Home Curiosita Storie di babbuini stupefacenti: queste scimmie sono davvero pazzesche

Storie di babbuini stupefacenti: queste scimmie sono davvero pazzesche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:52
CONDIVIDI

Un animale particolare e interessante, questa scimmia è protagonista anche di racconti e notizie davvero bizzarre. Oggi vi raccontiamo le storie di babbuini più pazzesche mai sentite.

Storie di babbuini stupefacenti: queste scimmie sono davvero pazzesche
Storie di babbuini davvero stupefacenti. (Foto Pinterest)

Il babbuino è un animale molto particolare. Spesso legato al pregiudizio che si porta dietro il suo nome, di essere poco sveglio, magari stupido, rispetto soprattutto alle altre scimmie. Infatti, solitamente i babbuini non ricevono mai la stessa attenzione dei loro cugini apparentemente più svegli. Questo è probabilmente dovuto ai loro denti terrificanti, al comportamento aggressivo e alle facce tutt’altro che fotogeniche. E questo è in realtà un peccato. Sono creature davvero affascinanti, fintanto che ci si tiene a distanza, e ci sono molte storie di babbuini davvero strane, sul loro comportamento selvaggio.

Le storie di babbuini più bizzarre

babbuini
Le storie di babbuini più assurde e strane. (Foto Pixabay)

Le scimmie che parlano francese

I guardiani dello zoo della riserva di Port Lympne nel Kent, in Inghilterra, avevano un po’ di problemi. Recentemente avevano ricevuto 19 babbuini della Guinea dallo zoo di Parigi, ma queste particolari scimmie sembravano piuttosto confuse. Ogni volta che i custodi cercavano di chiamarli a pranzo o di dare loro qualsiasi tipo di comando, i babbuini sembravano solo perplessi. 

Fu allora che i custodi ricordarono che le scimmie erano francesi. Qualsiasi linguista (o bambino di età superiore ai cinque anni) sa che i guardiani di uno zoo francese parlano generalmente francese. Come tali, i babbuini erano abituati a sentire comandi che suonavano un po’ più romantici. Certo, i babbuini non capivano il francese, ma erano arrivati ​​ad associare determinati suoni a determinati risultati. 

Quando senti dejeuner, significa che gli umani stanno tirando fuori il cibo, quindi sostanzialmente i guardiani dello zoo hanno avuto due scelte: insegnare alle scimmie l’inglese o rispolverare il loro francese. Dato che addestrare i babbuini a “capire” l’inglese probabilmente avrebbe richiesto dei mesi, i custodi hanno deciso di scegliere la seconda opzione. 

I babbuini che hanno scelto la pace

babbuino dove vive
I babbuini, notoriamente aggressivi quando serve. (Foto Pixabay)

Chi ha mai sentito storie di babbuini sa che non sono esattamente le scimmie più pacifiche del pianeta. Con i loro cattivi atteggiamenti e i canini affilatissimi, sono alcuni degli animali più aggressivi che si possa incontrare. Secondo Robert Sapolsky, un gruppo di babbuini è un perfetto esempio di una società gerarchica altamente aggressiva, dominata dai maschi, inoltre si scontrano costantemente l’uno con l’altro. Ma chi è Robert Sapolsky? Beh, è ​​un neuroscienziato di Stanford che sa un bel po’ dei nostri amici pelosi e con le zanne. Sapolsky è un esperto di stress e trascorre molto tempo a studiare i babbuini nel Serengeti. 

Grazie ai loro modi selvaggi, la vita dei babbuini è piena di esempi che dimostrano come lo stress abbia un impatto sulla società. Dopotutto, i maschi si combattono continuamente. Tuttavia, diversi anni fa, accadde qualcosa a un particolare gruppo di babbuini che cambiò il modo in cui Sapolsky vedeva gli animali africani.

Negli anni ’80, Sapolsky stava seguendo un particolare gruppo, quando fece una straordinaria scoperta. Avevano trovato una discarica dietro un lodge turistico keniota, ed era pieno di tutti i tipi di prelibatezze tra cui panini, patatine e frutta. Tuttavia, dopo alcuni mesi di cibo gratuito, i babbuini vennero infettati dalla tubercolosi bovina

La malattia mangiò via le mani delle scimmie, costringendole a camminare sui gomiti e presto quasi tutti i maschi nella truppa di Sapolsky morirono. Fu allora che il neuroscienziato notò uno strano comportamento. Senza tutti i maschi in giro, le femmine hanno iniziato a comportarsi diversamente. Ogni volta che un nuovo maschio si aggirava nel gruppo, le donne cominciavano a spulciarlo e curarlo, circa sei giorni dopo il suo arrivo. Di solito, quando si presenta un nuovo maschio, tutte le femmine lo ignorano per un po’.

E allora perché? Bene, il nuovo arrivato è sul fondo della scala sociale. I maschi lo picchiano costantemente, e se trovano una delle “ragazze” che governano il nuovo ragazzo, se la prenderanno con le femmine. Normalmente, ci vogliono tre mesi prima che le donne possano pulire il suo pelo, ma nella truppa di Sapolsky, senza i vecchi maschi alfa in giro, le ragazze non dovevano preoccuparsi delle ripercussioni e iniziarono a governare nuovi maschi molto prima. 

Questo comportamento ha avuto uno strano effetto calmante sui nuovi membri. Fondamentalmente, ogni volta che si presentava un nuovo maschio, veniva curato, e poi andava d’accordo perfettamente con gli altri maschi. Anche più strano, tutti i maschi iniziarono a spulciarsi e curarsi a vicenda. Secondo Sapolsky, è incredibilmente raro. I babbuini maschi sono generalmente “troppo macho” per raccogliere le pulci e spuntare il pelo di un altro maschio, ma in questo gruppo improvvisamente erano tutti amici. 

Ciò che è davvero sorprendente è che dopo oltre 20 anni e l’arrivo di tanti nuovi maschi, il gruppo di Sapolsky sta ancora vivendo un’esistenza pacifica. Hanno essenzialmente eliminato l’aggressività dalla propria società. E questo ha dato a Sapolsky una grande speranza, non solo per i babbuini, ma anche per l’umanità. Se le scimmie riescono a superare la loro stessa natura violenta, forse un giorno anche gli umani potranno farlo.

Robinson il babbuino naufrago

Si chiama Robinson ed è una delle scimmie protagoniste delle storie di babbuini più tristi di tutta l’Africa. C’era una volta, questo babbuino nero che era in cima al mondo. Era il re del suo gruppo, il primo primate, quello con cui non si scherzava. Poi, otto anni fa, tutto è cambiato. Era un giorno come tanti, nel parco nazionale Mana Pools dello Zimbabwe, e Robinson era impegnato a dominare sulle altre scimmie, quando improvvisamente si ritrovò bloccato.

Nessuno sa esattamente cosa sia successo, ma Robinson in qualche modo è finito su una piccola isola nel mezzo del fiume Zambezi (da cui il suo nome). Forse lo aveva attraversato durante la stagione secca ed ora si era trovato intrappolato, o forse aveva nuotato fino a lì per sfuggire a un felino affamato. Ad ogni modo, ora è bloccato lì e non può tornare indietro. Ma perché qualcuno non ha organizzato una missione di salvataggio?

L’autorità per la gestione dei parchi e della fauna selvatica dello Zimbabwe ha deciso che non avrebbero aiutato Robinson, sostenendo in pratica che gli umani non dovrebbero ficcare il naso negli affari di Madre Natura. Numerosi turisti hanno cercato di salvare il povero babbuino, ma ogni missione di salvataggio si è conclusa con un fallimento. 

Un uomo si presentò persino con una barca piena di banane, sperando di attirare Robinson sulla sua piccola nave, ma per qualche ragione, la scimmia non era interessata. Sfortunatamente, i giorni di Robinson sono contati. O finirà il cibo (sopravvive con una dieta a base di erba, radici e uova di uccelli), o verrà spazzato via in una massiccia inondazione. Inoltre, proprio lungo il fiume c’è la diga di Kariba, una struttura creata dall’uomo che rischia di crollare. 

Le sue fondamenta sono in decomposizione e, prima o poi, la diga crollerà. Quando ciò accadrà, Robinson non avrà altra scelta che farsi una piccola nuotata (così come i 3,5 milioni di umani nell’area). Speriamo che il governo ripari la diga in tempo, e che Robinson alla fine affronti i coccodrilli e riuscirà a tornare indietro a riva. Fino ad allora, può solo guardare verso il fiume, osservando il suo gruppo che si raduna vicino all’acqua ogni sera a piangere il loro re perduto.

Una fotografia falsa

babbuino che mangia
Il babbuino mangia frutta, erbe, semi, corteccia e radici, ma ama anche la carne. (Foto Pixabay)

Leopardi e babbuini non vanno d’accordo. I leopardini amano una belle merenda a base di scimmia, ma i babbuini non sono esattamente vittime indifese che tremano di paura quando si presenta un grosso felino. Se ci sono abbastanza scimmie arrabbiate insieme in un solo posto, possono fare a pezzi un leopardo. In effetti, in un’occasione, un gruppo arrabbiato ha effettivamente cercato di trascinare un leopardo fuori dalla sua tana. È probabile che non volessero giocare.

Forse nessuno ha catturato questa intensa rivalità tra primati e felini, meglio del defunto John Dominis. Fotografo per la rivista LIFE, Dominis ha scattato delle foto davvero straordinarie. Una delle sue foto più famose è l’immagine sorprendente di un leopardo affamato che attacca un babbuino sfortunato. Il leopardo sta caricando attraverso le sabbie del deserto, con la schiena arcuata, la testa leggermente inclinata all’indietro come un serpente pronto a colpire.

Il babbuino è assolutamente terrorizzato, a bocca aperta, che corre all’indietro, troppo spaventato per distogliere lo sguardo dall’attaccante. Come è facile immaginare, il leopardo ha ucciso il babbuino. Il “cerchio della vita” è vizioso, solo qui c’è qualcosa che non va. A quanto pare, l’immagine era una messa in scena, organizzata  da John Dominis nel 1965. 

Che ci crediate o no, era una pratica comune all’epoca per i fotografi orchestrare le foto della natura. Sperando di ottenere una bella foto, Dominis fece caricare un leopardo catturato da un amico cacciatore sul retro di un camion, e i due partirono alla ricerca di un babbuino. Durante il loro viaggio, Dominis incontrò diversi gruppi, ma ogni volta che scatenava il leopardo, le scimmie scappavano sugli alberi, fino a quando non trovò quel particolare babbuino che decise di restare fermo. 

Amore innaturale

E restando in tema di storie di babbuini attaccati da leopardi, diamo un’occhiata a Dereck e Beverly Joubert. Per quasi 40 anni, questa fantastica coppia ha lavorato in Sudafrica e in Botswana, producendo oltre 20 documentari rivoluzionari per il National Geographic, rischiando spesso a causa di attacchi di animali e incidenti di viaggio. Ciò che è ancora più impressionante è che i Jouberts vivono in una tenda nel Delta dell’Okavango del Botswana.

I Jouberts hanno registrato tutti i tipi di momenti folli, ma forse la cosa più strana che abbiano mai catturato nel film è stata quando un leopardo di nome Legadema è andato a caccia di babbuini. Il grosso felino trovò una scimmia succulenta, la uccise prontamente e stava per abbattersi sul suo pasto, quando accadde qualcosa di strano. Il leopardo notò un cucciolo di babbuino aggrapparsi al corpo della defunta madre.

Sorpreso, il leopardo lasciò cadere il cadavere della madre, raccolse il piccolo di pochi giorni tra i denti e lo portò su un albero. Solo che Legadema non aveva intenzione di mangiare il piccolo. Invece, stava proteggendo la giovane scimmia, proteggendola dalle iene in agguato. E mentre la notte andava avanti, il leopardo sembrava persino cercare di scaldare il babbuino con il suo stesso corpo.

Di tanto in tanto, il piccolo di babbuino cadeva a terra e il leopardo scendeva dal suo ramo e recuperava il cucciolo. Questa storia è andato avanti per cinque ore di fila, con i Jouberts a guardare tutto il tempo, fino a quando il babbuino è tristemente morto per il freddo. E se è certamente triste che la scimmia sia deceduta, Dereck e Beverly hanno catturato un momento in cui gli istinti materni e predatori si sono schiantati l’uno nell’altro e la salvaguardia della vita ha vinto sulla natura violenta.

Caporale Jackie del terzo reggimento sudafricano di fanteria

babbuino e cuccioli
Mamma babbuino e il suo cucciolo. (Foto Pixabay)

Se vogliamo trovare tra i babbuini l’equivalente di Zanna Bianca, un ottimo candidato è Jackie, un babbuino sudafricano. Questo piccoletto viveva con un contadino di nome Albert Marr vicino alla capitale Pretoria. Nel 1915, Marr si unì al Terzo Reggimento di fanteria sudafricano per fare la sua parte nella prima guerra mondiale, solo che non voleva lasciare il suo animale domestico a casa. Quando Marr partì, portò con sé Jackie e la scimmia divenne rapidamente la mascotte del reggimento

A Jackie fu data la sua uniforme, ricevette razioni e persino il suo salario. Jackie era praticamente il soldato perfetto. È stato addestrato per salutare gli ufficiali superiori e ha imparato a stare tranquillo. Di pattuglia, Jackie era un’eccellente scimmia da guardia e Albert faceva spesso affidamento sugli occhi e sulle orecchie del suo amico. E i due videro un bel po’ di combattimenti prima che la Germania firmasse il Trattato di Versailles. 

Durante un tour nel nord-ovest dell’Egitto, Marr fu ferito nella Battaglia di Agagia e prima che arrivassero i medici, Jackie cercò di aiutare leccando la ferita di Albert. Nell’aprile del 1918, Marr fu colpito di nuovo, solo che questa volta anche Jackie fu ferito. Mentre i proiettili sfrecciavano e scoppiavano le granate, Jackie cercò di costruire un muro di pietra per proteggerlo. Purtroppo, un carico di schegge ha colpito Jackie alla gamba, costringendo i medici ad amputare l’arto con un paio di forbici mentre Jackie era incosciente. 

Per il suo coraggio, Jackie fu promosso caporale e ricevette persino una medaglia per il valore. Alla fine, Albert e Jackie lasciarono le linee del fronte e aiutarono la Croce Rossa a intrattenere i soldati feriti. Anche se entrambi furono feriti, Jackie e Albert riuscirono a sopravvivere durante la prima guerra mondiale. Furono dimessi nel 1919, ma non prima che Jackie recitasse in una parata di vittoria per le strade di Londra. I due alla fine tornarono alla loro fattoria in Sudafrica, dove entrambi ricevettero le pensioni militari.

Fred e la sua banda criminale

Fred era un babbuino nero e, nonostante il suo nome senza pretese, è l’Al Capone del mondo dei primati. Fred e la sua banda operavano da Città del Capo, in Sudafrica, una città che ospita oltre 400 babbuini. Il furto di auto era la specialità di Fred. Era noto per irrompere in auto con i passeggeri ancora all’interno, scacciare gli umani e divorare qualsiasi prelibatezza trovasse. Fred era un ladro così abile che riusciva a fare irruzione in quattro o cinque macchine in cinque minuti, e di tanto in tanto era noto che anche Fred diventava piuttosto fisico. 

Ha attaccato almeno tre sfortunati turisti durante il suo lungo regno di terrore. Inutile dire che Fred non era molto popolare tra i cittadini di Città del Capo, era davvero famoso tra le storie di babbuini più “noir”. Come ogni bravo imbroglione, aveva la sua giusta dose di nemici ed è stato colpito a più di 50 volte, ma nessun proiettile forgiato dall’uomo ha potuto fermare questa spietata scimmia. Ma si sa, si può evadere la legge solo per poco tempo. 

Alla fine, Fred fu catturato e il governo fu costretto a prendere una decisione difficile. Cosa fare con lui? Sfortunatamente, Fred era violento e completamente senza paura delle persone. A causa dei turisti che davano da mangiare ai babbuini, questa scimmia vedeva le persone come potenziali bersagli e liberare Fred in libertà non era un’opzione. Purtroppo, il governo della città ha deciso di abbatterlo e, nel 2011, il leggendario fuorilegge è stato messo a morte per iniezione letale.

L’ammutinamento delle scimmie

babbuino
Un babbuino maschio. Queste storie di babbuini sono impensabili! (Foto Pixabay)

Concludiamo con le storie di babbuini con una bella storia di mare. Le scimmie sono conosciute in tutto il mondo per la loro natura dispettosa e “birichina”, e i babbuini non fanno certo eccezione. Nel 2013, un babbuino di nome Mickey ha deciso di palpeggiare una reporter della Fox News e, nel 2011, un babbuino è fuggito da un parco di divertimenti del New Jersey e ha evitato con successo i suoi ricercatori per tre giorni interi.

Ma se vogliamo una storia davvero stravagante con delle scimmie birichine, bisogna tornare al lontano 1908 quando un diabolico babbuino istigò l’ammutinamento più furioso di tutti i tempi. Una nave a vapore britannica era in viaggio dall’India a Filadelfia con un carico pieno di 400 scimmie. Non conosciamo le loro specie particolari, ma è nota la presenza di un babbuino piuttosto diabolico. Questo piccolo mascalzone era l’animale domestico di un povero marinaio e, evidentemente, si sentiva dispiaciuto per tutte quelle scimmie messe in gabbia sotto il ponte. Volendo liberare i suoi fratelli primati, il babbuino sgattaiolò nella stiva e aprì le gabbie. 

Con le porte spalancate, tutte e 400 le scimmie hanno preso d’assalto il ponte e hanno preso il controllo della nave. Come tutti i bravi ammutinati, le scimmie sapevano di aver bisogno di armi, quindi rubarono le spille di sicurezza della nave, si arrampicarono sui punti più alti e scagliarono le spille di ogni marinaio che metteva la testa fuori dalla cabina. 

Le scimmie hanno avuto il controllo della nave per due giorni interi, saltando da un albero all’altro e tormentando l’equipaggio. Ma alla fine, il capitano ha avuto un’idea piuttosto brillante. Afferrò diverse pentole, le riempì di melassa e poi aggiunse allo sciroppo dell’alcol. Le pentole vennero quindi messe sul ponte, e le scimmie non poterono resistere a quel dolce zucchero. Dopo qualche ora, il ponte fu coperto di 400 scimmie ubriache, che ormai inoffensive, barcollando e dormendo. I pelosi delinquenti furono riuniti e rimessi nelle loro gabbie, ma non sappiamo cosa è successo al babbuino. Speriamo non sia stato rimproverato per l’ammutinamento.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello