Home Gatti Salute dei Gatti Panleucopenia nel gatto: cause, sintomi e cura della malattia

Panleucopenia nel gatto: cause, sintomi e cura della malattia

Panleucopenia nel gatto, una patologia gravissima per la salute del nostro animale. Vediamo di capire quali sono le cause scatenanti, i vari sintomi e la cura possibile.

Panleucopenia nel gatto
(Foto Pixabay)

Esistono delle malattie difficili che possono mettere a dura prova la resistenza e la salute del nostro amico peloso. Tra i felini c’è sempre il rischio di infettarsi e trasmettersi patologie piuttosto gravi, che è importantissimo conoscere per essere trattate per tempo e salvare la loro salute. Parliamo della panleucopenia nel gatto, una condizione che può raggiungere una gravità letale e da cui si deve proteggere l’animale domestico.

Panleucopenia nel gatto: le cause e i sintomi tipici

Si tratta di una malattia infettiva estremamente pericolosa per la vita stessa del gatto ed è altamente contagiosa. Vediamo quali sono le cause che la provocano e qual è la sintomatologia che si manifesta nell’animale.

La panleucopenia felina
(Foto Pexels)

Il felino domestico può avere la sfortuna di essere contagiato da patologie altamente pericolose e la panleucopenia è una di queste. Nota anche come parvovirosi felina, la panleucopenia è una grave patologia infettiva.

Il virus della patologia si trasmette per via orale e può essere altamente contagioso anche attraverso le feci del gatto. É proprio il parvovirus la causa scatenante ed è molto diffuso tra i felini.

Questo virus può resistere nell’ambiente anche per un anno e oltre. Nel sistema immunitario dell’animale, si assiste ad una diminuzione pericolosa dei globuli bianchi, la quale può portare allo sviluppo di infezioni batteriche e malattie.

Ingerendo il virus tramite la bocca, il micio può infettare altri pelosi tramite l’inalazione di goccioline disperse nell’aria. La trasmissione, però, può avvenire anche tramite cibi infetti o oggetti contaminati.

Una volta entrato nel suo organismo, il virus arriva a invadere il flusso sanguigno del peloso e, se si manifesta durante la gestazione, esso può provocare gravi danni. La panleucopenia, infatti, si verifica di solito nei felini di età inferiore ad un anno e non ancora vaccinati.

I sintomi della panleucopenia felina

I sintomi della panleucopenia nel gatto si manifestano in base alla forma e alla gravità della patologia. Questa può essere: iperacuta, acuta, subacuta e infezione intrauterina.

La forma iperacuta si verifica nei felini più giovani, perché l’animale non ha ancora un sistema immunitario formato: in questo caso, purtroppo, il gatto muore subito senza presentare sintomi.

La forma acuta è anch’essa improvvisa e grave e può portare alla morte del micio infetto. I sintomi tipici possono essere:

La forma subacuta, invece, può colpire i gatti adulti e non si manifesta con nessun sintomo e se si presentano sono molto lievi.

L’infezione intrauterina, poi, si presenta all’interno dell’utero materno, per cui i pelosi rischiano di morire. Nel caso in cui riescano a sopravvivere, i piccoli gatti potrebbero soffrire di malformazioni nel cervelletto.

Potrebbe interessarti anche: Parvovirosi gatto: sintomi, cause e trattamento

Il felino e la patologia: la cura e la protezione del micio

Trattandosi di una pericolosa patologia che tende a manifestarsi all’improvviso, è bene sapere che l’intervento medico è fondamentale per la salvezza del proprio felino. Vediamo se esiste una cura utile e come è possibile proteggere l’animale domestico da questa tremenda condizione.

La malattia nel gatto
(Foto Unsplash)

Dobbiamo sapere che per la panleucopenia felina è importante agire in fretta, poiché se il micio dovesse soffrire delle forme più gravi di questa patologia, rischia di morire rapidamente.

Purtroppo, a causa della loro giovane età, sono molti i casi di gatti che non riescono a sopravvivere e a morire, proprio perché non hanno i vaccini e un sistema immunitario completamente formato.

Se si nota qualcuno tra i sintomi riportati, è consigliabile avvisare subito il proprio veterinario di fiducia, poiché bisogna intervenire tempestivamente.

Attraverso un esame clinico completo del felino, l’esame del sangue e raccogliendo un campione delle feci, con tutte le informazioni necessarie, il medico deciderà per delle terapie di supporto.

Terapie e prevenzione per la panleucopenia nel gatto

Le terapie prevedono, di solito: l’utilizzo di anticorpi per rafforzare il suo sistema immunitario; l’uso di antibiotici per combattere le infezioni batteriche; l’uso di farmaci antiemetici per difendere lo stomaco.

Inoltre, durante i primi giorni, è prevista la somministrazione di cibi leggeri, come i fiocchi di latte e il pollo bollito. Se fosse necessario, si opta per la trasfusione di sangue.

Per fare prevenzione e proteggere il felino è importante comportarsi in modo giusto. Effettuare una corretta pulizia e disinfezione degli ambienti (superfici, oggetti e accessori per la nutrizione), scegliendo disinfettanti con azione virucida.

Ricordiamo, infine, che sono disponibili i vaccini contro la panleucopenia nel gatto, per i quali si può chiedere ulteriori informazioni al proprio medico veterinario.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ilaria G