Home Cavalli Primavera, periodo della muta del cavallo: la perdita di pelo

Primavera, periodo della muta del cavallo: la perdita di pelo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:13
CONDIVIDI

A primavera arriva la stagione della muta nel cavallo che perde il pelo invernale

Cavallo con pelo [email protected]

La muta è il cambio del pelo stagionale. Tutti gli animali che hanno il pelo come i più comuni cani e gatti, in base alla stagione cambiano il pelo. In generale, il cambio si verifica due volte l’anno, a primavera e in autunno. Così anche nei cavalli. D’inverno, i cavalli che vivono all’aperto mettono in cosiddetto pelo invernale. Più lungo e meno lucido. Contribuisce a salvaguardarli dalle temperature più rigide.

–> Proteggere il cavallo dal freddo e dall’umidità in inverno

Nel periodo estivo, il pelo è corto, raso e molto più brillante.

La muta del cavallo

Il cambio del pelo si verifica in primavera e in autunno in concomitanza con il cambio delle temperature. Nel periodo invernale il si forma un pellicciotto. Anche se il cavallo cambia il pelo durante tutto l’anno, nel periodo della Primavera si verifica la muta vera e propria, quando perde il pelo folto e lungo invernale.

Anche il colore del mantello del cavallo può variare nelle tonalità: il cavallo resta dello stesso colore, ma la tonalità può essere più vivace e brillante quando il pelo è corto in estate. Il cavallo morello ad esempio, tende ad avere un nero più accesso, così come il baio.

La muta del cavallo a Primavera

Il cavallo inizia a perdere il pelo quando le temperature si alzano, diventano più mite. A volte la primavera può arrivare in anticipo, in altri anni può essere più tardiva.

In questa fase, il cavallo perde molto più pelo. Quando viene spazzolato, il pelo invernale viene rimosso, mentre lascia spazio al pelo lucente estivo.

Quanto tempo dura la muta

La muta non è sempre uniforme. Ha una durata media che spazia dai 15 ai 20 giorni.

Il cavallo perde il pelo a chiazze e potrebbe sembrare un problema alla pelle, una dermatite oppure una rogna. In realtà si tratta della muta.

Come favorire la muta

La muta provoca prurito nel cavallo che tende a grattarsi sugli alberi, superfici di vario tipo come il ballone del fieno fino anche sul cavaliere che potrebbe trovarsi peli ovunque.

Per favorire la muta, è consigliato spazzolare molto il cavallo giornalmente. Usando sia la striglia che la brusca un tipo di spazzola con setole dure. E’ possibile anche impiegare un guanto di crine o una pietra pomice, rimedi antichi ma pur sempre efficaci.

In alternativa, si potrà ricorrere ai pettini-striglia, uno strumento veloce per rimuovere il pelo vecchio.

–> Gli accessori indispensabili per prendersi cura del cavallo
–> Come curare la criniera del cavallo e le diverse pettinature

Alimentazione durante la muta

Nella fase della muta, un periodo di stress per l’animale, è importante sostenere l’organismo del cavallo che necessita molte energie e proteine per lo più aminoacidi per la produzione del pelo.

Sono da integrare anche oligoelementi tra i quali zinco, rame e selenio. 

Perdita di pelo: quando preoccuparsi

Manto estivo del cavallo @iStock

Solo in alcuni casi la perdita eccessiva di pelo che forma delle chiazze può essere riconducibile a un problema di salute dell’animale o alimentare.

Patologie della pelle: sintomi  

  • chiazze in anticipo rispetto alla stagione di muta
  • croste
  • forfora
  • lesioni
  • perdita totale del pelo con chiazze di pelle

Le patologie della cute sono molto comuni nel cavallo. In nessun caso dovrebbero essere sottovalutate soprattutto se la superficie in cui manca il pelo è estesa oppure si presentano delle lesioni sulla pelle visibili.

Tra le patologie: ipersensibilità agli insetti o dermatite estiva recidivante, allergie, micosi, piaghe estive, infezioni batteriche, papillomi virali, rogna Sarcoide fino a patologie più gravi quali melanoma (frequente nei cavalli grigi), carcinoma squamoso.

Perdita di pelo e alimentazione- La perdita del pelo o il pelo spento nel cavallo può indicare anche una carenza alimentare o una dieta non bilanciata anche in base all’attività dell’animale. La mancanza di Omega 3 e vitamina E possono portare al peggioramento della qualità del mantello.

–> Come si differenziano i colori del mantello dei cavalli

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI