Home Gatti Salute dei Gatti Come proteggere i gatti randagi dal freddo: consigli utili per aiutarli

Come proteggere i gatti randagi dal freddo: consigli utili per aiutarli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:20
CONDIVIDI

Nelle città e nei centri urbani vivono spesso esemplari singoli o colonie di felini randagi che soffrono le basse temperature nei mesi invernali. Ecco come proteggere i gatti randagi dal freddo.

Come proteggere i gatti randagi dal freddo
Come proteggere i gatti randagi dal freddo (Foto fonte iStock)

Con l’arrivo della stagione invernale e il contestuale abbassamento delle temperature anche gli animali soffrono il freddo ed è compito dei padroni mettere in campo tutte le soluzioni necessarie per far affrontare al meglio il freddo agli amici pelosi e non. Chi invece protegge i randagi in questa situazione? Come proteggere i gatti randagi dal freddo? Se sei un amante degli animali e hai a cuore la salute dei felini “nomadi” continua a leggere questo articolo, ti offriamo delle soluzioni ai tuoi interrogativi.

Ecco come proteggere i gatti randagi dal freddo

Come proteggere i gatti randagi dal freddo
Cosa puoi fare per aiutare un randagio a combattere il freddo (Foto fonte iStock)

Innanzitutto devi sapere che anche i gatti, nonostante il manto peloso, sentono freddo. Il gatto come il cane ha una temperatura corporea di 38,5 gradi e grazie anche al pelo resiste molto bene alle temperature invernali, ma quando la colonnina di mercurio scende sotto i 5 gradi inizia a sentire freddo. Anche il grado di umidità incide molto sulla percezione del freddo.

Sono tanti i gatti randagi che vivono in giro per città e centri abitati e le colonie feline sono tutelate dalla legge e, di sovente, sono gestite e accudite da volontari e volontarie. Prima di fare qualsiasi azione quindi dovrai accertarti e informarti sulle persone eventualmente preposte per la cura dei gatti che generalmente coordinano le operazioni di aiuto ai randagi e conoscono le esigenze degli animali e il territorio. Ma cosa puoi fare tu personalmente? Se gatti sono vicini alla tua abitazione o gironzolano nel tuo giardino puoi:

  • allestire un rifugio d’emergenza in un angolo al riparo dalle perturbazioni mettendoci dentro abiti ormai dismessi, vecchie coperte o vecchi maglioni per garantire ai Mici un po’ di calore;
  • posizionare una ciotola di acqua tiepida poiché i felini potrebbero avere difficoltà a trovare acqua perché a basse temperatura i liquidi tendono a ghiacciarsi;
  • verificare che nelle aree limitrofe non ci siano residui di liquidi antigelo e altri prodotti chimici, questi sono spesso utilizzati in inverno per rimuovere il ghiaccio dai vetri delle automobili o dai viali ma risultano essere letali per i felini se ingeriti.

Se i gatti sono gestiti da volontari (come accennato poc’anzi) potrai:

  • chiedere ai volontari se necessitano di coperte, tappeti e abiti usati e fare una donazione;
  • chiedere ai volontari se necessitano di cibo per gatti, secco o umido.

Desisti dalla tentazione di portare i gatti in casa; gli esemplari appartenenti alle colonie feline non sono abituati al contatto costante con l’uomo e quindi non sempre sono adatti alla vita domestica

Se pensi che un gatto sia stato smarrito (perché è solo e non è intimorito dalla presenza dell’uomo) informati  presso le autorità locali per cercare di identificarne il legittimo proprietario.

Potrebbe interessarti anche >>>

S.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI