Home Gatti Salute dei Gatti 7 suggerimenti per la cura del gatto anziano: informazioni utilissime

7 suggerimenti per la cura del gatto anziano: informazioni utilissime

7 suggerimenti per la cura del gatto anziano: consigli utili per migliorare la vita del vostro pelosetto, oramai in là con gli anni.

Suggerimenti per la cura del gatto anziano
Suggerimenti per la cura del gatto anziano. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Come le persone, anche gli animali invecchiano e allo stesso modo dell’uomo, anch’essi rispondono in modo individuale all’invecchiamento.

Oltre all’ovvia comparsa di peli bianchi, un altro segnale comune è il rallentamento generale delle attività quotidiane.

Insieme a ciò, anche i problemi di vista e di udito, sono soliti evidenziarsi nel gatto anziano.

Ecco perché, abbiamo deciso di condividere con voi 7 suggerimenti per la cura del gatto anziano, in modo tale da poter agevolare la vita del micio e tutto sommato anche la vostra.

7 suggerimenti per la cura del gatto anziano: segni di invecchiamento

In questo articolo, vogliamo darvi 7 suggerimenti per la cura del gatto anziano, al fine di garantirgli una vita lunga e sana.

carezze al gatto
Gatto anziano. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Ecco i 7 suggerimenti per la cura del gatto anziano:

  1. Controlli di routine
  2. Alimentazione di qualità
  3. Controllo del peso
  4. Esercizio fisico
  5. Igiene orale
  6. Cura del mantello e Controllo dei parassiti
  7. Taglio delle unghie

Controlli di routine

Sebbene la maggior parte dei gatti si lasci accarezzare facilmente dai propri umani, pochi di vedono di buon occhio i controlli di routine.

È bene, quindi abituare il proprio gatto a sentirsi manipolato, è importante che periodicamente facciate un check up e gli insegnate ad accettare i trattamenti del veterinario.

Alcuni gatti imparano in fretta, altri no, lasciate che sia il suo linguaggio del corpo a guidarvi.

Sarà solo con il passare del tempo che potrete aumentare gradualmente sia la durata e sia la difficoltà del trattamento.

L’introduzione di piccoli premi come: bocconcini prelibati, carezze delicate, giochi, giocattoli o qualsiasi altra cosa, possono rendere accettabile questo momento.

Ad ogni modo, il controllo annuale, insieme alle vaccinazioni, è una buona occasione per valutare lo stato generale del gatto.

Alimentazione di qualità

Offrire al proprio animale non solo cibo umido, ma anche le migliori crocchette per gatti, bilanciate, senza additivi, coloranti e conservanti artificiali.

Occorre tenere sempre presente che in natura il gatto non consuma carboidrati di conseguenza si nutre di tanta carne e di un livello contenuto di grassi.

Ecco perché, pesce, carne, frutta, verdura, Omega 3 e 6 sono tutti elementi che nell’alimentazione del proprio gatto, non devono mai mancare.

Fondamentalmente, è importante offrire un cibo di qualità ed è bene sapere che le crocchette per gatti favoriscono il mantenimento della salute orale, oltre che indurre il gatto a bere più acqua.

Il cibo umido per gatti, invece, ha più liquidi e può essere somministrato durante i mesi invernali, durante i quali tende a deperire più lentamente.

Dal momento che non esiste uno specifico cibo per gatti anziani (senza denti), sarà sufficiente inumidire con acqua calda le crocchette, oppure scegliere un mangime umido completo di qualità.

Controllo del peso

Per poter controllo il peso ideale del gatto è necessario eseguire un test visivo molto semplice.

gatto e bilancia
Controllo del peso del gatto. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Se quando osservate il gatto, siete in grado di distinguere chiaramente le sue ossa, la sua silhouette è molto pronunciata, l’animale potrebbe essere sottopeso.

Se la silhouette, invece, è allargata e con poca definizione, il gatto potrebbe essere sovrappeso.

Diversi, però, sono i fattori che possono influenzare il peso corporeo di un gatto, inclusi taglia, razza, genere ed età.

Perciò, consultate il vostro veterinario, il quale potrà eseguire una regolare visita insieme ad altri test per valutare lo stato del vostro gatto oramai vecchiotto.

Esercizio fisico

A causa dell’abbondanza di cibo e dell’eccessiva sedentarietà, tra i 7 suggerimenti per la cura del gatto anziano non possiamo tralasciare l’esercizio fisico.

Potete aiutare il gatto anziano a conservare la tonicità muscolare e il peso ottimale attraverso dei giochi che comportino l’esercizio fisico è fondamentale.

Nei negozi specializzati è possibile trovare moltissimi giochi per animali domestici per tenere attivi il corpo e la mente del vostro gatto.

Essi includono:

Naturalmente, non sforzate troppo l’animale, basteranno 15 minuti al giorno per permettere ai muscoli di mantenersi elastici, di rinforzare le articolazioni e mantenere la circolazione attiva.

Igiene orale

Il gatto casalingo ha masticazione ridotta, soprattutto se la sua alimentazione è a base di cibo umido, questo perché non va a caccia e non tritura ossa.

A causa di questi fattori i denti del gatto vanno incontro a diversi problemi fra cui il tartaro che non è altro che placca non rimossa, la quale mette a repentaglio non solo lo smalto del dente ma anche le gengive del gatto.

È bene quindi, averne cura sempre con l’aiuto di prodotti che si possono acquistare nei negozi specializzati e cercando di fornire un’alimentazione varia tra secca e umida.

È possibile con tanta pazienza e calma far accettare lo spazzolino al proprio gatto, ma non sarà semplice e soprattutto non se il gatto è anziano.

Tutto ciò a cui il gatto dovrà farci l’abitudine dovrà essere introdotto da cucciolo.

Potrebbe interessarti anche: Comportamenti del gatto anziano: tutto su routine e cura di un nonno felino

Cura del mantello e controllo dei parassiti

Un gatto sano e vitale mostra sempre un pelo bello lucido e morbido al tatto e la cute particolarmente liscia e rosea.

Per ottenere questo risultato è opportuno dedicare del tempo al mantello del proprio animale domestico, sebbene sia in primis lui ad occuparsene.

È risaputo, infatti, che il gatto trascorre buona la maggior parte della sua giornata ad occuparsi della sua igiene del corpo.

Lecca tutto il mantello, procede poi a rimuovere grovigli o elementi estranei, per poi passare al muso e alla testa mediante l’ausilio delle zampe anteriori.

Tuttavia, è indispensabile aiutare il gatto nella sua pulizia spazzolandolo regolarmente, per aiutarlo a ridurre la quantità di pelo che può ingerire e scorgere eventualmente la presenza di parassiti nel gatto, intervenendo con appositi prodotti.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Taglio delle unghie

Se il micio non ha la possibilità di consumare le unghie attraverso la loro naturale usura (su luoghi e spazi idonei), allora occorre provvedere prima che lo possa fare sui mobili o addirittura ferirsi con i suoi stessi artigli.

Vi accorgerete che vi è necessità di tagliare le unghie al gatto perché sporgono dal polpastrello e fanno rumore sul pavimento.

Nel caso del gatto anziano, l’animale non riesce più ad affilarsi le unghie e queste tendono ad incarnarsi nei polpastrelli creando infezioni e dolore.

Se si arriva a questo si deve necessariamente ricorrere alle cure del Veterinario.