare al metodo della dissuasione, ovvero come rendere l’oggetto di interesse, in questo caso il divano, meno ‘attraente’. Spargendo su di esso uno spray, il cui odore risulterà sgradevole al felino, il micio sarà inibito dall’avvicinarsi. Importante sottolineare che all’uomo non dà fastidio quindi non rilascia nell’aria un odore sgradevole: solitamente si tratta di sostanze agli agrumi, che non piacciono ai felini.

Tagliargli le unghie

Tenere le unghie curate, limate e corte è di certo un metodo efficace per proteggere divano e mobili di casa dai graffi del gatto. Ma non è semplice convincere il gatto a farsi fare la manicure: servirà che l’esperto ci insegni a farlo e con strumenti appropriati. In alternativa esistono in commercio dei rivestimenti morbidi per unghie. Esse vanno sostituite ogni 2-3-mesi perché soggette a consumarsi e a perdere il loro effetto ‘barriera’.

LEGGI ANCHE: Come prendersi cura del gatto senza pelo:tutto quello che devi sapere

Perché ancora oggi vengono rimosse le unghie dei gatti?

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI