Home Gatti Salute dei Gatti La cura del Bobtail Giapponese: dalla toelettatura al bagnetto

La cura del Bobtail Giapponese: dalla toelettatura al bagnetto

La cura del Bobtail Giapponese e tutto ciò che riguarda i segreti di bellezza di questa razza, dall’igiene alla toelettatura quotidiana.

Bobtail Giapponese
(Foto AdobeStock)

Se si è scelti di accogliere in casa, un Bobtail Giapponese è importante approfondire su tutto ciò che riguarda l’igiene e la toelettatura di questa razza.

Questo perché ogni razza ha delle necessità specifiche da rispettare se si vuole un gatto sano e longevo, oltre che bello da vedere.

Nell’articolo di oggi ci occuperemo perciò della cura del Bobtail Giapponese, dall’igiene alla toelettatura del mantello.

Cura del Bobtail Giapponese: come occuparsi del mantello

La cura del Bobtail Giapponese necessita di una maggiore attenzione rispetto ad altre razze, in particolare la versione a pelo semilungo, rispetto a quella a pelo corto.

Bobtail Giapponese
(Foto AdobeStock)

Il Bobtail a pelo lungo, rispetto a quello a pelo corto, ha un mantello più lungo ma comunque sempre di media lunghezza.

La lunghezza del pelo tende a essere più evidente sul retro delle zampe, dove la pelliccia forma una sorta di “calzone”, intorno al collo e su pancia e coda.

Per entrambe le versioni in ogni caso si tratta di un mantello morbido liscio e setoso, con scarso sottopelo.

Sono ammessi tutte le colorazioni ma i colori più diffusi sono quelli bicolori, cioè col bianco e poche macchie di colore.

Il Bobtail Giapponese a pelo corto non necessita di particolari cure, infatti è sufficiente una spazzolatura una volta alla settimana.

Per quanto riguarda la muta felina il ricambio periodico del pelo è molto scarso.

In merito invece alla spazzolatura del Bobtail Giapponese a pelo semilungo, va effettuata molto più spesso essendo un pelo più lungo (almeno una volta al giorno) si possono verificarsi nodi.

Inoltre si tratta di una buona pratica per l’igiene del gatto, svolge un’azione positiva sulla sua salute generale, stimola la produzione di sebo, che rende impermeabile il mantello e migliora la circolazione sanguigna con effetto anche tonificante.

Durante i periodi di muta è preferibile spazzolare il micio ogni giorno, per rimuovere lo strato di pelo morto ed eventuali pulci o altri parassiti del gatto.

Inoltre non bisogna sottovalutare i benefici di un’alimentazione corretta del Bobtail Giapponese, i quali riflettono direttamente sull’aspetto del manto dell’animale e di conseguenza sulla salute.

Se vuoi sapere di più sulle malattie comuni del Bobtail Giapponese, in questo articolo troverai un approfondimento completo.

Qual è la spazzola ideale per il Bobtail Giapponese

Per la spazzolatura del Bobtail Giapponese occorre dotarsi di accessori diversi per le differenti fasi di toelettatura.

spazzole per il cincillà
(Foto AdobeStock)

Questi gli accessori utili alla toelettatura del Bobtail Giapponese:

  • pettine: con le punte ben separate e smussate, che ha la funzione di sciogliere i nodi nel mantello;
  • spazzola rigida per gatti: dotata di setole separate, lunghe, rigide e con la punta protetta da pallini. Ha la funzione di spazzolare l’animale a fondo, senza però arrecare alcun danno alla pelle del gatto;
  • spazzola a setole morbide: dotata di setole lunghe, morbide e fitte. Ha la funzione di eliminare la polvere e qualsiasi altra cosa rimasta attaccata al pelo;
  • cardatore: è un accessorio molto utile ma anche pericoloso, bisogna saperlo utilizzare per non ferire il gatto. Ha la funzione di eliminare pelo superfluo;
  • guanto cardatore per gatti: che grazie alla combinazione dei denti rivestiti in plastica con gli anelli rigidi unisce l’assoluta efficacia della spazzolatura igienizzante al vero piacere di un massaggio rilassante.
  • forbici: se avete già localizzato dei nodi piuttosto importanti e tutti gli altri metodi hanno fallito, non vi resta che tagliarli.

Potrebbe interessarti anche: Adottare un Bobtail Giapponese: tutti i motivi per prenderne uno

Igiene e pulizia del Bobtail Giapponese

Quando si decide di condividere la propria casa con un gatto, occorre tenere presente che oltre a doverlo nutrire e coccolare, occorre anche occuparsi dell’igiene e del benessere dell’animale.

orecchie gatto
(Foto Pixabay)

È noto a tutti quanto il gatto, in genere, sia un animale molto attento alla sua igiene ma malgrado ciò, esistono alcuni punti per lui inarrivabili per i quali necessita dell’aiuto del suo amico umano.

Perciò toccherà a te, con l’aiuto di validi accessori e prodotti, pulire i seguenti punti:

  • la pulizia degli occhi: è di grande aiuto nella prevenzione delle tanto fastidiose infezioni come le congiuntiviti e le blefariti nel gatto;
  • le orecchie del Bobtail Giapponese: controllate periodicamente per evitare l’accumulo di secrezioni e non sviluppare infezioni e disturbi cutanei;
  • la pulizia e il taglio delle unghie del gatto: accorciare le unghie al gatto o meglio ancora rivolgersi ad uno specialista o al veterinario;
  • l’igiene orale: pulire i denti del Bobtail Giapponese magari quotidianamente, utilizzando creme igienizzanti per denti o spazzolini.

Per il bagnetto al Bobtail Giapponese è importante utilizzare prodotti prettamente per gatti e magari anche un balsamo idoneo, per ammorbidire la pelliccia e prevenire la formazione di nodi e grovigli.

Occorre abituare l’animale fin da piccolo a non avere paura dell’acqua.

Tuttavia non è necessario effettuare così spesso il bagnetto ma può bastare una volta ogni 4 settimane.

In caso di sporco, per un intervento rapido di pulizia del pelo del gatto e/o per una azione veloce di refresh, si può ricorrere all’uso di speciali salviette igienizzanti.

Avere un gatto pulito in casa e accarezzare un pelo pulito, morbido e luccicante, è tutta un’altra cosa.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta