Home Gatti Prendersi cura del gatto Certosino: consigli per il benessere del micio

Prendersi cura del gatto Certosino: consigli per il benessere del micio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:48
CONDIVIDI

Quali accorgimenti mettere in pratica per prendersi cura del gatto Certosino e garantire al micio la miglior qualità di vita? Vediamoli insieme.

prendersi cura gatto certosino
(Foto Adobe Stock)

Cosa comporta prendersi cura del gatto Certosino? Per far sì che il nostro amico a quattro zampe sia felice e in salute, occorre conoscere tutto sulla cura del pelo e sull’igiene di questa razza, oltre che sui controlli medici a cui sottoporre il micio e l’allestimento perfetto dei suoi spazi. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere.

Come prendersi cura del gatto Certosino

Prendersi cura gatto certosino
(Foto Adobe Stock)

Adottare un animale domestico è fonte di immensa gioia, ma anche di grande responsabilità. Dal nostro comportamento, infatti, dipende il benessere del nostro amico a quattro zampe. Per questo, è fondamentale conoscere ogni aspetto riguardante la sua vita e le sue esigenze.

Prendersi cura del gatto Certosino non è affatto difficile. Infatti, si tratta di un micio affettuoso e indipendente, che non richiede particolari attenzioni e apprezza anche la solitudine. Naturalmente, come ogni altro animale domestico, questo affascinante quadrupede richiede una giusta dose di impegno, relativa ad igiene, salute e cura dell’ambiente in cui vive.

Toelettatura e igiene del Certosino

blu di russia
(Foto Pixabay)

Il mantello del gatto Certosino, sebbene folto e lanoso, non necessita di grandi attenzioni. Per questo, per prendersi cura del suo manto sarà sufficiente spazzolarlo una volta a settimana, in modo da evitare un accumulo di peli morti, che potrebbero essere ingeriti dal micio durante la sua pulizia quotidiana.

I felini di questa razza tendono a secernere numerosi quantitativi di cerume. Per questo motivo, per prendersi cura del gatto Certosino occorrerà effettuare una regolare pulizia delle orecchie del micio.

Ulteriore attenzione va posta alla dentatura del micio: questi esemplari, infatti, sono soggetti ad un accumulo di tartaro. Quindi, è indispensabile lavare i denti al gatto una volta al giorno e sottoporlo a controlli periodici dal veterinario.

Potrebbe interessarti anche: Cosa dare da mangiare al gatto Certosino: alimentazione corretta

Prendersi cura del Certosino: una casa a prova di gatto

certosino
(foto Pixabay)

Prendersi cura del gatto Certosino implica anche progettare con attenzione gli spazi a lui riservati, che dovranno soddisfare ogni sua esigenza. Infatti, è molto importante che l’ambiente in cui vive il micio sia studiato in modo da offrirgli angolini in cui rilassarsi e aree dedicate al gioco e all’attività fisica.

Il Certosino, grazie al suo carattere docile e mansueto, è un perfetto micio da appartamento. Quali sono gli elementi essenziali, che non possono mancare all’interno di una casa che ospita un esemplare di questa razza?

  • Arredi per il relax del gatto, come cuccia, cuscini e tappetini
  • Ciotole per l’acqua e per il cibo, da tenere rigorosamente lontane dalla lettiera
  • Tiragraffi per gatti
  • Erba gatta in vaso
  • Giocattoli
  • Arricchimento ambientale, come mensole, scaffali e percorsi

Controlli medici e vaccini nel Certosino

(Foto Adobe Stock)

Il Certosino è un micio dalla salute di ferro. Basti pensare, infatti, che la sua vita media è compresa tra i 12 e  15 anni. Naturalmente, per far sì che la vita del nostro amico a quattro zampe sia più serena e lunga possibile, è fondamentale sottoporre il micio a dei controlli veterinari periodici.

In questo modo, sarà possibile individuare tempestivamente l’insorgenza di eventuali patologie comuni nel gatto Certosino. Non solo: anche la profilassi è importantissima per la salute del felino. Per prendersi cura del gatto Certosino occorrerà sottoporre l’animale a:

  • vaccini e relativi richiami, contro leucemia felina, gastroenterite virale, rinotracheite infettiva, panleucopenia felina;
  • trattamento contro i parassiti esterni, ovvero pulci e zecche;
  • trattamento contro i parassiti intestinali, come nematodi, coccidi e Giarda.

Potrebbe interessarti anche: Adottare un Certosino: quali sono i motivi e qual è il proprietario ideale

Laura Bellucci