Home News Cucciolo di tigre siberiana rimane orfano e chiede aiuto agli umani

Cucciolo di tigre siberiana rimane orfano e chiede aiuto agli umani

Cucciolo di tigre rimane orfano e si avvicina ai villaggi per chiedere aiuto

cucciolo tigre orfano
@screen shot video/Amur Center

Per diverse settimane, nel villaggio di Gornovodnoye, in Siberia, i residenti hanno avvistato una giovane tigre che vagava in prossimità delle abitazioni, senza timore. Probabilmente a caccia di cibo, la tigre non mostrava in nessun caso segnali di aggressività verso l’uomo.

La presenza dell’animale è stata segnalata alle autorità che sono intervenute con i dipendenti dell’Hunting Control di Primorsky Krai, dipartimento per la fauna selvatica in collaborazione con lo staff dell’Amur Tiger Center, centro di recupero e di conservazione della specie di tigre dell’Amur, a rischio estinzione. I ricercatori hanno installato diverse fototrappole sul territorio dove era stato avvistato l’esemplare che sono riusciti a monitorare per diversi giorni. Si trattava di una giovane femmina di 10 mesi rimasta orfana forse a causa dei bracconieri o di un incidente.

La cucciola sembrava disorientata e aggirandosi nei pressi del villaggio era come se stese chiedendo aiuto. Le tigri di solito sono schive e rimangono lontane dagli esseri umani. Al contrario, invece, questa femmina voleva interagire con le persone.

“Il predatore si comporta in modo calmo e pacifico. La gente del posto non si lamenta della perdita di animali domestici, quindi la tigre riesce a trovare cibo in natura. Gli specialisti devono capire perché la tigre è venuta al villaggio e dove si trova sua madre”, scrivono le autorità.

Dopo averla osservata per diverse settimane, accertato che la tigre era rimasta sola e stava peggiorando nelle sue condizioni di salute, il Centro di Amur ha deciso d’intervenire nel recupero. Era affaticata e in uno stato di malnutrizione. La cucciola è stata addormentata e trasferita presso il rifugio del Tiger Center dove sarà curata e riabilitata prima di rimetterla in libertà.

“Ha ancora i denti da latte in buone condizioni, tranne due incisivi rotti. Non ci sono segni di ferite o altre lesioni esterne”, scrive lo staff del centro pubblicando gli aggiornamenti sulle sue condizioni di salute.

Dopo l’anestetico, la tigre ha ripreso a mangiare un po’ alla volta. Lentamente, il sistema digestivo ha ripreso a funzionare.

Tuttavia, il suo comportamento era anomalo, passivo e non aggressivo: “Potrebbe essere dovuto a diversi motivi. Non si è ancora completamente ripresa dai farmaci usati per immobilizzarla oppure il suo stato fisico generale è indebolito. O ancora, prima era con gli umani e si è abituata a loro”, sottolinea il centro.

I primi giorni li ha passati dormendo nel box, senza apparire spaventata. Con il passare dei giorni ha ripreso a mangiare normalmente e le sue condizioni sono migliorate.⠀⠀

Tigre siberiana o dell’Amur

La tigre nel box

La tigre siberiana o tigre dell’Amur è una delle 7 sottospecie di tigre, simile alla tigre del Bengala nelle dimensioni, dal manto più chiaro. Ha la capacità di adattarsi ai climi estremamente freddi della Siberia. La sua pelliccia è folte e le larghe zampe le permettono di camminare sulla neve senza sprofondare. Il suo habitat è situato nell’estrema parte sudorientale della Siberia. Nell’Ottocento ha subito una drastica riduzione della popolazione a causa del bracconaggio, della riduzione delle prede e della distruzione del suo habitat. A partire dagli anni ’50, la tigre dell’Amur è stata inserita in un programma di monitoraggio per la sua conservazione. Dagli ’90 è stata inserita nella lista delle specie a rischio estinzione. Nel 2008, secondo i dati dello IUCN – Unione Mondiale per la Conservazione della Natura si contavano solo alcuni centinaia di esemplari allo stato selvatico, diffusi nell’Estremo Oriente russo e in alcune parti a confine con la Manciuria e la Corea del Nord.

Secondo il WWF, la principale minaccia per la tigre dell’Amur è l’uomo. Nel rapporto Report WWF The Way of the Tiger, viene sottolineato che “tra il 2000 e il 2016, 279 conflitti hanno portato alla morte di 33 tigri, il 15% della popolazione. L’80% della mortalità di tigri in Russia è causata dall’uomo”.

“Il numero dei conflitti tra tigri e persone è raddoppiato dal 2010. Dato il numero crescente delle popolazioni di tigri e le attività umane svolte nei loro habitat, ci si aspetta che questo numero continui ad aumentare mettendo a rischio il futuro delle tigri”, sottolinea il dossier del WWf.

Le organizzazioni opera per ridurre il maggior numero di conflitti con l’uomo e pericoli per la specie, avviando strategie di conservazione con il Governo e le autorità locali. Oltre al recupero di esemplari feriti, i centri di recupero provvedono al recupero dei cuccioli per la loro riabilitazione. Dopo il rilascio vengono monitorati, tramite rilevamento satellitare.

Fototrappola

Video dell’avvistamento

IMG_2652

Приморский охотнадзор продолжает работать в окрестностях поселка Горноводное, на окраину которого уже третью неделю приходит амурский тигр. Хищник ведет себя спокойно и мирно. Местные жители на пропажу домашних животных не жалуются, значит, сам добывает в дикой природе пропитание. На кадрах с фотоловушек видно, что тигр толстый и справный. Его возраст оценивается в 1-1,5 года. Специалистам нужно понять, почему тигрёнок вышел к поселку и где его мать. Для его обнаружения используют тепловизоры, квадрокоптер, фотоловушки. На них тигр попадается, а вживую наткнуться на него специалисты не могут. Когда хищника найдут, его либо отпугнут от села, либо переместят подальше от населенного пункта, либо помесят в реабилитационный центр.ENG: Hunting Control of Primorsky Krai continues to work in the vicinity of Gornovodnoe village, where amur tiger has been roaming around for three weeks already.The predator behaves calmly and peacefully. The locals do not complain about the loss of pets, so the tiger gets food in the wild. Footage from photo traps shows that the tiger is fat and right. His age is estimated at 1-1.5 years. Specialists need to understand why the tiger came to the village and where his mother is. They use thermal imaging cameras, ATVs and trail cameras to find the tiger. When they find the predator, he will either be scared away from the village, relocated further away from the settlement, or taken in a rehabilitation center.

Pubblicato da Центр «Амурский тигр» su Venerdì 15 maggio 2020

 

Ti potrebbe interessare–>

C.D.