Home Gatti Razze di Gatti I gatti più freddolosi: tutte le razze feline che soffrono di più...

I gatti più freddolosi: tutte le razze feline che soffrono di più il freddo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53
CONDIVIDI

Primi freddi in arrivo anche per i nostri felini: quali sono le razze di gatti più freddolosi e come proteggerli dalle basse temperature.

Gatti più freddolosi
Gatti più freddolosi: quali sono e perché (Foto AdobeStock)

Non solo gli uomini soffrono il freddo, ma anche i gatti hanno difficoltà a resistere alle basse temperature. Ci sono alcuni gatti più freddolosi di altre: vediamo quali sono e in che modo possiamo aiutarli a superare i mesi autunnali e invernali. Naturalmente ci sono dei motivi per cui alcune razze resistono con più difficoltà alle basse temperature, ma sta a noi saperlo in anticipo per prendere provvedimenti.

Potrebbe interessarti ancheCome proteggere i gatti randagi dal freddo: consigli utili per aiutarli

Gatti e freddo: non è solo questione di resistenza

Micio in inverno
Micio in inverno (Foto Pixabay)

Ci siamo mai chiesti come mai i gatti si ‘attaccano’ letteralmente alle fonti di calore in casa e si appiccicano alle finestre appena vedono un raggio di sole? La risposta appare quasi ovvia: amano il caldo e stare al caldo (Leggi qui: I gatti soffrono il caldo estivo: come aiutarli e prevenire il colpo di calore)! Quindi non hanno un ottimo rapporto con il freddo, ma in generale esistono alcune razze che meno di altre lo sopportano. E’ altrettanto vero che i gatti randagi, abituati a vivere per strada, sviluppano una resistenza diversa alle basse temperature, ma ciò non significa che non abbiano bisogno di qualche attenzione in più da parte nostra, anzi.

Rispetto a noi umani, i felini avvertono i cambiamenti di temperatura in anticipo, soprattutto quelli che vivono all’interno delle case. La temperatura felina è più alta di quella umana, poiché si aggira intorno ai 38 gradi, ma è soprattutto l’umidità a creare forti disagi nei gatti. Non è un caso che nel mese di autunno i felini ‘si preparano’ all’approssimarsi del grande freddo con un infoltirsi del pelo e della pelliccia. Ma quali sono quei felini che sopportano meno di altri il freddo? Li vedremo a breve.

Gatti più freddolosi: come riconoscerli

Gatti più freddolosi
Gatti più freddolosi: come riconoscerli (Foto AdobeStock)

Considerando che alcuni gatti si preparano all’arrivo del freddo con un pelo più folto, è ovvio pensare che chi di essi è privo di manto soffre di più le basse temperature. in effetti è così, ma non è solo la razza a definire un gatto freddoloso.

  • Razze: quelle con poco pelo o con manto assolutamente assente, sono più esposte al freddo, anche se vivono in casa, come se lo avvertissero prima e in maniera più intensa. Si tratta di razze come lo Sphynx, il Siamese, il Peterbald, l’Abissino etc. Anche il Devon Rex, nonostante i suoi tre diversi strati di pelo, affronta le stagioni fredde con difficoltà.Saranno loro stessi a non voler uscire mai di casa, quindi non sarà affatto un problema convincerli a stare al caldo.
  • Salute: i gatti che non sono fisicamente in forma e non hanno una salute ‘di ferro’ soffrono il freddo più degli altri. Questo perché le loro difese immunitarie sono già basse e questo stato generale di salute già compromesso li rende più vulnerabili di altri.
  • Età: sia nei cuccioli sia nei gatti anziani (leggi qui: Sintomi di vecchiaia nei gatti: 10 segnali da non sottovalutare), il freddo è un nemico. E’ come il loro corpo non riuscisse a reagire alle basse temperature perché non abbastanza ‘resistente’.

Gatti più freddolosi: come aiutarli a superare il freddo

Gatto e stufa
Gatto davanti alla stufa (Foto AdobeStock)

Il freddo arriverà e sarà inevitabile quindi, a meno che non vogliamo optare per una vacanza in luoghi tropicali con il nostro micio, l’unica soluzione è pensare di affrontare il freddo con i mezzi semplici a nostra disposizione. Pensiamo soprattutto a proteggerli dall’umidità, perché è questa che dà più problemi e li fa ammalare con febbre e raffreddore (leggi qui: Misurare la febbre al gatto senza termometro: le mosse alternative per capire se ha la febbre).

Casa calda ma non troppo: va bene farli vivere in un ambiente caldo e confortevole, ma ciò non significa lasciare i caloriferi e i riscaldamenti sempre accesi, poiché l’aria potrebbe seccarsi e diventare irrespirabile. Inoltre fonti di calore sempre accese e senza la nostra supervisione, possono causare problemi anche gravi. Quindi se dobbiamo uscire da casa, lasciamo a disposizione del micio delle borse di acqua calda e dei cuscini sui quali potrà stendersi.

Coperte e piumoni: destiniamo un piumone o una coperta che non utilizziamo più solo per il gatto. Gli farà piacere non solo averne a sua disposizione una solo per lui ma anche sentire il nostro profumo sulla stoffa.

Alimentazione: d’inverno i gatti tendono a fare meno esercizio fisico, poiché tendono ad essere più sedentari e a restare a casa per un tempo maggiore. Ciò significa che la dieta del gatto non dovrà subire grossi cambiamenti, anche perché farlo magiare di più o somministrargli cibi più calorici potrebbe farlo ingrassare e farlo andare incontro a problemi di salute gravi come l’obesità.

Francesca Ciardiello