Home Gatti Salute dei Gatti Il gatto russa: cause e quando c’è bisogno di preoccuparsi

Il gatto russa: cause e quando c’è bisogno di preoccuparsi

CONDIVIDI

E’ risaputo che il micio è un animale che ama dormire. Ma sapevate che il gatto a volte russa? Scopriamo insieme quando il suo russare può essere motivo di preoccupazione.

Quando bisogna preoccuparsi del russare del gatto (foto Pixabay)
Quando bisogna preoccuparsi del russare del gatto (foto Pixabay)

Sappiamo che spesso i nostri amici animali sono proprio simili all’essere umano. Ma tra le tante cose strane vi è mai capitato di sentire un gatto che russa?

Ebbene si è possibile sentire il gatto russare. Questa emissione di ”rumore” è formata dalla vibrazione che implica due organi principali, il naso e la gola. Il russare si verifica nelle vie aeree del micio durante la prima fase del sonno profondo.

Se notate che il vostro gatto russa già da cucciolo, potete anche non preoccuparvi, ma nel caso in cui il gatto inizia a russare improvvisamente, potrebbe essere sintomo di qualcosa che non va. Vedremo di seguito quando il russare del gatto è motivo di preoccupazione e quando no.

Quando la situazione è innocua

Quando bisogna preoccuparsi del russare del gatto (foto Pixabay)
Quando bisogna preoccuparsi del russare del gatto (foto Pixabay)

Proprio come l’essere umano anche il sonno del gatto è formato da cicli. Esiste una fase di movimento oculare rapido chiamata fase Rem dove le vibrisse del micio possono tremare e le zampe si possono muovere.

Una fase più profonda del sonno, detta non Rem, dove il gatto è rilassato, proprio in questo caso si può sentire il gatto russare. Se il russare del gatto non è continuo ma lo si sente una volta ogni tanto, non c’è nulla da preoccuparsi.

Se capita spesso, però è un’abitudine del gatto presente già da quando era cucciolo e non presenta altri sintomi di eventuali patologie, è probabile che non si tratti di nessuna malattia.

Vi elencheremo qui di seguito i vari esempi di felini che tendono a russare :

  • I gatti brachicefali: i gatti brachicefali sono quei felini che hanno la testa più grande rispetto ad altre specie, ad esempio i gatti Persiani e Himalayani. Questi felini hanno anche un naso schiacciato e un palato più lungo, questi due elementi sono la causa principale del russare del micio. Quindi non c’è motivo di preoccupazione.
  • I gatti in sovrappeso: un gatto in sovrappeso che tende all’obesità porterà con sé vari problemi di salute anche gravi. Uno dei problemi riscontrato nei gatti obesi è proprio il fatto che russano. Infatti il grasso che circonda i loro organi impedisce il passaggio dell’aria attraverso le vie respiratorie.
  • Posizione insolita: il gatto potrebbe dormire in una posizione insolita che lo porterebbe a russare.

Il gatto russa: quando bisogna preoccuparsi

gatto adulto dorme
Un gatto adulto che dorme (Foto Pixabay)

Generalmente russare è normale per i gatti, ma in alcune situazioni potrebbe indicare che c’è qualcosa che non va, soprattutto se non avete mai sentito russare e lo fa per la prima volta.

Solitamente si tratta di patologie che interessano l’apparato respiratorio, le cause più comuni possono essere:

  • Bronchite e polmonite nel gatto: vengono spesso confuse con febbre e tosse , ma per far si che non peggiorino bisogna curarle subito.
  • Asma nel gatto: molti gatti soffrono d’asma, è una condizione molto pericolosa perché può portare ad un attacco che lascia il micio senza aria.
  • Tosse felina: bisogna tenere sotto controllo la tosse del gatto, in quanto può trasformarsi in una vera e propria infezione che colpisce l’apparato respiratorio.
  • Polipo paranasali: sono tumori nasali che ostruiscono le vie respiratorie dando origine al russare del gatto.

Oltre a queste patologie, esistono altre infezioni virali che possono colpire l’apparato respiratorio del gatto e farlo russare.
E’ bene che stiate attenti se il russare del gatto è accompagnato dai seguenti sintomi:

  • Il gatto respira a bocca aperta
  • Suoni simili al russare che il gatto emette da sveglio: stertore, stridore, sibilo
  • Apatia
  • Secrezione dagli occhi e dal naso
  • Ferite sul naso
  • Starnuti del gatto
  • Starnuto inverso

Nel caso in cui i sintomi sopraelencati accompagnano il russare del gatto contattare il veterinario.

Potrebbero interessarti anche i seguenti argomenti:

M.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI