Home Gatti Salute dei Gatti Fermenti lattici per il gatto sì o no: il parere degli esperti

Fermenti lattici per il gatto sì o no: il parere degli esperti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00
CONDIVIDI

Il gatto può assumere fermenti lattici? E se sì, in quali occasioni? Ecco tutto quello che occorre sapere sull’argomento!

Fermenti lattici per il gatto (Foto Adobe Stock)
Fermenti lattici per il gatto (Foto Adobe Stock)

Alzi la mano chi non ha mai avuto problemi intestinali. Tutti, prima o poi, siamo soggetti a tale malessere, fosse anche un solo episodio. Anche i nostri amici a quattro zampe possono avere questo piccolo inconveniente. Laddove però il fastidio diventi una costante, ci chiediamo se l’assunzione dei fermenti lattici possa essere una soluzione. Ecco il parere degli esperti.

Potrebbe interessarti anche: Mal di stomaco nel gatto: rimedi casalinghi

Possiamo dare al gatto i fermenti lattici?

Il gatto può assumere fermenti lattici, ma solo in casi determinati (Foto Pixabay)

Ebbene sì, i fermenti lattici possono essere molto utili anche per i nostri amici gatti. Purtroppo anche il micio può avere qualche malessere che comporta la necessità di ricorrere a tali prodotti. Non vi sono particolari controindicazioni, anche se ovviamente occorre molta prudenza.

È sempre consigliabile contattare il nostro veterinario di fiducia, in particolare se si tratta del primo episodio che può dar luogo alla necessità di dare al gatto i fermenti lattici oppure se si è alle prime esperienze con gli animali domestici e non si sa ancora bene come muoversi.

In ogni caso i fermenti lattici vanno dati secondo le dosi prescritte, ed esclusivamente quando ce n’è bisogno: ovvero quando il gatto sta male.

Quando dare i fermenti lattici al gatto?

Portare il gatto dal veterinario
Prima di dare i fermenti lattici al gatto è sempre meglio contattare il proprio veterinario di fiducia, specie se non si ha esperienza o si tratta di un gatto che non conosciamo (Foto Adobe Stock)

Fermo restando che i fermenti lattici vanno dati al gatto quando ci sono problemi intestinali, va chiarito quelle che sono le situazioni specifiche a cui ci riferiamo. Il classico esempio si ha nell’ipotesi in cui il gatto abbia la diarrea. Certo bisogna comprendere da quale causa dipenda il disturbo.

Questo perché i fermenti lattici agiscono sulla flora intestinale del gatto, ripristinandola ed aiutandola, ma non risolvono il problema alla radice. Lo stesso discorso vale nell’ipotesi in cui il gatto soffra di stress, ed il disturbo vada a ripercuotersi sulla flora intestinale del gatto.

I fermenti lattici aiutano notevolmente il felino durante il periodo di difficoltà, ma va comunque eliminato il problema alla base del disturbo. Attenzione anche ai cambi repentini di dieta; potrebbe volerci un po’ di tempo affinché il gatto si abitui. Diamo per scontato ovviamente che si tratti di un regime alimentare che sia imposto per ragioni mediche.

In tutti gli altri casi è bene valutare se si tratti di una dieta sana, equilibrata e soprattutto adatta al tuo gatto; in ogni caso, in assenza di qualsiasi urgenza dettata da motivi di salute, il passaggio ad un nuovo menù deve avvenire con gradualità, specie se il micio soffre molto il passaggio ad un’alimentazione diversa.

I disturbi intestinali potrebbero essere causati anche da farmaci assunti dal micio, come ad esempio gli antibiotici. Si da per scontato che, essendo gli stessi prescritti dal veterinario di fiducia, il professionista vi abbia informato sui possibili effetti collaterali e sulla possibilità, nel caso, di dare i fermenti lattici al gatto.

Potrebbe interessarti anche: Consigli per la cura dell’intestino del gatto: suggerimenti da seguire

I vari tipi di fermenti lattici

probiotici gatto
Probiotici per il gatto (Foto fonte iStock)

Tra i fermenti lattici distinguiamo tra tre grandi categorie:

  • Prebiotici: si tratta di sostanza, non digeribili, che sono presenti in vari tipi di alimento (principalmente si tratta di ortaggi e frutta). Hanno la funzione di formare o aiutare a sviluppare la microflora nell’organismo. Da evitare nel caso il cui il gatto soffra di colon irritabile;
  • Probiotici: i probiotici per gatti sono organismi viventi (a differenza dei prebiotici) che aiutano la crescita di batteri utili al rafforzamento del sistema immunitario. Sono una tipologia di fermenti lattici particolarmente utili nel caso in cui il micio soffra di diarrea ed altri disturbi intestinali;
  • Simbiotici: questo tipo di fermenti lattici rappresenta un mix tra i prebiotici e i probiotici, costituendo un buon compromesso tra le proprietà di entrambe le tipologie.

Antonio Scaramozza