Home Gatti Salute dei Gatti Botulismo nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Botulismo nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:54
CONDIVIDI

Prendiamoci cura dei cortili e delle aree esterne per la salute del nostro animale da compagnia. Il botulismo nel gatto potrebbe essere un problema. 

Un avvelenamento che potrebbe derivare dal consumo di carne cruda infetta.(Foto Pixabay)

Il botulismo nel gatto è una forma rara ma pericolosa, un avvelenamento nel gatto, che potrebbe esser stato causato dal consumo di carne cruda infetta, dall’ingestione di animali morti o dalla disgregazione della materia vegetale infettata dalla neurotossina di tipo C di Clostridium botulinum.

Il botulismo nel gatto è causato da un batterio noto come Clostridium botulinum, che produce tossina botulinica, che è un’esotossina che può presentare sia forme sporulate che vegetative.

Sintomi del botulismo nel gatto

gatto
La neurotossina batterica provoca debolezza che inizia nelle zampe posteriori dell’animale.(Foto Pixabay)

Il cane è in generale resistente agli effetti più gravi del Clostridium botulinum mentre nel gatto la malattia è quasi sconosciuta. La malattia non appare subito, dal momento in cui il gatto ha mangiato ciò che era infettato, potrebbero essere necessarie alcune ore e alcuni giorni, prima che compaiano i sintomi del botulismo.

La neurotossina batterica provoca stanchezza nel gatto, che inizia nelle zampe posteriori dell’animale e si sposta in avanti verso il tronco, il collo e le zampe anteriori, che alla fine provoca la paralisi dei quattro arti. Altri sintomi di botulismo nel cane possono essere le difficoltà a masticare e deglutire, sbavare, vomitare, dolore addominale e secchezza degli occhi nel gatto.

Diagnosi

gatto
Il botulismo nel gatto è una forma rara ma pericolosa.(Foto Pixabay)

Per stabilire una diagnosi il veterinario vorrà sapere se il tuo animale domestico è stato potenzialmente a contatto con carne avariata o un animale morto. Successivamente farà un esame fisico completo e chiederà un profilo di chimica del sangue, analisi delle urine e analisi al sangue, come avviene per il cane.

Il sangue del nostro amico a quattro zampe verrà anche testato per la presenza di neurotossina di Clostridium botulinum. Sarà anche necessario prelevare un campione di feci o vomito per verificare la presenza della tossina.

Le radiografie del torace possono essere necessarie per monitorare la salute del polmone e del tratto gastrointestinale superiore, poiché l’avvelenamento da botulismo ha la capacità di paralizzare i muscoli respiratori.

Trattamento

gatto
Per il trattamento verrà data un’antitossina di tipo C per il botulismo.(Foto Pixabay)

Per il trattamento verrà data un’antitossina di tipo C per il botulismo, che serve a neutralizzare la tossina e prevenire la progressione della malattia. Il trattamento aggiuntivo dipenderà dalla gravità delle condizioni del tuo animale domestico.

Un gatto che è solo leggermente affetto potrebbe aver bisogno di essere ricoverato in ospedale per cibo e liquidi somministrati per via endovenosa. Un animale gravemente malato che ha difficoltà a respirare a causa della paralisi dei muscoli respiratori deve essere attentamente monitorato in un’unità di terapia intensiva.

Potrebbe essere necessario un tubo dello stomaco per alimentarlo e, nel peggiore dei casi, l’animale potrebbe aver bisogno di un ventilatore per aiutarsi a respirare. Il totale recupero dall’avvelenamento da botulismo richiede in genere da una a tre settimane. Altre scoperte hanno valutato che il rimedio omeopatico Botulinum è molto utile.

Come prevenire il botulismo nel gatto

gatto
Carne cruda in cattive condizioni.(Foto Pixabay)

È importante non permettere mai al tuo animale domestico di mangiare le carcasse di animali o carne cruda in cattive condizioni. Alcune persone credono erroneamente che, poiché cani e gatti sono in grado di gestire una carica batterica molto più grande rispetto agli umani, possono quindi mangiare qualsiasi cosa e non stare male.

Ma tutto questo non è assolutamente vero, il tuo gatto potrebbe come tutti noi, rimanere intossicato dal cibo. Ecco perché non è mai una buona idea nutrire il tuo animale domestico con qualcosa che potrebbe essere non buono o refrigerato per diverse settimane. Ricorda che in caso di dubbio, è meglio buttarlo via.

Come nutrire in sicurezza il tuo animale domestico con cibi crudi

Partiamo dal fatto che il botulismo è raro negli animali domestici ed è il semplice risultato di carne marcia e assolutamente non cruda. Dare un’alimentazione a base di carne cruda e fresca al gatto è una dieta più appropriata e molto sicura, nonostante ciò che si potrebbe pensare e aver sentito.

Per impedire ai parassiti (vermi, anchilostomi, solitari, ecc.) di invadere il cibo crudo del tuo animale domestico fatto in casa, evita semplicemente di includere l’intestino, lo stomaco e l’intestino tenue e crasso, nel composto di carne che prepari per il tuo gatto. Questi sono gli organi che ospitano i parassiti.

Se hai intenzione di acquistare alimenti per animali domestici crudi disponibili in commercio, le viscere sono già state eliminate. La carne muscolare viene utilizzata per preparare diete alimentari crude e viene sterilizzata, tranne in rari casi in cui i parassiti fuggono dal tratto gastrointestinale (intestino) come per esempio, alcuni parassiti come il Toxoplasma gondii, che causa la toxoplasmosi nel gatto, potrebbero entrare nella carne muscolare e far ammalare il tuo animale domestico.

Ecco perché dovresti sempre congelare le carni crude (la quantità di tempo varia per diversi parassiti, tre settimane uccideranno tutte le varietà) prima di dare da mangiare al tuo gatto. Sappi che congelando le carni prima di servirle ed eliminando le viscere, potresti evitare di esporre i tuoi animali domestici ai parassiti, favorendo il botulismo.

Raffaella Lauretta

Potrebbero interessarti anche i seguenti link:

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI